•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 14 maggio, 2012

articolo scritto da:

La destra, la sinistra e l’inutile ricerca del “mito”

sinistra

La destra, la sinistra e l’inutile ricerca del “mito”

 

Mentre continua lo stallo sul tema riforme istituzionali e sulla legge elettorale (oggetto del colloquio Napolitano – Monti di sabato 12 maggio) la politica italiana si conferma come quanto mai attratta dai modelli provenienti dall’esterno. Come se la sua fisionomia non ancora del tutto definita, soprattutto a livello sistemico, necessiti di un esempio da seguire. Di una stella polare da osservare nel desiderio intrinseco di emularla.

[ad]E così la posizione del Partito Democratico e la sua linea politica sono stati molto influenzati dal turno elettorale di domenica 6 maggio. E non tanto per le presidenziali in Serbia, per le consultazioni nello Schleswig-Holstein o per il primo turno delle amministrative. Ma per la netta vittoria di Hollande in Francia e per lo stallo conseguente le elezioni legislative in Grecia.

Da una parte, un sistema di stampo semi-presidenziale, che nella sua formula legislativa adotta un sistema di tipo maggioritario ponderato dal famoso doppio turno e dalla soglia di sbarramento non “esclusiva” del 12.5%. Dall’altra, un sistema elettorale proporzionale che non solo ci mostra il quadro di un paese incapace di formare una qualsiasi maggioranza di governo. Ma anche capace di alimentare un movimento fortemente anti-sistema come Alba Dorata (il partito più di destra con rappresentanza parlamentare in Europa) e di ridiscutere accordi europei fondamentali per la tenuta stessa del paese.

sinistra

E così l’intervista di Romano Prodi all’Espresso segnala a Bersani che la bozza Violante, più che l’originaria proposta del Nazareno, sulla legge elettorale è molto più simile al sistema elettorale ateniese che a quello parigino. E di conseguenza se si vuole utilizzare la Francia come modello occorre un cambio di passo.

Una presa di posizione, quella dell’ex premier, interessante (soprattutto per quanto riguarda lo sfacciato attacco al sistema elettorale tedesco) che però per certi versi trova d’accordo Bersani che seppur in maniera implicita segnala come la bozza Violante ora sia su un binario morto e lontana dalle vecchie aspirazioni dei democratici. Ma in effetti già da dopo il 6 maggio se ne parlava decisamente meno negli ambienti del centrosinistra.

In questa dinamica vi è un vecchio vizio della politica italiana: non tanto quella di tentare di esportare sistemi elettorali esterni all’interno del sistema stesso. Quanto quello di riconoscersi in un’esperienza politica tesa a dare un’identità a quelle forze politiche quanto mai sprovviste.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

2 Commenti

  1. Andrea S. ha scritto:

    Non sono sicuro di aver compreso il senso dell’articolo.
    Appurato che ai partiti nostrani hanno la tendenza a scegliere un “mito” del momento da seguire, come successe con Obama e ora con Hollande a sinistra, e Sarkozy a destra, non riesco a veder come si leghi al discorso della legge elettorale.
    I risultati delle urne Greche dimostrano una effettiva situazione di impossibilità a formare un governo. Il che fa allontanare da un sistema proporzionale, sebbene sia quello che io ritengo più “onesto” verso la popolazione votante, che dimostra dei limiti.
    Non vedo cosa c’entri la ricerca del mito con le scelte del sistema elettorale.
    Senza contare che se potessimo inventarci qualcosa di puramente nostro sarebbe più apprezzabile.

Lascia un commento