•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 18 settembre, 2012

articolo scritto da:

Srpska connection? Le relazioni Belgrado-Banja Luka dopo l’elezione di Nikolić

BH_Palata_Republike_Srpske

Dopo le elezioni serbe e la fine dell’era-Tadić, come cambiano le relazioni tra Serbia e Repubblica Serba di Bosnia (RS)? Le prime indicazioni sono giunte dagli incontri ufficiali tra Belgrado e Banja Luka svoltisi nelle ultime settimane. Il suo predecessore Boris Tadić aveva sempre vantato ottimi rapporti personali e politici con Milorad Dodik (a capo della RS prima come premier dal 2006, e poi come presidente dal 2010, grazie ad un avvicendamento stile-Putin), concretizzati con un’intensa cooperazione politica, economica e culturale tra Serbia ed RS. Dodik si è sempre servito dell’indulgenza (quando non del sostegno) di Tadić per dare sfogo alla sua sfrenata e costante retorica populista-sciovinista, alle sue quotidiane sparate anti-bosniache condite con minacce secessioniste. Detta da lui, la frase “Non sono bosniaco, sono serbo” una volta faceva notizia. Oggi non più. Tutto pur di tenere in scacco la comunità internazionale, conservare consenso sociale ed estendere il suo feudo di interessi politico-finanziari che, dalla regione di Banja Luka, si insinua ormai fino alla stessa Serbia.

[ad]Retorica populista e sciovinista, si diceva di Dodik. Apparentemente, non dovrebbe esserci diversità di vedute con il neo-presidente serbo Tomislav Nikolić, il cui curriculum in fatto a background ultranazionalista parla da sé. Uno che si è lasciato andare, appena eletto, ad esternazioni un po’ sopra le righe che quasi (non) facevano rimpiangere le sortite di Dodik.

Nikolić – Dodik: idiota a chi?

Dunque, stima e affetto immutati sull’asse Banja Luka-Belgrado, nel nome dei cosiddetti “interessi comuni serbi”? No, niente affatto. Il primo incontro ufficiale tra Dodik e Nikolić, svoltosi a Belgrado l’8 agosto scorso, ha dimostrato infatti una certa freddezza tra i due leader. Perché? L’antefatto è questo: durante l’ultima campagna elettorale serba, Dodik ha appoggiato attivamente l’amico Tadić accompagnandolo in diversi comizi. In uno di questi, Dodik definì Nikolić un “idiota” e persino un “aborto politico. Inutile dire che il neo-presidente serbo si è legato al dito quelle frasi infelici, oltre a gradire poco o nulla l’ingerenza nei giochi politici dell’oltre-Drina da parte del leader della RS. Così durante l’incontro, in mezzo alle frasi di circostanza sull’amicizia Serbia-RS, si percepiva il gelo. Mentre Dodik approfittava del palco belgradese per lanciare l’ennesimo anatema contro la BiH (“è in crisi permanente, la prova che non è in grado di sopravvivere”), Nikolic affermava invece che “[…] la pace e la stabilità nella regione sono priorità assoluta della Serbia”, così come la “necessità di rispettare gli accordi di Dayton”. Parole che, tradotte dal balkan-politichese, costituiscono un freno agli slanci secessionistici del presidente della RS. Un vero smacco per Dodik, tanto più paradossale se si considera il pedigree tutt’altro che filo-bosniaco di Nikolić, il quale peraltro si e’ espresso con uno scarno comunicato, avendo disertato la conferenza stampa congiunta con il collega. Altro smacco.

Dačić – Dodik: interessi nazionali e manovre di partito

Un’altra doccia gelata per Dodik è arrivata il giorno dopo, quando ha incontrato il nuovo premier serbo Ivica Dačić. In quella sede, Dodik ha proposto di definire “gli interessi nazionali di tutti i serbi”, un’esplicita azione a sostegno delle comunità serbe presenti negli altri paesi dell’ex-Jugoslavia. La risposta di Dačić è stata a suo modo contundente, gettando nell’imbarazzo la delegazione della RS: “È obbligo di coloro che rivestono incarichi di Stato proteggere l’interesse nazionale. Per quanto mi riguarda, questa iniziativa non è necessaria. A quel punto i media si sono chiesti se esiste davvero una frattura tra Belgrado e Banja Luka e su quali siano le possibili cause. Alcuni hanno collegato la sortita di Dačić con la vicenda di Srdjan Ljubojević, direttore di un’azienda pubblica della RS recentemente arrestato per sospette tangenti, nonché dirigente del Partito Socialista dello stesso Ivica Dačić. Quest’ultimo avrebbe così voluto mandare un messaggio a Dodik, reo di non avere difeso il suo compagno di partito Ljubojevic dall’arresto e di avere anzi fatto pressioni per rimuoverlo dalla direzione dell’azienda.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments