•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 10 maggio, 2012

articolo scritto da:

Grecia, non vince nessuno. Possibile anche un governo di sinistra. Neonazisti in Parlamento

Grecia, non vince nessuno. Possibile anche un governo di sinistra. Neonazisti in Parlamento

 

I risultati delle urne

Dalle urne greche esce una società frammentata, almeno in apparenza. Il partito conservatore Nea Demokratia, guidato da Antonis Samaras, è il primo partito con il 18,9%, ciò gli dà diritto al premio di maggioranza e a 108 dei 300 seggi in Parlamento. Samaras ha detto di voler puntare su un «governo di salvezza nazionale» che mantenga la Grecia in Europa e prosegua con la politica di austerità, ma i numeri rendono difficile questa opzione. Al secondo posto c’è la coalizione della sinistra (Syriza) di Alexis Tsipras che ha ottenuto il 16,76% (52 seggi). Segue il Pasok, socialista, terzi con un umiliante 13,2% (nel 2009 avevano superato il 43%) e 41 seggi.

grecia

 

Al quarto posto, con il 10,6% si è piazzato Greci indipendenti, partito di destra nato per opporsi al prestito internazionale. Seguono i comunisti del Kke con l’8,47%, da sempre in prima fila contro le misure di austerità, e il partito neonazista Alba Dorata con il 7%. Ultimo partito entrato in Parlamento è la Sinistra Democratica (Dimar) di Fotis Kouvelis, con il 6,1%.

In tutto sono sette i partiti a entrare in Parlamento. Ora un paio di riflessioni.

Un governo pro-austerity?

[ad]I partiti tradizionali, Pasok e Nea Demokratia, sono usciti ridimensionati. Insieme raggiungono appena il 32%. Impossibile una grosse koalition, a meno che non si coinvolgano partiti terzi, che non è da escludere. C’è infatti la possibilità che si realizzi un governo, per così dire, pro-austerity, ovvero intenzionato a proseguire nella linea economica fin qui condotta. Ma con chi? Tra i papabili c’è Sinistra democratica, composta dai fuoriusciti del Pasok. In questo modo si arriverebbe a circa 170 seggi su 300.

Un governo di sinistra?

Oggi cominceranno le consultazioni per formare il nuovo esecutivo. Alle 14 (ora italiana) il presidente Karolos Papoulias darà l’incarico a Antonis Samaras, leader dei conservatori di Nea Demokratia, di formare un governo. Avrà tre giorni di tempo. E poi? E poi la palla passerà al secondo classificato, Alexis Tsipras, leader della coalizione di sinistra Syriza, che si è detto pronto a dar vita a un esecutivo.

Se guardiamo a sinistra la situazione è questa: Syriza (17%) più Sinistra democratica (6%) più partito comunista (Kke, 8,5%) più socialisti del Pasok (10,5%) si arriva sul 42%. Ma tenere insieme le diverse anime della sinistra sembra difficile. Se Tsipras ricevesse il mandato dal presidente per formare un esecutivo, allora Syriza godrebbe del premio di maggioranza e potrebbe tentare una coalizione con Sinistra democratica e Pasok.

Questi tre partiti non rifiutano l’Europa, né invocato l’uscita dall’Unione o il ritorno alla dracma, quanto piuttosto auspicano una ritrattazione degli accordi fin qui presi. Anche Syriza, a fronte del risultato, ha subito abbandonato la posa antagonista mostrandosi pronta ad un esecutivo di “responsabilità”.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

1 Commento

  1. Andrea S. ha scritto:

    Non so quando sia stato pubblicato su EaST J. ma qui è in ritardo di parecchi giorni.
    Hanno già fallito i primi 2 tentativi di formare una coalizione di governo.

Lascia un commento