•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 29 aprile, 2012

articolo scritto da:

Sulla definizione di Leadership. Seconda puntata: il PD

leadership PD


Questa è la seconda puntata dedicata al tema della leadership politica in Italia. Se avete letto anche la prima parte ricorderete forse che si parlava di una importante eccezione in tema di leadership tra i partiti italiani. Un grosso partito quindi con un problema cronico di mancanza di vera leadership.

Stiamo parlando naturalmente del PD, non c’è bisogno di grandi spiegazioni. Si tratta di una curiosa anomalia di massa.

leadership PDIl PD è un caso unico nel panorama politico italiano, nel bene e nel male.
Il partito per eccellenza, qualcuno potrebbe dire che sia l’unico vero partito ma non sarebbe un giudizio generoso verso altri partiti veri, che ci sono malgrado il decadere nell’opinione pubblica dell’idea di partito, e di cui ci occuperemo successivamente.

[ad]L’unicità del PD sta nella sua cronica carenza di una leadership vera da molti anni.
Faremo una assunzione di base che a qualcuno farà storcere il naso ma che secondo noi potrà aiutare a comprendere alcune dinamiche.
L’assunzione di base è quella di voler studiare la forma partito e la leadership non del PD tout-court ma del principale partito del centrosinistra italiano durante gli ultimi 20 anni.
Stiamo parlando quindi della sequenza PDS-DS-PD. Mi rendo conto che non è del tutto corretto ed infatti anche per adattare meglio questo modello ai fatti sarà citata anche la leadership (che come vedremo era soprattutto elettorale) di Rutelli nel 2001. Questa sequenza serve a inquadrare l’andamento del mainstream del centrosinistra attraverso le sue anime di volta in volta preponderanti ipotizzando una evoluzione senza soluzione di continuità che ha mantenuto secondo noi una dorsale comune nell’arco di 20 anni.

Fatta questa doverosa premessa cercheremo di interpretarne le evoluzioni e ne analizzeremo il percorso a partire dal 1992.
Durante quegli anni infuriava “Mani Pulite” ed ogni giorno che passava era sempre più chiaro che il sistema dei partiti così come era stato conosciuto fino a quel momento non aveva futuro. Qualcosa di nuovo sarebbe dovuto venire di lì a poco ma nessuno aveva ancora ben chiaro cosa, sebbene molti avrebbero scommesso su una facile vittoria del blocco fino a quel momento all’opposizione, e meno toccato rispetto ad altri grandi partiti (se si fa eccezione del caso del “compagno G.” Primo Greganti che si prese tutta la colpa salvando il partito). Quel blocco aveva come perno principale il PDS di fatto erede del PCI.
Il segretario del PDS era Achille Occhetto, che si trovò alla fine del 1993, quello che in gergo calcistico sembrava fino a pochi mesi prima un “rigore a porta vuota”, alla testa di una “gioiosa macchina da guerra”. Occhetto spinse fortemente, dopo la vincente stagione dei sindaci, verso le elezioni anticipate pensando di avere in pugno una vittoria certa la primavera successiva.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

7 comments
Benito Cremonini
Benito Cremonini

il guaio sono i "non politici" alla SEL e Di Pietro, come si fa a costruire con loro qualcosa che riesca a sopportare le mareggiate della crisi? e dall'altra parte UDC e dintorni,compreso FINI cosa possono garantire? Bersani é stato un ottimo capo della Regione Emilia-Romagna specie nel rapporto con i "cattolici", vero punto debole del PD, purtroppo indispensabile per la realtà italica. Per chi come me ha vissuto per molti anni la realtà bolognese ed emiliano-romagnola da oriundo MSI triestino, Bersani esprime appieno il pragmatismo del vecchio PCI, per questo mi convinve e persino mi avvince inmezzo ai tanti arruffapopoli e rubagalline dorate.

Andrea S.
Andrea S.

Vorrei fare i complimenti per l'articolo. Si vede che c'è molto lavoro dietro, una tesi e la sua difesa. In effetti forse mancano un po' di antitesi, ma potrebbero esservene un po' troppe per dargli il giusto peso. Apprezzo molto il lavoro svolto, ma onestamente penso e spero che sia necessaria, fatta altrettanto bene, una analisi con una leadership differente. Non mediatica, dato che hai già anticipato che lo affrontarai verso la fine, che evidentemente ha peso su molta % della popolazione votante. Ma "italiana". Hai scelto un'ideale anglosassone, dato che tu hai vissuto questa stando all'estero, che come molti commenti su facebook sembrano confermare, non piace agli italiani. Ad esempio sembra che per l'italiano più che la capacità di veicolare un idea sul futuro, ci si basi sulla capacità di generare affetto/stima/emozioni. Esempio il commento di Fabio Vedovelli su Bersani. Come mi pare ovvio che non rientri nemmeno fra le indicazioni proposte da Silvia Stuani, dato che non è capace di fare sintesi ne di imporre il rispetto per decisioni prese dalla maggioranza o dal gruppo dirigente. Potresti veder di aggiungere, se riesci perché immagino che il lavoro sia stato già fatto per la maggior parte e aggiungere caratterstiche in corso da analizzare non è per nulla facile, anche la capacità di farsi "amare" a prescindere dalle caratteristiche di leadership da te considerate. Non vedo l'ora di leggere il prossimo articolo.

Lorenzo
Lorenzo

io credo che in politica non ci voglia per forza una leadership, un uomo forte, per guidare un partito. Ci vogliono idee, e occorre perseguirle in modo onesto. A me Bersani piace: non sarà Berlinguer nè D'Alema  in quanto a carattere, ma è una persona onesta. Ha saputo frenare l'emorragia di voti che il PD ha subito dal 2008. Io non voto PD, ma spero e credo che Bersani non correrà il rischio di vedere svuotato il serbatoio di voti a sinistra. Un'alleanza PD-IDV-SEL basta e avanza per governare questo Paese. Quanto alla leadership, molti storceranno il naso ma ora come ora l'unico vero leader carismatico che c'è a sinistra si chiama Nichi Vendola. Il PD sia meno democristiano e più socialista...

Maurizio Pane
Maurizio Pane

Caro Gianluca finchè la politica sarà tarata sul leader carismatico e non sulle proposte vere penso che ci sia poco spazio per il PD. Su una cosa, ti dò ragione, forse il partito oggi è troppo appiattito sul sindacato (vedi art. 18) e questo non va bene. Iscritto PD

Gianluca Borrelli
Gianluca Borrelli

Grazie per i complimenti Andrea hai colto lo spirito del lavoro svolto da me. In effetti alla fine farò una tabella sulle caratteristiche dei leader come: Visione di futuro - Controllo del partito - Amministrazione della macchina partitica -  Mediaticità - Capacità comunicativa. Sto ancora elaborando la cosa e sia chiaro che i punti sono diversi per esempio Veltroni era molto mediatico ma comunicava malissimo (chi sa cosa intendesse davvero per "riformista" alzi la mano). Controllare il partito non vuol dire necessariamente amministrarlo e amministrarlo non vuol dire controllarlo necessariamente. Ci sto lavorando, grazie per l'apprezzamento!

Gianluca Borrelli
Gianluca Borrelli

ho riconosciuto infatti a Bersani la capacità di frenare l'emorragia dei voti, ma prima che Crozza lo rendesse simpatico nessuno avrebbe mai detto che potesse essere in grado di avere mediaticità... e se questa dipende dalle imitazioni di un comico vuol dire che non poggia sulle basi giuste almeno secondo me...

Gianluca Borrelli
Gianluca Borrelli

Caro Maurizio condivido il tuo pensiero. L'Italia è così e ha ciò che cerca e che sa meritare. Solo una cosa vorrei dire riguardo alle proposte vere: troppo spesso la sintesi del PD è ondivaga, poco chiara, sfuggente quando invece servirebbe maggiore coraggio. Sempre un colpo al cerchio e uno alla botte, retaggio di un fallimentare "maanchismo"