•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 6 novembre, 2012

articolo scritto da:

A Dixville è parità, bene l’early voting in Ohio

Dixville Notch voting

L’election day viene inaugurato dal primo pareggio. A Dixville nel New Hampshire – uno dei tanti Stati in bilico in queste presidenziali – è finita 5-5. Romney e Obama appaiati, quando 4 anni fa gli equilibri erano nettamente a favore del presidente: con McCain finì 15 a 6 in favore del democratico. Nel suo piccolo un termometro del too close to call che potremmo vivere questa notte a spoglio in corso in Florida, Pennsylvania, Virginia e in altri Swing Staes.

[ad]Al tempo stesso la spia d’allarme di un calo dell’affluenza rispetto a Usa 2008. Nessun dramma, gli americani – sia gli elettori che i politologi più scafati – non si strapperanno i capelli: l’abitudine è di avere una partecipazione al voto inferiore al 50%. Quando la prova di mobilitazione è tale per un fattore storico e di change radicale – tipo la prima elezione di Obama quattro anni fa – si può arrivare al 60%. Un forte deterrente alla partecipazione al voto su livelli europei è sicuramente la data scelta per Costituzione: il primo martedì di novembre dopo il primo lunedì di novembre. Un giorno lavorativo, che non si può disertare: al massimo si può chiedere un permesso per andare a votare.

Proprio per venire incontro agli elettori più refrattari negli Stati Uniti questa “anomalia” costituzionale – giustificata storicamente quando l’America era una nazione agricola e per spostarsi dalle campagne alle città con seggi elettorali si potevano impiegare due giorni – è il fenomeno dell’early voting. Non facciamoci trarre in inganno dall’anglofonia. Dietro a questa denominazione sta un’estensione del tempo per esercitare del diritto di voto in una forma che già conosciamo in Europa. Chi risiede all’estero, in effetti, ma è cittadino italiano può votare per corrispondenza alcuni giorni prima del giorno delle elezioni nella madrepatria.

early voting

Nel Nuovo Mondo si è andati oltre, per togliere pretesti per non andare a votare agli stessi elettori residenti si dà la possibilità di anticipare il voto da due settimane a cinquanta giorni prima. Un elemento che agevola il voto delle minoranze, un segmento elettorale particolarmente prezioso per i democratici e, specialmente, per Obama.

E comparando il tasso di early voting fra le elezioni del 2012 e quelle del 2008 si capisce che il vento è nettamente cambiato. A fronte di un 30,6% di affluenza anticipata di quattro anni fa, secondo i dati di “United States Elections Project” ad ieri i votanti sono calati al 23,9% (dato tarato sul tasso di partecipazione del 2008) su scala nazionale. Un segnale poco incoraggiante a livello complessivo per Obama. Non fosse che ponendo sotto la lente di ingrandimento la battaglia Stato per Stato il responso è molto meno univoco. L’Ohio è emblematico. Qui si sono concentrati gli sforzi maggiori di Obama e Romney e l’early voting è stato lievemente in crescita: 1,8 milioni di votanti contro gli 1,6 del 2008. Non si può conoscere, però, la distribuzione per partito in quanto l’elettore si registra senza dare indicazione di partito.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments