•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 11 febbraio, 2009

articolo scritto da:

Elezioni Israele: Lieberman ago di bilancia nel “pasticcio israeliano”

Il politico Avigdor Lieberman

Nelle elezioni politiche israeliane l’unica cosa davvero certa è che l’ormai ex Ministro degli Esteri del passato governo Olmert, Tzipi Livni, ha preso la maggioranza relativa con 28 seggi nel Parlamento israeliano (Knesset). Nessun partito ha raggiunto i 30 seggi e chiunque sarà chiamato a guidare il paese sarà costretto a stringere non facili alleanze. Questo risultato è dato anche dal fatto che la legge elettorale israeliana non prevede alcun premio di maggioranza per il partito che ha ottenuto il maggior numero di seggi. Nonostante Kadima abbia ottenuto la maggioranza relativa è pertanto possibile che sia una coalizione di destra a guidare il paese.

[ad]Intanto, il Presidente Shimon Peres è chiamato alla nomina del Primo Ministro, che dovrebbe avvenire intorno al 20 febbraio.  Attualmente è comunque probabile che Peres affidi alla Livni l’incarico di formare il nuovo governo, stante il risultato ottenuto dal suo partito. La situazione che si verrà a creare a seguito di una sua eventuale nomina non sarà certo di facile gestione, considerando anche il fatto che le alleanze che il nuovo Premier dovrà forzosamente stabilire non potranno non tenere conto di Avigdor Lieberman, leader del partito di estrema destra in ascesa Israel Beitenu, che ha ottenuto 15 seggi, che si è mostrato sin’ora possibilista verso un accordo con il partito ultraortodosso Shas (13 seggi).

Il politico Avigdor LiebermanPiù remote appaiono per ora le ipotesi di un governo di unità nazionale tra la Livni e “Bibi” Netanyahu, leader del partito Likud che ha ottenuto 27 seggi. A votazioni concluse infatti il dialogo tra i gli esponenti dei due maggiori partiti israeliani sembra lontano da un punto di accordo, anche perché Netanyahu ha immediatamente dichiarato di essere certo di guidare il futuro esecutivo, come del resto ha fatto Tzipi Livni.

Il quadro politico israeliano è complicato dalla figura di Lieberman, soprattutto per le condizioni che potrà porre nei confronti del capo del futuro capo dell’esecutivo. Tra le sue rivendicazioni spiccano in particolare istanze di tipo quanto meno intransigenti sul dialogo con il popolo palestinese con il quale ha detto che non intende portare avanti alcun negoziato. Tra le sue idee è anche da sottolineare l’ipotesi di un ritorno a Gaza per la demolizione definitiva di Hamas.

Nel frattempo in ottica internazionale (ma anche a fronte della crisi economica globale) la situazione di incertezza che si prospettata dal quadro politico del Paese non sembra certo di buon auspicio, anche in virtù del fatto che occorrerà il consenso di più gruppi politici in materia di politica estera. Le parole distensive pronunciate oggi da Barack Obama verso chiunque sarà il nuovo leader di Israele suonano come un monito per il futuro Premier e suoi alleati (Lieberman appunto), che non potrà fare a meno di mantenere l’indispensabile dialogo con l’amministrazione statunitense, che tra i suoi compiti per il futuro si troverà a dover gestire un complicatissimo dialogo Washington – Gerusalemme – Teheran.

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da: