•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 25 ottobre, 2012

articolo scritto da:

Mourdock, il disastro del Tea Party porta i repubblicani verso la sconfitta

mourdock

“Sono contrario all’aborto, tutte le gravidanze, anche quelle causate da un atto ignobile come lo stupro, sono atti voluti da Dio”.

E sono due. RichardMourdock è il secondo candidato repubblicano al Senato ad inciampare disastrosamente sul tema dell’interruzione di gravidanza, alienandosi così il voto di molte donne, e molto probabilmente la stessa elezione.

[ad]Parole sicuramente biasimabili ma, al di là del condannare la gravità delle stesse, occorre una riflessione generale sul fenomeno dei tea party, quell’ala oltranzista del partito repubblicano, che trova la sua espressione in candidati così fuori dal “mainstream popolare”.

Sì perché Mourdock sarebbe rimasto il quasi sconosciuto ministro del tesoro dello stato dell’Indiana se non avesse sconfitto nelle primarie di partito il moderato Richard Lugar, senatore da più di 40 anni, un politico talmente popolare che alle ultime elezioni (nel 2006) il partito democratico aveva ritenuto inutile opporgli un candidato. Lugar vinse infatti col 95% delle preferenze.

mourdock

Sospinto dal tea party, dal “gemello” club of growth e dai soldi dei fratelli Koch, miliardari di estrema destra, Mourdock aveva battuto Lugar nella “battaglia dei due Richard”, con poco più del 60% delle preferenze. Suo lo slogan: “serve un vero conservatore a Washington”.

E Lugar d’altronde non era ritenuto tale; sua la colpa (come se davvero fosse una colpa), secondo il tea party, di “dialogare coi democratici”. In breve: un RINO (Republican In Name Only).

La sconfitta di uno dei senatori più esperti ed apprezzati del paese fu uno shock per molti (anche se, a dirla tutta, esisteva il precedente del 2010 quando un giovane e sconosciuto avvocato di nome Mike Lee vinse contro il quasi ottuagenario, ma “troppo moderato”, Bob Bennett in Utah), ed altrettanto lo furono le parole di Mourdock che, appena ottenuta l’investitura, sentenziò sull’inutilità di essere bipartisan, o di lavorare insieme ai Democratici; l’Indiana voleva un conservatore intransigente.

Talmente intransigente che, secondo gli analisti, eleggerà un democratico. Certo, uno dell’ala destra del partito, ma pur sempre un democratico: il deputato Joe Donnelly.

mourdock

Questo ciclo elettorale doveva essere, a detta di tutti, la volta che il GOP avrebbe riconquistato la maggioranza al Senato, dopo averla conquistata alla Camera durante le elezioni di midterm del 2010. Semplicemente troppi i seggi da difendere per il partito democratico, molti in territori storicamente ostili come Nebraska o North Dakota. Certo, Mitch McConnell e John Cornyn, leader repubblicani alla Camera Alta, sapevano di dover difendere a loro volta seggi difficili come quello di Scott Brown in Massachusetts, ma mai si sarebbero aspettati un altro 2010.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments