•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 26 luglio, 2012

articolo scritto da:

Ucraina, la nuova mafia di Yanukovich

Yanukovich

In Ucraina il tramonto della Rivoluzione arancione sta riportando all’indietro le lancette della Storia. L’arresto di Julia Timoshenko è solo la manifestazione più visibile dell’erosione dei diritti che si sta realizzando nel Paese. Formalmente nulla cambia ma nella sostanza il potere, la “novaia vlast” sta allungando i propri tentacoli sull’insieme delle attività economiche dell’Ucraina.

[ad]Uomini del gruppo di potere di Donetsk, che ha portato alla presidenza Viktor Yanukovich, si stanno installando in tutto il Paese nei principali posti di comando. L’obiettivo non è solo politico ma un diretto impossessamento delle attività economiche più redditizie. Dai piccoli ai medi imprenditori sino ai più grandi, serpeggia il timore che agli uffici della propria ditta si presentino i cosiddetti “raideri“. In tutto il Paese molte attività economiche sono già passate di mano, attraverso prestanome. Costoro sono strettamente legati alla nuova (vecchia) élite politica, emanazione del comitato d’affari che il potere di Yanukovich rappresenta. Non c’è modo di ribellarsi, a meno di non mettere a repentaglio la propria incolumità fisica e rischiare la distruzione dell’attività che avviene non solo per via violenta ma, per così dire, anche per via legale attraverso continui controlli fiscali, sanitari e polizieschi.

Yanukovich

Il fenomeno si sta estendendo a macchia d’olio in tutto il Paese, questa mafia è l’espressione della cosiddetta “restaurazione” di Yanukovich. La tradizionale rassegnazione “sovietica” di fronte agli arbitrii del potere permette ai cittadini di sopportare fenomeni che già avvenivano durante la presidenza Kuchma. Vale forse la pena ricordare che Yanukovich era il delfino di Kuchma, il candidato alla successione prima che la Rivoluzione arancione spezzasse per un poco la catena.

La polizia, famigerata presso i turisti all’epoca di Kuchma per le ingiustificate pretese di denaro e l’abuso di potere, è tornata (complice la crisi) a chiedere “amichevolmente” denaro agli stranieri in visita in occasione di casuali controlli. Durante l’estate, nella regione turistica della Crimea, può capitare di vedere locali sottoposti a sequestro in seguito a controlli della polizia. Dopo poche settimane tornano in attività ma il proprietario non è più lo stesso. Con poche indagini e un po’ di conoscenza del luogo è facile risalire dal prestanome al vero proprietario, in genere membro o famigliare dell’élite politico-mafiosa che gestisce il Paese con la complicità delle forze dell’ordine corrotte. Stanno dunque ritornando nel Paese le abitudini consolidate negli anni più bui della transizione post-sovietica.

Da EastJournal

di Kaspar Hauser

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento