•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 30 giugno, 2012

articolo scritto da:

Messico, domani elezioni. Sinistra favorita

Pena Nieto

 Città del Messico in questi giorni è letteralmente assediata dalla propaganda elettorale. Le elezioni sono ormai incombenti e i vari candidati per le innumerevoli poltrone che si assegneranno domenica 1° Luglio non perdono occasione per cercare di farsi notare dai circa 24 milioni di messicani che affollano le strade della capitale. Ovviamente, la poltrona più importante da assegnare domenica è

[ad]quella di Presidente della Repubblica. Una poltrona che, dopo i 70 anni di dominio del PRI (Partito Rivoluzionario Istituzionale), è stata occupata dal PAN (Partito di Azione Nazionale) dal 2000 ad oggi. A meno di una settimana dal voto, l’atmosfera pre-elettorale lascia presagire un ritorno al potere del PRI, guidato in queste elezioni dal giovane candidato Enrique Peña Nieto, ex governatore dello Stato del Messico (Stato che confina con il distretto federale di Città del Messico, pur non comprendendolo).

La campagna elettorale è stata intensa e i diversi candidati si sono sfidati senza risparmiarsi colpi bassi vicendevoli, ma il vantaggio che i sondaggi assegnano a Peña Nieto (oltre dieci punti percentuali) lascia poco spazio alle incertezze sul risultato finale. I motivi di questo netto vantaggio di Pena Nieto non possono certamente essere attribuiti alle evidenti capacità retoriche né alla forza delle argomentazioni del candidato: la sua performance durante l’ultimo dibattito televisivo a cui ha partecipato è stata infatti piuttosto imbarazzante, infarcita di vuoti slogan e priva di qualsiasi proposta concreta per il Paese. Stessa scena che si è ripetuta domenica allo stadio Azteca, il mega-stadio messicano, dove il candidato ha radunato i suoi numerosi sostenitori domenica scorsa. Le ragioni del suo probabile successo vanno piuttosto attribuite alle debolezze dei suoi
avversari. In particolare, sono da segnalare i seguenti fattori:

felipe calderon– Il presidente uscente Calderon gode ormai di infima popolarità. Gli anni del PAN di governo, per quanto abbiano rafforzato in un certo senso il processo di consolidamento del processo democratico in Messico, non hanno visto realizzarsi quelle riforme strutturali che avrebbero potuto permettere al Paese di crescere in maniera più vigorosa. I conseguenti risultati economici raggiunti in questi dodici anni sono stati modesti e non hanno permesso al Messico di mantenere il ritmo di altre economie emergenti. Allo stesso tempo, il maggior cavallo di battaglia del Presidente Calderon, la lotta al narcotraffico, ha prodotto una carneficina di 60.000 vittime senza riuscire a scalfire seriamente il flusso di stupefacenti verso gli Stati Uniti.

– La candidata del PAN, Josefina Vazquez Mota, troneggia ad ogni angolo della capitale cercando di convincere i suoi concittadini di voler essere “diversa” dal suo predecessore. Ma, aldilà della sua tanto decantata quanto indiscutibile differenza di genere, è ben difficile comprendere in cosa consista questa sua diversità. Inoltre, la candidata, seppur tecnicamente preparata, soffre di una piuttosto acuta mancanza di appeal popolare. Il PAN arranca nei sondaggi e potrebbe addirittura finire terzo (dietro il PRI e la sinistra), concludendo in maniera infausta i suoi seppur storici due mandati di governo consecutivi.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments