•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 6 maggio, 2010

articolo scritto da:

Le imprese parlino Inglese

PMI: piccole e medie imprese

Il management sia delle imprese che delle pubbliche amministrazioni non può né deve rimanere in retroguardia quando con sempre maggior forza il cambiamento stesso diviene la cifra che connota gli scenari entro i quali le imprese devono operare.

 

LZ_Management_1 imprese

 

La globalizzazione, l’entrata in scena di paesi in rapido sviluppo con il corredo i nuovi competitori aggressivi e determinati; le liberalizzazioni in alcuni paesi; l’integrazione dei mercati; l’incalzare delle sensibilità ambientali; le aspettative degli investitori, l’attivismo dei fondi di Private Equity (dove largamente e positivamente operano); la rilevanza degli stakeholder, dei portatori di interessi verso l’impresa; il ruolo crescente dei consumatori nel processo di interrelazione con l’impresa; l’introduzione accelerata di nuovi strumenti informatici e telematici; l’accelerazione dei processi. Tutto questo è l’insieme di vincoli ed opportunità che un adeguato management deve disporre opportunamente per conseguire gli scopi di breve e lungo termine dell’impresa.

[ad]La competitività di un’impresa non è più  pensabile derivi dalla sola gestione dei fattori produttivi ma da un processo di scelte multidimensionali ed interrelate fatte di alternative diverse attraverso il quale si individuano, si disegnano e si realizzano nuovi modelli organizzativi e gestionali e nuovi modelli di business caratterizzati dall’elevata efficienza, dalla forte flessibilità e dalla velocità nell’adeguamento a mutati fattori esterni ed interni. Le tipologie più avanzate ed evolute di management tipicamente generate nelle grandi imprese devono di necessità trasferirsi in quelle aziende di minori dimensioni che abbiano l’ambizione di crescere e consolidarsi. L’internazionalizzazione, l’apertura di nuovi mercati sono gli esempi classici insieme ai casi di delocalizzazione delle produzioni. Altrettanto vale per l’utilizzo delle più sofisticate pratiche relative alla gestione finanziaria dell’impresa stretta tra le necessità di conseguire risultati di profitto a breve termine a favore degli azionisti e le esigenze di lungo termine indispensabili a sostenere crescita, nuovi investimenti e consolidamento .

Questi aspetti e tutti gli altri connessi alla gestione avranno senso se connessi ad un continuo processo di ricerca ed innovazione che esca dal ristretto ambito degli uffici R&D e si estenda sinergicamente a tutta l’impresa ed a tutta la filiera produttiva andando a rompere lo schema di procedure, processi e sistemi troppo rigido e tendenzialmente burocratico snellendolo con la valorizzazione delle persone allo scopo di spostare il focus verso proattività, spirito di iniziativa, responsabilità, orientamento all’innovazione ed al team. E’ il passaggio dalle economie di scala e di scopo all’economia che includendo il consumatore, le sue esigenze, le sue sensibilità viene definita esperienziale, quella delle 3F Fantasies, Feeling and Fun e rappresenta il completamento, almeno fino ad oggi, dell’evoluzione del management le cui potenzialità sono intuibili dalla figura che segue.

La figura che segue intuitivamente mostra il passaggio graduale verso l’economia esperienziale che migliora le potenzialità competitive dell’impresa (asse delle Y) ed il correlativo migliorare delle suscettibilità positive nella fissazione dei prezzi (asse delle x).

LZ_Economia_esperienziale_2

 

 

Dal grafico, mi auguro si comprendano le motivazioni per le quali cambiare l’impresa diventa vitale ma impone che l’impresa si doti di efficienti sensori che restituiscano all’impresa tempestivi ed affidabili segnali delle tendenze dei consumatori ad ulteriori cambiamenti che essa dovrà precedere per poter continuare a detenere una posizione competitiva e quindi crescere e prosperare.

Senza procedere oltre, l’intento qui è stato quello di sottolineare che le crisi si affrontano con il cambiamento o con le ristrutturazioni a loro volta possibili a condizione che sia presente adeguata cultura d’impresa oltre ad un complesso di esternalità funzionali allo scopo.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments