•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 5 maggio, 2012

articolo scritto da:

Uno sguardo su Palermo, parte terza

elezioni a palermo

A pochi giorni dalle amministrative le truppe appaiono, finalmente, schierate: da una parte il centro-destra con Massimo Costa (Pdl, Udc e Grande Sud) dall’altra le due sinistre di Orlando (Idv, Sinistra ed ecologisti per Palermo) e Ferrandelli (Pd, Ora Palermo-lista Ferrandelli, Palermo per Ferrandeli con Vendola).

[ad]Questi tre candidati, dopo la estenuante campagna elettorale, appaiono come nella celeberrima scena de “Il buono, il brutto e il cattivo”: pronti per il duello finale ma senza sapere chi sparerà per primo e verso chi.

Perché quella di Palermo, in effetti, è stata una campagna elettorale anomala.

Tutti sapevano e si aspettavano, una vittoria schiacciante del centro-sinistra già al primo turno con Rita Borsellino sindaco. Ed invece i palermitani hanno dato ulteriore riprova di un acume politico fuori dal comune: via l’anziana Borsellino, avanti con il giovane Ferrandelli. Tutto concluso? Macchè. Dopo pochi giorni accade quello che tutti si aspettavano: Leoluca Orlando, sindaco della primavera di Palermo, ha rotto l’alleanza con il suo ex delfino e si è candidato da solo con i partiti più a sinistra del centro-sinistra. Risultato? Addio facile vittoria sul centro-destra, benvenuto ballottaggio.

elezioni a palermo

Infatti tanti a Palermo si chiedono perché Orlando abbia voluto spaccare l’alleanza. Certo molti dicono che sia stato meglio ora che una volta arrivati in consiglio comunale, con la possibilità di far cadere il sindaco appena eletto e dar vita ad una nuova campagna elettorale, ma non solo. Sono parecchi i palermitani che, dai cinquant’anni in su, sperano di nuovo che “U sinnacu Luca” riprenda per mano la città e la guidi verso una nuova primavera.

Sappiamo però che non sarà facile. Ferrandelli appare il nuovo che avanza, una persona che si è volutamente staccata dai partiti per mettersi al servizio della città (è uscito dall’IDV per potersi candidare alle primarie) e che è lo specchio dell’attuale momento politico italiano: via i partiti, via le facce antiche, sotto con le liste civiche e i giovani preparati. In effetti, le bordate più dure di questa campagna sono arrivati proprio da Orlando contro Ferrandelli e viceversa: accuse di tradimenti, inciuci, mala gestio, ignoranza politica che hanno lasciato spiazzati coloro che credevano in una facile ed indolore vittoria per poter presiedere lo scranno più alto della Sala delle Lapidi (la sede del consiglio comunale di Palermo, nda).

Conscio della situazione esplosiva che si è creata nel centro-sinistra, Erasmo Palazzotto, leader di SEL in Sicilia, parla apertamente di ballottaggio e spera che si torni uniti a sostenere il candidato che uscirà dalla prima votazione.

In caso di ballottaggio sarà anche importante il posizionamento di Aricò, sostenuto da MPA, FLI, Chiamalacittà, Palermo Avvenire e Alleati per la Sicilia. Deciderà di sostenere Costa riproponendo l’alleanza ora presente in parlamento del Terzo Polo,  volgerà lo sguardo dall’altra parte essendo egli sostenuto anche dal PDL o,infine, lascerà libertà di coscienza ai propri elettori?

E Costa? Continua nella sua campagna elettorale: ottenuta anche la visita del leader dell’UDC Casini, il quale sostiene che “l’alleanza tra UDC e PDL è anomala e non esportabile” assicura che il candidatosia quello più vicino al modello Monti presente ora in Italia. Inoltre lascia intendere che sulle alleanze future decideranno i vertici isolani, ma appare molto difficile che gli si lascino le mani completamente libere per le regionali. Infatti, dopo aver fatto una sortita contro il governo Lombardo, dichiarato “pessimo”, si congeda dall’auditorium dicendo che l’UDC non potrà appoggiare nuovamente un tipo di governo come quello attuale alla regione.

Costa sa che da vittima sacrificale è passato ad essere un possibile vincitore della corsa ed è tra i più presenti ed attivi: sia in città sia negli organi di stampa. A chi lo accusava di aver ripreso delle idee proposte anche dal Movimento 5 stelle (vedi la possibilità di trasmettere il consiglio comunale in diretta su internet) ha risposto che “le buone idee sono di tutti”.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

2 comments
paoloM
paoloM

Questo articolo è pessimo. Non tiene conto di una serie di fattori fondamentali alla spiegazione delle vicende. Molto semplicistico. Che TP scelga con più attenzione i suoi redattori.

Kanazz
Kanazz

che bravi anche questi, cercano di strumentalizzare al massimo una frase di Beppe Grillo, il quale chiaramente, dalla sua bocca è stato tradotto e distribuito una frase completamente diversa:"falsi" Perchè non dite (Orlando escluso) che i candidati del PDL e PD sono nascosti da finte liste civiche? Ormai avete anche capito che è sbagliato parlar male del movimento 5 stelle; meglio parlarne il meno possibile ma nel peggior modo, come in questo caso strumentalizzando una frase sulla mafia. E' inutile ormai nascondersi anche su queste stupidaggini, la rivoluzione ha avuto inizio, il vecchio sistema di sistemare gli amministratori è alla gogna.