•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 19 luglio, 2012

articolo scritto da:

Bossi vs Maroni, nuove scintille

I cani piccoli “abbaiano ma non fanno paura”, è questo il commento che il Presidente della Lega ha rilasciato rispetto all’intervista rilasciata da Roberto Maroni a “Sette”, magazine del Corriere della Sera.

[ad]I rapporti tra i due non sono buoni, e c’è da capirli. Da un lato, abbiamo il fondatore della Lega Nord, l’uomo che l’ha modellata a sua immagine, l’ha guidata a risultati elettorali di tutto rispetto. Lo stratega che è riuscito a coniugare la rozzezza delle dichiarazioni all’immagine di “partito dei bravi amministratori”, i proclami di secessione ai giuramenti sulla Costituzione, che ha portato alla ribalta tanti personaggi giovani – rispetto alla media dei politici italiani -, quali ad esempio Tosi, Zaia, Cota, lo stesso Maroni, quando altri segretari di partito devono “fare a pugni” (cit. Bersani) per fare invitare i propri giovani in Tv. E in tutto ciò, lui era “il Capo”, la sua parola indiscutibile, il suo partito “l’ultimo leninista”, per organizzazione se non per ideologia.

Ma è stato travolto, come spesso capita ai capi indiscussi. È stato travolto dalle malefatte dei suoi figli e del cerchio magico da cui si faceva circondare. Ha dovuto quindi lasciare, abdicare al proprio trono, veder cacciati tanti suoi sodali, ha potuto appena salvare per i capelli la carriera politica del figlio Renzo, che già immaginava essere il suo successore.

Dall’altro lato invece c’è chi, escluso dal cerchio magico, si è formato una propria identità politica autonoma, approfittando dei diversi ruoli ministeriali – che Bossi ha in un certo senso ragione a rivendicare come meriti suoi – ricoperti in passato, è passato da leader di una minoranza rissosa a candidato unico alla segreteria, come abbiamo detto altre volte, senza dover nemmeno combattere.

Il combattimento vero è iniziato il giorno dopo il Congresso Federale, nell’attività quotidiana di un segretario che deve ogni giorno legittimare la propria linea e mettere in riga i militanti, primo fra tutti proprio il suo predecessore. Tolto il nome dal simbolo, ha quindi sentito il bisogno, una volta di più, di ricordare urbi et orbi, che il leader ora è lui: l’ha detto ai delegati, se mi eleggete, il capo sono io. E l’hanno eletto. Il ruolo di Bossi è allora solo onorifico, “affettivo, il riconoscimento concesso alla sua storia personale”. Non ha alcun potere.

“Il capo sono io”, ha invece ribadito il Senatur. E se il Congresso non fosse solo che una parte, la prima, del processo di ristrutturazione della Lega?

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

Donnie Trumpo

Donnie Trumpo

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento