•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 31 luglio, 2012

articolo scritto da:

L’immaginazione al potere, unica via per uscire dalla crisi dell’Europa

171910910746298513_mxyq1eqy_f

E’ difficile trovare il bandolo della matassa in questa crisi che ormai dura da più di due anni e non sembra aver raggiunto ancora il giro di boa. Soluzioni non ne abbiamo, altrimenti non ci sarebbe quel grosso punto interrogativo disegnato sulla nostra faccia. La faccia di chi si trova esterrefatto di fronte a una vita, la sua, che non gli appartiene anche perché se si guarda intorno non vede la realtà che aveva creduto di dover vivere: non eravamo noi la generazione del mulino bianco? E invece ci troviamo in crisi. Una crisi economica, che certo preoccupa, ma soprattutto una crisi morale e sociale. Una crisi democratica insomma.

immaginazione

L’intolleranza del riccio

[ad]La democrazia oggi è vituperata, capro espiatorio per chi ritiene il nostro modello sociale superato. Ad essa si preferiscono personalismi, autoritarismi soft, e dalle urne (in Italia come nel resto del continente) escono novelli sultani. Quando non si ricorre alle urne, sono i pubblicani a occupare gli scranni del potere. Gli incendiari diventano presto pompieri e le rivoluzioni fatte al bar diventano sempre il successo del partito populista di turno. La crisi economica si associa a questo secondo aspetto: l’ascesa del populismo. Un populismo “sociale” che strizza l’occhio alle destre radicali, antiliberali, nazionalistiche, esclusive. L’idea di società da costoro proposta è quella di un’ecosistema corrotto da agenti esterni (immigrati, usi e costumi foresti, perdita dei valori religiosi, ateismo consumista) che solo chiudendosi a riccio può salvarsi. La gente, spaventata dalle prospettive di disoccupazione e povertà, vede nel riccio una metafora della propria anima sgomenta. E li vota.

La crisi economica diventa così anche una crisi morale perché il riccio, con i suoi aculei, non è campione di tolleranza. La tolleranza, principio caro a Voltaire, è uno dei tratti distintivi della cultura europea. L’intolleranza è serpe che nell’animo nostro si fa il nido, cultura deteriore, paura di un mondo che nei secoli abbiamo dominato e che oggi si rivolta contro, come un figlio ingrato. L’intolleranza è figlia dell’eurocentrismo. Eppure gli europei, in fondo sempre convinti di essere i migliori, sono convinti di non essere tutti migliori uguali: c’è sempre qualcuno più migliore degli altri. All’Europa come simbolo di unità, pace e solidarietà, non ci credono in molti.

La mancanza di sovranità europea

Il problema economico e quello morale hanno un’unica soluzione e un’unica origine immediata: la mancanza di una sovranità europea condivisa e sovraordinata rispetto a quella degli Stati. Ciò impedisce di prendere decisioni comuni e di accompagnare le politiche di solidarietà a quelle di controllo sull’economia. Sarebbe il momento di discutere come costruire una vera e propria federazione europea, a cui affidare la gestione delle risorse. E con un presidente eletto direttamente dai cittadini, un’ingegneria istituzionale comune che veda l’autonomia del paesi membri e un’autorità federale su alcune materie. Quando parlo di queste cose mi dicono: sono sogni. E io ribatto, no. Non sogni. E’ la vita che dovevamo vivere, che ci stanno scippando da sotto il naso, e che dobbiamo riprenderci. Ok, il mulino bianco è una scemenza, ma una società equa non lo è.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments