•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 27 settembre, 2012

articolo scritto da:

Bielorussia: solite elezioni nella solita dittatura

elezioni in bielorussia

Le elezioni parlamentari del 2012 si sono pigramente svolte in Bielorussia questo weekendÈ persino noioso parlarne: nel regime di Lukashenko, le “elezioni” non sono che una farsa ben organizzata. Nessuna libertà d’espressione né di dissenso, mano pesante della polizia (la milicija) sui candidati indipendenti, risultati già conosciuti ben prima dell’inizio delle procedure elettorali, partiti d’opposizione che non partecipano e invitano al boicottaggio. Il risultato finale, per capirci, dovrebbe essere di 109 parlamentari su 110 per il partito di regime, e un seggio da riassegnare per mancanza di quorum. Le organizzazioni internazionali (OSCE in testa) troveranno un modo per dire, diplomaticamente, che le elezioni non sono state “free and fair” ma che qualche limitato progresso bisogna pur vederlo per non perdere la speranza. Ma perché mai una dittatura dovrebbe prendersi la briga di organizzare delle elezioni?

 

Come consolidare una dittatura in Europa

[ad]Il sistema instaurato da Lukashenko viene indicato da politologi quali Pavel Uzov come “neo-autoritario e caratterizzato dalla rimozione precoce dei processi democratici in via di consolidamento, da un ampio sostegno da parte della popolazione, e dalla resistenza a pressioni interne ed esterne per la liberalizzazione. Il regime combina elementi di continuità con il sistema sovietico (caratterizzato da centralizzazione, controllo, repressione e ateismo) con altri elementi di discontinuità, tipici di regimi democratici o “aperti” (elezioni, partiti, libertà religiosa, pluralismo limitato), in grado di dargli la necessaria flessibilità.

Tra gli elementi di discontinuità ed innovazione vi sono i meccanismi elettorali di legittimazione del potere e mobilitazione dei cittadini; un limitato pluralismo politico e informativo (la presenza di 7 partiti d’opposizione registrati aiuta a legittimare le elezioni davanti ai cittadini stessi e agli osservatori internazionali, internet è ancora libero, ma raggiunge solo il 3% della popolazione); la libertà di espressione religiosa, declinata in senso ortodosso-maggioritario e inserita nell’ideologia di stato; una componente liberale/capitalistica dell’economia (20%) che resta minoritaria ma permette al sistema di assorbire con maggior flessibilità gli shock esterni; un’autonomia individuale dei cittadini, declinata in libertà di movimento interno al paese e consumi materiali, ma senza possibilità di attivismo politico.

elezioni in bielorussia

Gli elementi democratici inseriti in questo neo-autoritarismo vengono tenuti sotto stretto controllo: non è possibile impegnarsi in ONG e partiti d’opposizione per gli impiegati statali (50% della popolazione attiva) e le organizzazioni non registrate sono soggette a procedimenti penali con pene da 3 a 5 anni. Gli studenti che si trovino a parteggiare per l’opposizione rischiano la perdita dei sussidi e l’espulsione dall’università.

I fattori dell’immobilismo: politica, economia, mentalità

L’opposizione resta frammentata e debole, per cause tanto interne quanto esterne. Da una parte, i dissidenti soffrono lo scontro tra un blocco nazionale e un blocco filo-russo, sfruttato dalla propaganda di stato; una tendenza ad “attendere il miracolo” (crisi economica o influenza russa) che possa cambiare la situazione; la mancanza di un vero interesse al cambiamento politico, quanto piuttosto la ricerca dei finanziamenti per tenere in vita le strutture organizzative stesse. Ciò è un riflesso della stessa mentalità del governo: una visione del potere come accesso alle risorse piuttosto che come gestione della cosa pubblica. Dall’altra parte, i cittadini bielorussi sanno che un cambiamento di regime metterebbe a repentaglio quel 50% di posti di lavoro nel settore pubblico e hanno anche per questo un debole potenziale di mobilitazione. Infine, il governo continua a imporre restrizioni materiali all’espressione pubblica del dissenso, e la mancanza di una liberalizzazione economica impedisce la presenza di conflitti materiali di interesse che si possano riflettere in una competizione anche a livello politico, come avvenuto ad esempio in Ucraina attraverso il finanziamento dei partiti politici da parte dei diversi oligarchi.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

1 comments
Giancarlo Moretti
Giancarlo Moretti

E' INUTILE CRITICARE. AL DI LA DI TUTTO QUELLO CHE SI PUO'DIRE DI ALEXANDER LUKASCENKO E' L'UNICO CHE ATTUALMENTE PUO' PRESIDENZIARE UNO STATO ABBANDONATO A SUO TEMPO DALL'UNIONE SOVIETICA E CHE HA COSTRETTO LUKASCENKO A FARE I SALTI MORTALI PER PORTARLO ALLO STATO ATTUALE. i SOVIETICI SI SONO PORTATI VIA DALLA BIELORUSSIA TUTTE LE FABBRICHE PRODUTTIVE E COMPETITIVE CHE C'ERANO SUL SUOLO BIELORUSSO E LI HANNO COSTRETTI A RIPARTIRE DA ZERO. IN PIU' VA AGGIUNTO IL DISASTRO DI CERNOBYL CHE HA SVUOTATO LE CASSE DELLA SANITA' BIELORUSSA, SENZA CHE CI FOSSE UN INDENIZZO. qUESTO PERCHE' ANCHE L'UKRAINA ERA RIMASTA NELLE STESSE CONDIZIONI, SE NON PEGGIORI, E DI CONSEGUENZA SENZA UN UN SOLDO. IL SISTEMA INCULCATO NELLE TESTE DELLA GENTE ERA QUELLO SOVIETICO E DI CONSEQUENZA ASSISTORIALE. QUINDI SOLO MERITI A QUESTA PERSONA CHE DA SOLO HA PORTATO AVANTI IL PAESE. dOPO DI LUI IL DILUVIO.