•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 25 giugno, 2012

articolo scritto da:

Quanto si rischia in questo consiglio europeo?

consiglio europeo

Fatidica è la data del 28 e 29 giugno. Il consiglio europeo di Bruxelles ha da sbrogliare molte matasse che attanagliano il Vecchio Continente. E se gli esiti del vertice non saranno all’altezza, c’è da crederlo, i mercati reagiranno con una sfilza di segni meno.

[ad]Il tam tam diplomatico è frenetico e gli sherpa sono al lavoro. I prevertici sono stati numerosi sia per quanto riguarda il G20 in Messico (dove si sono incontrati i partecipanti europei) sia per quanto riguarda il vertice a 4 di Roma.

Ma in Italia quali ripercussioni può avere questo vertice? Monti ha subito chiarito alle forze parlamentari che lui ha solo una richiesta da fargli: quella di approvare la riforma del mercato del lavoro prima del 28 giugno. Quella stessa riforma che il PdL non apprezza al 100% (non crea abbastanza problemi in casa democratica, a quanto pare) e che Giorgio Squinzi ha definito fantozzianamente una “boiata pazzesca”.

Di secondo piano sembra essere per questo governo l’ipotesi di approvare una qualsiasi tipo di mozione filo-europea nelle aule parlamentari. Un’iniziativa di questo tipo aveva interessato tantissimo il Pd che da giorni lottava, e tuttora lotta, per una mozione unitaria tesa a rafforzare Monti in Europa. Più scettici gli altri partner della “strana maggioranza” che vorrebbero approvare una mozione per conto proprio. A quanto pare sono dinamiche aliene a Mario Monti e che interessano fino ad un certo punto: a Palazzo Chigi non si pensa che una mancata approvazione di qualsiasi mozione pro-Europa possa ledere in un qualche modo la legittimità politica del Presidente del Consiglio. L’unico aspetto che potrebbe mettere a livello internazionale una seria ipoteca sulla capacità esecutiva di Monti risiede appunto nella riforma del lavoro.

consiglio europeo

Paradossalmente dunque, come per la cittadinanza onoraria della città di Milano attribuita al Dalai Lama ma subito dopo ritirata per motivi diplomatici, ci si chiede il motivo di un’iniziativa considerata non fondamentale in questa complessa fase. Come il Comune di Milano, secondo molti, avrebbe potuto evitare il problema non ponendosi alla stregua di un ordinario ministero degli affari esteri, la conferenza dei capigruppo di Montecitorio avrebbe potuto pure abdicare nel goffo tentativo di salvare l’Europa attraverso una mozione parlamentare.

Ma quali sono invece i rischi di questo vertice europeo per la politica italiana? In primo luogo sta nel rischio da parte della Merkel di irrigidirsi. Ma anche Hollande potrebbe mandare in soffitta alcuni progetti comunitari se continuerà a puntare sulla sovranità tout court.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments