•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 20 luglio, 2012

articolo scritto da:

Province: ne rimarranno solo 40. Il taglio varato dal CdM

Stavolta si fa sul serio. Più o  meno. Si tagliano le Province, vil razza dannata tra le italiche istituzioni. Non tutte però, una buona parte: tutte quelle che non avranno i due requisiti – pare definitivi – della popolosità (almeno 350mila abitanti), e della dimensione territoriale (2500 km quadrati). Si occuperanno d’ora in poi, di ambiente, viabilità e trasporti; le restanti competenze verranno passate ai Comuni.

tagli alle province

Le province destinate a soppressione sono quindi oltre la metà: il ministro della PA, Patroni Griffi, ha contato in circa 40 le province che rimarranno in vigore, a cui aggiungere 10 città metropolitane (che grossomodo incorporeranno nell’amministrazione cittadina il territorio provinciale), da costituirsi il 1° Gennaio 2014. Tutte le Province tagliate dovranno essere accorpate a quelle rimanenti, ma a questo sia arriverà in un secondo momento, entro l’anno per garantire il tempo necessario all’assorbimento sul territorio delle novità.

[ad]A cadere nella mannaia saranno province anche importanti, del calibro di Padova, Novara, Mantova, Pisa e Livorno, Pescara, Brindisi e Taranto. Senza contare le province delle Regioni autonome, nelle quali di sicuro si darà battaglia.

Battaglia che promette anche l’Upi, l’Unione delle Province, che da anni ormai combatte contro la scarsa considerazione che l’ente provincia ha acquisito nella considerazione pubblica: Giuseppe Castiglione, rappresentante dell’unione, ha chiesto che del taglio si decida di comune accordo con gli enti interessati, mentre i presidenti di 26 province (non tutte quelle da tagliare, anzi, pare ci sia un forte senso di “comunità tra i Presidenti)riunitisi a Benevento, hanno richiesto ai Parlamentari di tutti gli schieramenti di “stralciare l’articolo 17 del decreto sulla Spending Review, per palesi fattori di incostituzionalità e per la insussistenza delle motivazioni di necessità ed urgenza”, od in alternativa, di ricondurlo ad una dimensione di “provvedimento di spesa”, del quale individuare gli obiettivi economici da raggiungere e lasciare che ad occuparsene siano poi regioni ed enti locali.

Per quanto tutti i parlamentari siano molto attenti alle proprie constituencies, dubitiamo che l’iniziativa delle province potrà avere buon esito: dal governo si raccomanda la massima celerità nell’approvare la normativa, al più entro la fine dell’anno, ed in giorni concitati come questi ultimi – oggi lo spread ha toccato di nuovo quota 500, in Spagna si fa la conta dei feriti, ed il contagio è verosimile – offrire alla popolazione il sacrificio di un “pezzo di casta”, sarà utile a mantenere la tranquillità sociale: sempre meglio di tagliare le festività!

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

2 Commenti

  1. Loris M5S ha scritto:

    La strada è quella giusta e chi fa affermazioni tipo:”ma i problemi sono altri, i tagli da fare sono altri” dico che è in malafade e che da qualche parte bisogna cominciare! Le province sono enti inutili, sono nate come funghi per far sedere sulle poltrone politici e amici dei politici. Dopo le province bisogna accorpare i piccoli comuni sotto i 5000 abitanti e li si che si avrebbe un  vero risparmio..

  2. Marco ha scritto:

    Il taglio delle Provincie è un’altra vittoria dello stato nei confronti delle realtà locali. Almeno si fosse adottato un sistema di taglio logico: via le Provincie con un deficit superiore a …, rimangono quelle “virtuose”. Ma in un paese di parassiti ….. Così avremo la Lombardia con 10 milioni di abitanti ridotta a 4 Provincie come ….

Lascia un commento