•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 30 ottobre, 2012

articolo scritto da:

Ucraina, vince il Partito delle Regioni. The worst is yet to come

ucraina

Ucraina, vince il Partito delle Regioni. The worst is yet to come

 

Scala Reale. Il tappeto verde ucraino, scoperte le carte elettorali, viene sbancato dal Partito delle Regioni. Forte della posizione di privilegio, raggiunta dopo il successo alle presidenziali del 2010, il partito di Yanukovych legittima la propria leadership, aggiungendo alle preziosissime carte possedute, Presidenza della Repubblica, principali settori dell’economia, controllo dei media e della giustizia, una riconferma parlamentare che gli consentirà di rafforzare il proprio controllo sul Paese. Il 32% dei consensi elettorali nelle liste proporzionali, e i due terzi dei seggi uninominali, garantiranno contemporaneamente la sua continuità di mandato e la sempre più accentuata depressione del Paese.

 

[ad]I frammentati sfidanti al tavolo, già dati per sconfitti in partenza, si fermano al 24% (Fronte del Cambiamento-Batkivshchyna) e al 13,47% (Udar). Nel mezzo, terzo classificato nella contesa, la riconferma del radicamento del Partito Comunista Ucraino (13,89%) incrementante ulteriormente il jackpot della coalizione governativa. Ultimo partito varcante la soglia parlamentare del 5% è il nazionalista Svoboda che, grazie ad una martellante campagna elettorale sulla legge sugli idiomi, raggiunge un inaspettato 9% (è stato inoltre, grazie al suo forte radicamento territoriale nelle regioni dell’Ovest, il terzo partito nei collegi uninominali). Nonostante freneticamente le opposizioni, Fronte del Cambiamento-Batkivshchyna, Udar, Svoboda, si apprestino a siglare verbalmente un accordo di collaborazione in Parlamento, sembra difficile in futuro possano trovare la sintonia dichiarata su buona parte dei temi oggetto delle discussioni parlamentari. Due i principali nodi. Da una parte, il nazionalismo di Svoboda, difficilmente potrà essere ricondotto su posizioni più moderate nella discussione di delicati provvedimenti su scala nazionale. Dall’altra, il protagonismo di Klitschko, nascostamente covante il desiderio di presentarsi come leader indiscusso dell’Opposizione alle presidenziali del 2015, facilmente cozzerà con la prospettiva unitaria dichiarata a caldo dopo gli esiti elettorali.

ucraina

Se riserve di dubbio possono essere avallate sugli scenari aperti dalla tornata, tre sono le certezze da essa confermate. In primis, un Paese che, nonostante gli anni trascorsi dall’Indipendenza ammontino oramai a ventuno, si mostra sempre più lacerato in due fazioni reciprocamente sorde. Le divisioni aperte in agosto dalla legge sugli idiomi, vengono riconfermate dall’esplicita mappatura dei risultati elettorali. La prevalenza di preferenze incassata, ancora una volta, nelle regioni dell’Est e del Centro dal Partito delle Regioni e dal Partito Comunista e le preferenze incassate dai partiti dell’Opposizione nelle regioni dell’Ovest, denunciano molto più di una elettorale scelta di campo. Manifestano infatti, per l’ennesima volta, le due diverse visioni del mondo che prevalgono all’interno del Paese. Una visione di sviluppo riformatrice ed europeista, nell’Ovest. Una visione retrograda, di filo-russo recesso democratico nell’Est e nel Centro. La nuova investitura conferita al Partito delle Regioni, e le conseguenti tinte geografiche della nuova maggioranza parlamentare, genereranno un ulteriore incremento e un ulteriore inasprimento di una frattura sempre più esposta.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments