•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 2 agosto, 2012

articolo scritto da:

Vendola apre a Casini ma le rete si ribella

vendola

Nichi Vendola, leader di Sinistra Ecologia e Libertà (Sel), pensa ad un’alleanza elettorale con Bersani (Pd) e Casini (Udc), escludendo dunque Antonio Di Pietro (Idv).

[ad]Il presidente della Regione Puglia, che ha annunciato anche la sua candidatura alle primarie aperte del Centrosinistra, che dovrebbero tenersi in ottobre, ha proposto di battezzare con il termine “Polo della Speranza” questa nuova alleanza, che metterebbe insieme: cattolici, laici, democristiani ed ex comunisti. Un’idea sicuramente ambiziosa, ma c’è da chiedersi: come la prenderanno i rispettivi elettori di Pd, Sel ed Udc?

Viviamo nell’Era di Internet, e dunque, come spesso ormai accade, le prime valutazioni ed i primi giudizi nascono proprio dalla rete. Senza se e senza ma, la rete ha bocciato la proposta del leader di Sel. Il popolo della Sinistra, come può leggersi su alcuni blogs, su alcune pagine Facebook e Twitter, non ha per nulla apprezzato questa “apertura” di Vendola verso Casini. Si leggono frasi del tipo: “Non vogliamo morire tra le braccia di Casini”, “La nostra vera speranza è quella di non allearci mai con l’Udc” e si invita tutto il popolo di Sinistra ad esprimere la propria opinione, scrivendo a: info@polodellasperanza.it

vendola

Il popolo della rete, dunque, sicuramente non approva questa apertura vendoliana, e lo dice senza mezzi termini. In molti pensano e sostengono che un’alleanza del genere potrebbe risultare fallimentare così come lo risultò l’Unione di Romano Prodi. Come dire, si potrebbero anche vincere le elezioni, ma poi molto difficilmente si riuscirebbe a governare.

Le preoccupazioni, sicuramente, hanno un loro fondamento. Far sedere intorno allo stesso tavolo e trovare degli accordi tra chi, su diversi temi, la pensa in maniera totalmente opposta, non sarà sicuramente un gioco da ragazzi. Vendola, che tra i politici è uno di quelli che maggiormente utilizza e sfrutta le potenzialità della rete, queste cose le sa bene, per questo motivo, senza dubbio, la “rivolta” del popolo della rete a questa alleanza non passerà inosservata. Il tutto sempre sotto gli occhi vigili di Beppe Grillo, il quale, di un’alleanza del genere, potrebbe farne il suo cavallo di battaglia in campagna elettorale.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

9 Commenti

  1. Giorgio Sornicola ha scritto:

    ma perchè in Italia abbiamo la sinistra peggiore del mondo oltre ad una destra clericofascista

    • Giampaolo Guiotto ha scritto:

       Scusa Giorgio, cosa intendi per “sinistra” … forse il centro sinistra? Se è così sono d’accordo con te, perché la sinistra propriamente detta è tutta da ricostruire.

  2. Paleld ha scritto:

    L’uso che i TG fanno dell’espressione “il popolo della rete” e’ orribile, ma comprensibile. E’ un vero peccato pero’ che venga ripresa da termometro politico, uno spazio dove si dovrebbero combattere approssimazioni dannose come questa, anziche’ usarle.

  3. Marco Mastrocanale ha scritto:

    Adesso sicuramente voterò M5S!

  4. Sanna Mauro ha scritto:

    dico a Brondoli , ma come ti permetti stronzo di parlare in quel modo a Vendola , cafone e maleducato 

  5. Manicone Alt ha scritto:

    forse anche vendola dovrebbe fare un passo indietro e andare a casa scusate quanti anni e in politica ?DOPO  L’esperienza alla presidenza della regione puglia ,dove ha dovuto mmmmmmmmmmmmmmmediare con cani e porci ,ha trovato anche lui il gusto del politichese che delusione. storia legalità diritti, non era questa la storia di niki? costruire il futuro con lUDC  vuol dire rinnegare la propria dignità. e ora che la sinistra faccia la sinistra e dia un futuro a questa nazione.

  6. Lani Rachele Beobilla ha scritto:

    Quanto conta la rete? Molto poco.Che non si facciano illusioni i duri e puri.Il quorum dei referendum non è certo lo specchio della rete.Se pensano di cambiare il mondo  sappiano che generazioni prima di loro hanno provato e hanno hanno giocato la loro vita….oggi vediamo come è finita…

  7. Angelo Argo ha scritto:

     ma avevo ragione! Io sono quasi certo anzi sicuro che non li voterò più!

  8. Pingback: Schieramento di centrosinistra: la nostra posizione | Agenda Rossa Agenda Rossa

Lascia un commento