•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 26 aprile, 2009

articolo scritto da:

Referendum elettorale, su cosa si vota?

Il referendum sulla legge elettorale si terrà il 21 giugno, insieme ai ballottaggi delle elezioni amministrative. Ma su che cosa si va a votare? Chi andrà a votare al referendum il 21 giugno si troverà davanti a tre schede, con tre quesiti relativi alla legge elettorale. Vediamo nel dettaglio di che cosa trattano.

SCHEDA 1 VERDE – LEGGE ELETTORALE DELLA CAMERA

Se vince il “no” o va a votare meno del 50%+1 degli elettori: rimane in piedi la legge vigente. Dei 630 seggi della Camera, il 55% (pari a 340 seggi) va alla formazione politica che ottiene la maggioranza relativa dei voti (basta avere anche un voto in più degli avversari). Per ottenere questa maggioranza relativa,le liste hanno la possibilità di creare coalizioni: i partiti che ne fanno parte saranno contate, ai fini del calcolo dei voti, come se fossero una lista unica. Da notare che le liste non possono entrare in Parlamento se ottengono meno del 4% dei voti, ma se fanno parte di una coalizione possono entrare anche ottenendo solo il 2% dei voti. Le soglie di sbarramento sono dunque differenziate.

Se vince il “sì” e va a votare più del 50%+1 degli elettori: non sarà più possibile presentare coalizioni. La lista che ottiene la maggioranza relativa otterrà da sola il 55% dei seggi.

Esempio:alle elezioni 2008 il PdL ha ottenuto il 37,4% dei voti, contro il 33,2% del secondo partito (il PD).
Con la legge che uscirebbe,eventualmente,dal referendum,avrebbe ottenuto il 55% dei seggi senza bisogno della Lega. Ma se PD e Italia dei Valori avessero fatto una lista unica, avrebbero ottenuto il 37,6% dei voti, risultando il primo partito e ottenendo così il 55% dei seggi.
Da notare che con la legge che uscirebbe dal referendum,i partiti con meno del 4% dei voti starebbero fuori dal Parlamento, senza che possano essere “salvate” dalla loro appartenenza a una coalizione: le coalizioni, semplicemente, non esisterebbero più.

SCHEDA 2 BIANCA – LEGGE ELETTORALE DEL SENATO

Stesso meccanismo della Camera. Con una differenza: il calcolo dei seggi avviene su base regionale. Dunque, se vince il Sì, la lista (e non la coalizione) che ottiene la maggioranza dei voti in una regione ottiene il 55% dei seggi di quella regione.

SCHEDA 3 ROSSA – DIVIETO DI CANDIDATURE MULTIPLE

Con l’attuale legge, ogni candidato ha la possibilità di candidarsi in più di una delle diverse circoscrizioni elettorali in cui è diviso il territorio (a ogni circoscrizione corrisponde una lista di candidati, per ogni partito saranno eletti tanti candidati della lista quanti sono i voti ottenuti da quel partito in quella circoscrizione).

Se vince il sì e va a votare più del 50%+1 degli elettori ogni candidato avrà la possibilità di candidarsi in una e una sola circoscrizione.


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments