•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 4 settembre, 2012

articolo scritto da:

Se Bersani imita il Cav, sbagliando

bersani e grillo

“Pirla chi dice che sono nemico della rete”. Il linguaggio forte, per usare un eufemismo, del leader Pd, Pier Luigi Bersani, sa di déjà vu. L’insulto nei confronti di chi la pensa diversamente è (purtroppo) sempre più frequente nella dialettica politica odierna: era stato sdoganato nemmeno sei anni fa da Silvio Berlusconi.

[ad]Memorabile fu il suo exploit sul finale di campagna elettorale 2006: “Ho troppa stima dell’intelligenza degli italiani per pensare che ci siano in giro così tanti coglioni che possano votare contro i propri interessi”. La sortita dell’ex premier, dovuta anche allo stress provocato dai sondaggi che lo vedevano in svantaggio sul rivale dell’Unione, Romano Prodi, provocò accese polemiche che infiammarono un clima politico già rovente. Il Cav ricadde in tentazione cinque anni dopo quando definì “senza cervello” chi avesse votato Giuliano Pisapia e Luigi De Magistris. Due dichiarazioni infelici che non portarono fortuna a Berlusconi. Infatti perse elezioni prima, e Milano e Napoli poi.

Due fulgidi esempi che dovrebbero far drizzare le antenne al leader Pd che invece si è lasciato trascinare in una querelle al vetriolo con il fondatore del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo. Un botta e risposta non certo tra gentleman, iniziato con l’attacco di Bersani al comico, al grido di “fascisti del web” e culminato con un bonario (ma non troppo) “pirla”. Ad onor del vero ad esacerbare i toni dello scontro dialettico tra Pd e Grillo aveva provveduto quest’ultimo che aveva affibbiato la nomea di “zombie” al segretario democratico salvo poi rincarare la dose affermando che “Bersani non è fascista ma un fallito e piduista”. Ma se il linguaggio triviale è uno dei punti di forza e di amalgama del comico genovese lo stesso non si può dire per Bersani. Il leader Pd dovrebbe evitare di usare il turpiloquio come  risposta agli attacchi dell’avversario.

bersani e grillo

Se Bersani vuole davvero dimostrare di essere una reale e migliore alternativa al Movimento 5 Stelle e avvicinare l’elettorato moderato stanco di battibecchi e liti da bar, cominci ad ignorare gli insulti che provengono dal web e si smarchi dal clima torbido e volgare che ormai attanaglia la politica italiana da quasi 20 anni. Ne gioverà lui, il Pd, e soprattutto il disilluso elettore italiano.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

3 comments
Giuseppe Marcantonio
Giuseppe Marcantonio

A prescindere dall'opportunità o meno di utilizzare la parola "pirla", Bersani non ha insultato "chi la pensa diversamente" da lui, ma chi ha mal interpretato le sue parole. La differenza è sostanziale, e quindi il paragone con Berlusconi è del tutto improprio, ed un giornalista serio non dovrebbe cadere in una simile faciloneria

Generale Massimo
Generale Massimo

vedo che in ambienti Pd si fa davvero fatica ad informarsi: Zombie è un termine usato in prima istanza da Paul Krugman per definire tutti i politici che si sono piegati alle fallimentari ideologie liberiste. Purtroppo si credono intelligenti, è questo il loro limite, e facendo questo non studiano e non si informano. non per niente hanno parlamentari che a decine hanno votato il MES senza probabilmente sapere nulla di cosa stavano facendo.