•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 24 aprile, 2012

articolo scritto da:

Il buio oltre il 6 maggio

6 maggio

Gran parte del mondo politico italiano ha attribuito alle prossime elezioni amministrative del 6 maggio una vera e propria funzione catartica.

Già in passato si era discusso, nella plumbea sede dell’ABC filo-governativa, di riforme istituzionali ma non di legge elettorale. Perché, si sa, “è meglio aspettare il quadro che delineeranno le prossime comunali”.

[ad]In vista dell’importante scadenza i partiti si fanno vedere pronti. O almeno ci provano. Casini addirittura “azzera tutti i vertici dell’Udc”. Si dimette da leader dell’Udc e da presidente dell’Unione di Centro (percepite la differenza tra i due soggetti, vero?). Nell’attesa del Partito della Nazione, della Lista Civica Nazionale o del contenitore post-Todi capace di coagulare il meglio dell’attuale esperienza governativa. Il tutto, ça va sans dire, per essere pronti dopo le “fondamentali” elezioni comunali.

Ma il PdL da sempre non sta a guardare. E Angelino Alfano, direttamente dalla fiera del mobile di Milano, segnala ai cronisti, con tanto di Daniele Santanchè alla destra del Delfino senza quid, che dopo le “importantissime” elezioni comunali del 6 maggio il segretario del PdL e Berlusconi annunceranno la più grande novità politica degli ultimi anni da quando è nata Forza Italia. Un evento “epocale” successivo ad un appuntamento elettorale “epocale”.

6 maggio

Sembra pensarla in maniera diversa Bersani che stordito da questa raffica di nuovi soggetti forse esagera un po’ e utilizza lo slogan infelice secondo cui il Pd, di fronte ad un quadro così mutevole, rappresenta “l’usato sicuro”. Ma poi sotto sotto, intervistato sui fatti francesi, ricorda come il 6 maggio si vota anche per le amministrative. E in quello stesso giorno, ballottaggi italiani a parte, potrebbe cambiare il vento sia nei pressi dell’Eliseo sia nei pressi della prefettura di Parma.

Insomma, per gran parte della politica italiana queste elezioni amministrative, le prime del post-Berlusconi, saranno capaci di disegnare un nuovo e rinnovato quadro politico attualmente basato su una struttura di tipo tripolare.

Alcuni auspicano un cambiamento di questo sistema e cercano di favorirne o velocizzarne i tempi (Casini). Altri lo temono e per paura di rimanerne travolti (do you remember Mariotto Segni) cercando di mettersi sulla difensiva.

La realtà, come non ci siamo mai sforzato di ricordare, che senz’altro quella del 6 maggio sarà una tornata fondamentale. Ma pensare che da sola, assieme all’attuale esecutivo, possa mutare anche dal punto di vista meramente elettorale le vicende del nostro sistema politico nostrano appare una presunzione un bel po’ grossa.

Anche perché concretamente non sono chiare, in primis ai player in campo, le prospettive di questo nuovo e fantomatico sistema politico rinnovato.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments