•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 23 maggio, 2012

articolo scritto da:

Ungheria: il caso Klubradio, come ti metto a tacere le voci scomode

L’Ungheria prosegue per la sua strada, il tentativo di Orban di creare un demi-régime si arricchisce di qualche altro tassello. Una radio vicina all’opposizione – tale Klubradio –  è stata chiusa, niente manganelli per carità, ci sono vie legali per mettere a tacere voci scomode. Ma il diritto, si sa, ha sempre il suo rovescio.

due anarchici oppositori di Orban; foto da Expost

[ad]Il caso di Klubradio è emblematico. In una lotta legale che dura da mesi, in febbraio, la Corte d’appello di Budapest ha dato ragione all’emittente che con i suoi programmi di conversazione, interviste, dibattiti è una voce importante dell’opposizione a Viktor Orban. Il Tribunale ha annullato il concorso con il quale il Consiglio dei media, organo di sorveglianza, aveva assegnato la licenza per la frequenza di Klubradio ad un’altra emittente, e ha imposto al Consiglio di rifare il concorso, escludendo il falso vincitore, un’emittente inesistente, con l’obbligo di fare il contratto con Klubradio per l’uso della frequenza. Ma ciò non è avvenuto. Klubradio emette sempre con una licenza transitoria, e il contratto definitivo tarda ad essere concluso. E da oggi, il Consiglio non è tenuto nemmeno a concluderlo.

In Ungheria agisce la cosiddetta “legge bavaglio”, una legge che regolamenta i media in modo restrittivo. La legge fece molto discutere, scatenando proteste dentro e fuori dall’Ungheria. Dopo una parziale modifica il provvedimento fu votato in parlamento. Recentemente è stato votato un emendamento, presentato da una deputata della maggioranza con iniziativa individuale ma appoggiato dal governo, per il quale il Consiglio dei media non è più obbligato ad assegnare la licenza per una frequenza al vincitore di un concorso. Si disinnesca così il verdetto della Corte. E Klubradio non potrà più trasmettere.

Andras Arato, presidente dell’emittente, confida ancora nel capo dello stato, il nuovo presidente della repubblica Janos Ader, che forse rifiuterà di firmare la legge emendata, e nella Corte costituzionale che potrebbe abrogarla. Esistono dunque ancora meccanismi istituzionali che possono garantire libertà ed equità in Ungheria, certo è grave anche il solo tentativo di imbavagliare, impedire, controllare. E la smania di controllo del governo ungherese – lo diciamo, così en passant, a quelli che ci accusano di mistificare la realtà – valica anche le frontiere ungheresi dal momento che anche East Journal è stato raggiunto da alcune osservazioni del portavoce del governo magiaro che ci ha contattato chiedendo parziale modifica di alcuni nostri articoli. E davvero, ci chiediamo, se il tempo speso per monitorare una piccola testata italiana non si potrebbe dedicare ad attività più urgenti, in un Paese preda della crisi e nuovamente costretto a chiedere soldi al Fmi.

Da EastJournal

di Matteo Zola

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: