•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 9 febbraio, 2010

articolo scritto da:

Regionali 2010: Campania

napoli

Regionali 2010: Campania

 

Regionali 2010: Campania

La situazione in Campania è tornata sotto i riflettori in questi ultimi giorni, dopo le vicende legate alla decisione dell’Italia dei Valori di appoggiare il candidato del Pd, Vincenzo De Luca, attualmente sindaco di Salerno. La decisione, sancita da un’ovazione dei delegati al congresso del partito di Antonio Di Pietro la scorsa domenica, dopo una lunga e appassionata arringa di De Luca, ha causato molti malumori tra la base dell’IDV, nonché forti critiche provenienti da giornalisti considerati “vicini” a quel partito (tra cui le firme del Fatto Quotidiano: Travaglio, Gomez e Padellaro) e dal popolare europarlamentare Luigi De Magistris.

Ma come si è arrivati ad una candidatura così controversa? In effetti De Luca non ha mai nascosto, negli anni scorsi, di considerarsi l’erede di Antonio Bassolino (a cui lo lega una rivalità spesso sfociata in aperta ostilità) alla leadership del centrosinistra campano. E nei mesi scorsi il Pd non ha saputo mettere in campo un nome che fosse condiviso dalla coalizione: prima ricercando un candidato gradito anche all’Udc (si era fatto il nome del Rettore dell’università di Salerno, Raimondo Pasquino), poi, quando i centristi si sono accordati con il Pdl, uno che segnasse “discontinuità” rispetto al bassolinismo, ma che al contempo non dispiacesse troppo né al Pd napoletano né agli alleati. Si era vociferato di Andrea Cozzolino (europarlamentare recordman di preferenze in Campania per il Pd), e poi di Ennio Cascetta, l’uno ex assessore regionale, l’altro tuttora assessore ai Trasporti per la Campania. Anche il Rettore della Federico II di Napoli, Guido Trombetti, si è reso indisponibile. L’entrata in scena di De Luca, un personaggio che nel corso degli anni ha saputo imporre le sue scelte, persino contro il proprio partito, ha dato una scossa non indifferente: di fronte ad una pluralità di candidati, il Pd doveva dunque ricorrere alle primarie. Candidati, De Luca e l’ex vicesindaco di Napoli, Riccardo Marone, uomo di Bassolino. Ma proprio Marone, constatata evidentemente la debolezza dell’apparato che avrebbe dovuto sostenerlo, ha ritirato in extremis la sua candidatura, lasciando il campo al solo De Luca.

Gli altri partiti di centrosinistra sono subito entrati in fermento: solo i Verdi e Alleanza per l’Italia (due partiti non eccessivamente rappresentativi) hanno appoggiato da subito De Luca. Fermamente contrari invece sia l’Italia dei Valori (a causa dei due rinvii a giudizio che pendono sul capo del sindaco di Salerno) sia Sinistra e Libertà e la Federazione della Sinistra (che vedono nell’operato di De Luca troppe somiglianze con le politiche dei sindaci-sceriffi di destra, o addirittura leghisti). Erano titubanti anche i socialisti del Psi, che proponevano la candidatura di Marco Di Lello, anch’egli ex assessore regionale, da diversi anni in rotta con Bassolino. Ma nelle settimane successive De Luca ha prima ricucito con Sinistra e Libertà, poi con il Psi (che la settimana scorsa ha comunicato ufficialmente il suo sostegno a De Luca), fino al “coup de téatre” con cui Di Pietro ha sciolto il nodo gordiano che per lui rappresentava la candidatura di un pluri-inquisito come unica alternativa al centrodestra, facendo intervenire De Luca al congresso di IDV e facendogli raccogliere l’applauso dei delegati, senza risparmiare frecciate a chi non aveva voluto “metterci la faccia” (con riferimento a De Magistris, molto critico nei confronti di De Luca, che però non ha voluto lasciare il suo ruolo all’europarlamento per candidarsi in Campania).

Al momento, dunque, De Luca raccoglie l’appoggio di tutto il centrosinistra, meno la Federazione della Sinistra (ex Rifondazione e Pdci), che con Ferrero ha escluso qualsiasi appoggio, e però ha visto perdere il suo “uomo forte” in regione: l’assessore regionale al Lavoro Corrado Gabriele, passato proprio negli scorsi giorni al Pd. Si tratta di una perdita importante, visto che lo stesso Gabriele era tra i nomi che inizialmente si facevano tra i possibili candidati del centrosinistra.

 

(per continuare al lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments