•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 20 ottobre, 2012

articolo scritto da:

Rassegna Stampa Estera: Merkel, Steinbrück e l’europeismo tedesco.

rassegna stampa estera

Secondo la Frankfurter Allegemeine  la retorica europeista della cancelliera Merkel è sempre utile, addirittura viene definita come refrattaria al calore, “lavabile” e multiuso. Nonostante non sia il primo dibattito in parlamento su questo tema, la Merkel non ha cambiato nulla della sua oratoria riguardo la crisi europea, usando addirittura gli stessi sostantivi, gli stessi aggettivi, le stesse analisi e chiarificazioni. Non sono mancati riferimenti alla particolarità e alla unicità della situazione in cui versa l’economia europea. Siamo ancora – per dirla tutta – alla “crisi nerissima”, alla “più terribile prova che l’unione europea abbia mai affrontato dalla sua fondazione nel 1957 ad oggi”, proprio la assegnazione del premio Nobel per la pace alle istituzioni europee sembra per la Merkel assolutamente significativa e del tutto pertinente alla difficile contingenza. Per alcune settimane, per un tempo limitato, il premio Nobel potrebbe fungere da stimolo e da incitamento ad una politica più europeista per tutti i partiti dello spettro politico tedesco.

 

http://www.faz.net/aktuell/politik/inland/regierungserklaerung-mit-der-kratzbuerste-an-die-teflonschicht-11930510.html

[ad]La Merkel ha insistito nel sostenere che l’euro è qualcosa più di una moneta, e che la soluzione della crisi della Grecia non è sicuramente un fatto facile, in quanto le riforme procedono troppo lentamente; ci vorrebbe un intervento “lampo”, mentre rimane molta corruzione, e a riguardo la Merkel sembra dare ragione ai critici. In ogni caso il cancelliere riconosce l’onestà e l’impegno del governo greco. Le riforme sono senz’altro difficili per i cittadini greci, e la Merkel non sembra dubitare del fatto che l’obiettivo a cui la sua leadership punta sia in ogni caso la permanenza della Grecia nell’euro. Le buone notizie che arrivano dagli altri stati europei hanno spinto la Merkel a ribadire che i valori fondamentali dell’Unione come la democrazia, i diritti dell’uomo, la libertà devono essere sostenuti da una adeguata solidarietà. È necessario andare avanti: superare le difficoltà in nome della comune causa europeista.

rassegna stampa estera

Negli interventi del cancelliere è dedicato veramente poco spazio alle opposizioni non citando mai- ad esempio – il candidato premier della Spd Peer Steinbrück, ma una volta rivolgendosi alla parte sinistra dell’emiciclo ha ringraziato i deputati della sinistra per il loro contributo alla politica europeista, dando l’impressione di andare oltre le piccole meschinità della lotta politica quotidiana. Se Steinbrück ha sempre approvato la politica verso i debiti sovrani, non ha omesso di far notare le contraddizioni del cancelliere, il quale si è detta contraria agli Eurobond, quindi ha approvato i fondi salva stato, fino addirittura, tra la sorpresa di molti, ad arringare il parlamento a favore di una regolazione comunitaria dei debiti sovrani. Il leader della Spd non poteva che sottolineare il fatto che il percorso tormentato della Merkel poteva essere preso già due anni or sono, seguendo una politica coerente come quella proposta dai socialdemocratici. Perché – ha chiesto Steinbrück – “non abbiamo risolto la questione greca fin dal 2010?” Egli ha anche rimproverato al cancelliere il fatto che il governo tedesco ha sofferto in questo modo di un forte isolamento in Europa, e che anziché fare da apripista e da guida per l’Unione Europea, la Germania ha preferito farsi guidare dagli eventi senza una chiara strategia nella crisi dei debiti sovrani.

 

Duello tra europeisti. Merkel e Steinbrück a confronto

Lo Spiegel ha seguito con attenzione il primo dibattito tra la cancelliera Angela Merkel e il nuovo candidato premier della Spd Peer Steinbrück. Il tema del confronto nel Bundestag è stato l’Europa.

http://www.spiegel.de/politik/deutschland/merkel-und-steinbrueck-im-bundestag-duell-der-super-europaeer-a-862036.html

Secondo il settimanale tedesco questo è ormai il tema preferito della Merkel, la quale non perde occasione per riproporre le sue idee sul fondo di solidarietà europeo, sulle future riforme dell’Unione Europea, insistendo a favore di maggiori poteri di controllo della UE. Il mantra della Merkel è sempre lo stesso: c’è bisogno di più Europa per superare la crisi.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments