•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 11 maggio, 2012

articolo scritto da:

Speciale USA 2012: la deriva americana

Indignados, Tea Party, Occupy

Speciale USA 2012: la deriva americana

 

“Una mentalità apertamente partigiana è incompatibile con la mia filosofia di Governo”, così ieri notte, mentre i risultati delle primarie repubblicane arrivavano dalle varie contee dell’Indiana, il Senatore Dick Lugar, veterano della camera Alta degli Stati Uniti, commentava la vittoria del suo sfidante, sostenuto dai Tea Party, Richard Mourdouck, già tesoriere dello Stato.

[ad]Già, i Tea Party. Quel movimento di protesta popolare di destra, non così dissimile dal nostrano “movimento” di Grillo, fautore dell’abbassamento delle tasse, della riduzione degli sprechi e soprattutto della sconfitta dei da loro tanto odiati RINOs (Republicans In Name Only). “Non sono veri Repubblicani quelli che cercano sempre il compromesso e il dialogo col Partito Democratico”, “Obama è un Islamico Socialista”, “Obama non è nato in America”; questi sono solo alcuni degli slogan con cui hanno cavalcato lo scontento popolare per eleggere numerosi “True Conservatives” al Congresso durante la “wave election” del Novembre 2010.

Con un partito Repubblicano sempre più conservatore ed un partito Democratico sempre di più ancorato alle politiche “liberal” della leader italo-americana Nancy Pelosi e del Presidente Obama, non è una sorpresa se in questi anni si stia assistendo sempre più ad una scomparsa del “centro”, di quei rappresentanti moderati, fedeli ai loro principi ma pronti al compromesso “per il bene della nazione”.

usa

Dick Lugar era forse uno dei più illustri esponenti di questo “centro moderato”. Senatore dell’Indiana dal 1975 aveva sempre vinto ogni elezione con più di 2/3 dei voti proprio grazie al suo appeal in entrambi gli schieramenti. Un repubblicano moderato che venne definito da Richard Nixon “il Sindaco d’America” grazie ai suoi trascorsi alla guida della città di Indianapolis. Un veterano della politica estera, spesso inviato dai Presidenti, repubblicani o democratici che fossero, come rappresentante nelle aree più instabili del pianeta; un paladino della lotta per lo smantellamento delle testate nucleari.

Ma tutto questo non è servito, “non sei abbastanza conservatore” gli ha detto il Tea Party che lo ha etichettato subito come uno dei primi obiettivi da abbattere, non importa a che prezzo. E ieri hanno vinto la loro battaglia, nominando Richard Mourdouck, un ultraconservatore poco avvezzo al dialogo con l’”avversa parte politica”, come loro prossimo candidato a Novembre.

E’ una deriva pericolosa quella dei due principali partiti Americani.  Solo un mese fa la senatrice repubblicana (e moderata) del Maine Olympia Snowe aveva deciso di non ricandidarsi per un ulteriore mandato citando “il clima di irragionevole estremismo che si respira a Washington D.C.” privando il centro di un’altra voce “autorevole” ed è notizia di solo un paio di settimane fa la sconfitta di Jason Altmire, un democratico dei cosiddetti “Blue Dogs” (quei democratici “conservatori” che spesso dialogano col partito Repubblicano) nelle primarie per il suo seggio alla Camera in Pennsylvania, battuto dal collega Mark Critz, con posizioni molto più di sinistra. O ancora, la decisione di non ricandidarsi del senatore democratico del “repubblicanissimo” Nebraska Ben Nelson.

A destra e a sinistra quindi stiamo assistendo ad una deriva verso l’estremismo, “liberal” o “conservative” che sia, che renderà molto difficile ottenere dei risultati tangibili negli anni a venire, soprattutto in presenza, com’è oggi, di una Camera a maggioranza repubblicano ed un Senato in mano ai democratici.

(per continuare le lettura cliccare su “2”)

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da: