•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 11 agosto, 2012

articolo scritto da:

Schwazer, la FIDAL e i media

schwazer

La notizia della positività all’eritropoietina del marciatore Alex Schwazer, uomo di punta dell’atletica italiana e pressoché unica speranza di medaglia d’oro per la nostra compagine olimpica di atletica leggera, ha lasciato via via sconvolto, incredulo, amareggiato e infine arrabbiato un intero Paese, che nell’atleta sudtirolese riponeva le proprie speranze e nella persona nutriva un mix di simpatia e fiducia nato da una condotta sempre limpida, una vita tutto sommato lontana dai riflettori e in generale un aspetto e un savoir faire istintivamente accattivanti.

[ad]Nelle violente critiche giunte su Schwazer quando la voce ha trovato le sue conferme nell’ammissione stessa dell’atleta c’è quindi un forte senso di tradimento – forse più delle aspettative di successo che dello spirito sportivo – che tende a veicolare il giudizio dell’opinione pubblica in modo forse un po’ troppo frettoloso.

Il caso, tuttavia, è molto complesso, presenta radici profonde sia psicologiche sia sportive e persino sociali, e sarebbe ingiusto liquidare il tutto al disegno antisportivo e criminale di un singolo o di un ristretto gruppo di persone.
Riaffiora nei differenti approcci al caso Schwazer, in maniera solo apparentemente singolare, la dicotomia destra-sinistra, fornendo un primo spunto di analisi sociale della vicenda. Chi predilige un approccio “di destra”, infatti, evidenzia le responsabilità individuali dell’atleta e la libera scelta da questi compiuta di avvalersi di sostanze dopanti; chi invece si pone alla questione “da sinistra” tende a far risaltare le responsabilità del contorno, dell’ambiente circostante in cui si è trovata immersa la persona. Inutile dire che la prima visione, in genere, tende a esprimere condanne, la seconda, al contrario, attenuanti.

schwazer

Una corretta analisi dei fatti, tuttavia, non può prescindere dall’uno e dall’altro aspetto, ed il peso delle due componenti non può che essere valutato in relazione al caso specifico, evitando partigianerie e preconcetti di fondo.
Lo stesso Schwazer, in data 8 agosto, ha convocato una conferenza stampa all’hotel Sheraton Four Points di Bolzano e in un’ora si è offerto alle domande dei media, aprendosi ai cronisti e indirettamente a tutto il Paese in una maniera forse fino a quel momento sconosciuta nel mondo sportivo e del doping, fatto di atleti pronti a negare le proprie responsabilità fino – e oltre – all’indifendibile.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

La ricetta di Orlando

La ricetta di Orlando

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

1 Commento

  1. Penasa Giancarlo ha scritto:

    La maggior parte dei commenti/critiche su Alex sono alimentate solo da bieco qualunquismo…..gente che non sa niente sulle problematiche ( pressioni, sacrifici, obiettivi, problemi fisici )degli sportivi, di chi pratica sport a certi livelli. Per cui qualunquismo bieco e ignorante. 

Lascia un commento