•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 11 agosto, 2012

articolo scritto da:

USA: Romney sceglie Paul Ryan, la campagna elettorale si radicalizza

paul ryan è la scelta di romney

Con buona pace di Anthony Downs, e della sua celebre teoria dell’elettore mediano, Mitt Romney, candidato repubblicano alla Presidenza degli Stati Uniti ha scelto Paul Ryan a supportarlo come candidato alla vice presidenza.

[ad]Paul Ryan è un giovane “congressman” del Wisconsin, ha 42 anni ed è a Washington da quando ne aveva 29. A capo della Commissione Bilancio della Camera, è diventato uno tra i più influenti leader del GOP, autore nel 2011 e nel 2012 delle “controproposte” di budget, “The Path to Prosperity”, che prevedevano  la riduzione a due delle aliquote fiscali, forti tagli alla spesa, un ridimensionamento sostanzioso di pensioni e welfare, ridurre l’imposizione fiscale alle imprese. Il piano, quest’anno approvato dalla Camera (a maggioranza repubblicana) e bocciato in Senato (a maggioranza democratica) è citato spesso da Obama come esempio di ciò che potrebbe voler dire eleggere un Repubblicano alla Presidenza, ma nel fronte opposto i giudizi non sono equanimi: buona parte della base, attratta dalle idee del Tea Party, sostiene il progetto, e ne è anzi orgogliosa, ma l’ala più moderata considera invece un suicidio politico affidarsi all’ideologia dell’estrema destra conservatrice.

paul ryan è la scelta di romney

Energico, preparato (“the man for the moment” secondo Romney) e giovane, Paul Ryan rappresenta un valido alleato con cui portare a votare in massa la base repubblicana (tiepida, in questa fase), e magari cercare di vincere anche nello Stato del Winsconsin, stato tendenzialmente democratico, ribaltando così i più recenti sondaggi. Da questo punto di vista, per Mitt Romney – che alle primarie aveva sconfitto i candidati della destra del partito – la mossa è astuta. Più difficile però che lo aiuti a conquistare lo spazio al centro, che a detta di molti Obama rischierebbe di perdere: in particolare il rischio è quello di perdere la Florida, stato in cui molti americani vanno a “svernare” una volta in pensione.

Si prevede quindi una campagna elettorale che da qui a novembre sarà molto incentrata sull’economia e sul welfare (specialmente in ambito sanitario), con toni che polarizzeranno lo scontro tra i candidati: Obama potrebbe cercare di accreditarsi come più moderato del duo avversario, sfruttando il suo profilo presidenziale, e per farlo potrebbe sfruttare la sentenza della Corte Suprema sulla riforma sanitaria (la cd Obamacare) ma l’impressione è che a novembre gli elettori americani si troveranno a scegliere tra due proposte molto ben distinte e che pertanto una parte consistente degli indipendenti potrebbe astenersi.

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

1 Commento

  1. Asdfghjkljhgfdsaghjkjhgfdsa ha scritto:

    Male, malissimo: i repubblicani pensano di vincere la battaglia a destra, ma Obama ha vinto coi voti moderati quattro anni fa.
    A questo punto sì, mi sento di scommettere tranquillamente per la vittoria di Obama.

Lascia un commento