•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 2 luglio, 2012

articolo scritto da:

Nicosìa al timone dell’Unione. Cos’è e come funziona la presidenza del Consiglio UE

eu

Dal 1° luglio 2012 Cipro assume la Presidenza a rotazione del Consiglio dell’Unione Europea, alla fine del semestre danese. Uno sguardo su priorità e sfide, e sull’esperienza degli altri paesi dell’Europa centro-orientale nello stesso ruolo.

Cos’è la presidenza a rotazione del Consiglio dell’UE

[ad]Il Consiglio dell’Unione Europea è l’istituzione comunitaria che riunisce, a seconda dei differenti settori, i ministri competenti dei 27 governi nazionali dell’Unione. Il Consiglio condivide con il Parlamento la funzione legislativa, e si occupa delle materie gestite a livello intergovernativo, come la politica estera e di sicurezza comune. La presidenza a rotazione è stata introdotta per coordinare l’agenda dei lavori e garantire il funzionamento continuo del Consiglio. Negli anni, è diventata sempre più un’opportunità per i diversi paesi per mostrare le proprie capacità organizzative e diplomatiche nella costruzione del consenso, guadagnandone in immagine.

Il Trattato di Lisbona (2009), che istituzionalizza il Consiglio europeo (a livello dei capi di stato e di governo, differenziato dal Consiglio dell’UE a livello dei ministri) e vi associa un Presidente fisso (Herman Van Rompuy), ha depotenziato il ruolo delle diplomazie nazionali e della presidenza. Tuttavia, gli stati non hanno voluto abolirla, anche solo per il suo prestigio e possibilità uniche di visibilità nazionale. Con l’Unione a 27 e più stati membri, passerebbero almeno 14 anni prima che tale opportunità ritorni. Per allora la presidenza semestrale potrebbe anche non esistere più: la lista attualmente stabilita si ferma al 2020.

unione europea

Priorità comuni e non nazionali

L’esperienza degli ultimi dieci anni ha mostrato che il compito della presidenza è meno immediato di quanto sembri: se essa dà anche agli stati più piccoli la possibilità di influenzare l’agenda del dibattito, può trasformarsi in una trappola. I lavori della presidenza sono considerati gravitare per l’85% su questioni ordinarie di agenda UE; per il 10% sulla gestione degli imprevisti; e infine solo per il 5% sulla priorità specifiche della presidenza semestrale.

Non paga, in questo senso, portare priorità e soluzioni nazionali al tavolo: il progetto francese di Unione per il Mediterraneo del 2008, dopo aver causato divergenze nell’UE è rimasto completamente inerte. Paga piuttosto, come hanno mostrato le esperienze della Svezia (con la direttiva REACH, sulla certificazione dei prodotti chimici) e della Finlandia (con la Northern Dimension Initiative aperta a Russia e stati EFTA), inserire le priorità nazionali nel contesto dell’evoluzione dell’integrazione comunitaria. Infine il Belgio, nel 2010, ha dimostrato che è possibile condurre una buona presidenza senza avere un governo nazionale, quando si ha una forte esperienza e un’ottima amministrazione (oltre a giocare in casa).

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: