•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 10 ottobre, 2012

articolo scritto da:

Ipsos, Pd al 28,5%. Renzi fa il pieno di voti fra i moderati

Meno avvezzo agli scandali, con un partito riformista che per la prima volta da mesi si avvicina all’obiettivo del 30%, malgrado un dibattito sulle regole delle primarie poco appassionante per gli italiani. È questo il fermo immagine che si ricava dallo studio di Ipsos divulgato nella puntata di stasera di Ballarò sul centrosinistra.

[ad]Questa settimana l’istituto di sondaggi diretto da Nando Pagnoncelli si è cimentato in un’analisi più articolata della realtà politica e sociale in relazione all’incessante recessione economica, alle ripercussioni sul formato di governo nella prossima legislatura. Un focus particolare è stato dedicato alle primarie non dando stavolta le cifre del consenso dei singoli candidati, ma chiedendo agli elettori di scegliere quale dei leader in corsa sia il più idoneo a “dare la linea” al prossimo governo.

I risultati confermano molte analisi sulla presa nell’elettorato moderato del rottamatore Matteo Renzi. È lui il preferito dagli italiani con quasi il 31% delle preferenze, contro il 22% di Bersani, il 10% assegnato a Di Pietro e il 7% a Vendola. I rapporti di forza sull’intero campione elettorale si ribaltano isolando i pareri degli elettori di Pd e Sel. Ben il 65% di questi sostenitori indicherebbe l’attuale segretario Pd come il più idoneo a dettare l’agenda governativa a partire dal 2013.

Che piaccia Renzi a destra, vale a dire che abbia magnetismo sui moderati si sta rivelando ad ogni modo un valore aggiunto per la ditta. Il Partito Democratico a campagna elettorale interna oramai aperta per la premiership vede le sue quotazioni salire fino al 28,5%. Effetto dell’entusiasmo che in queste settimane sta coinvolgendo l’elettorato di centrosinistra – al quale si sta aggregando una porzione cospicua di delusi ex berlusconiani – con l’iniziativa mediatica presa da metà settembre dal sindaco di Firenze, Matteo Renzi e da sabato scorso anche dal governatore della Puglia, Nichi Vendola. Ancora presto per valutare la ripercussione diretta sull’andamento del consenso di Sel, che si tiene ben al di sotto dell’appeal del suo leader al 5,6%. D’altro canto, la competizione interna fra le due grandi anime democrat, quella affine al sindaco-rottamatore e quella fedele al segretario Pierluigi Bersani sta portando al Pd un beneficio in termini di intenzioni di voto.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da: