•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 31 dicembre, 2009

articolo scritto da:

Berlusconi contro tutti: la probabile efficacia di un novello CLN

berlusconi

Berlusconi contro tutti: la probabile efficacia di un novello CLN

 

Berlusconi contro tutti: la probabile efficacia di un novello CLN

Nei primi giorni di dicembre è stato Pierferdinando Casini a proporlo (o minacciarlo) apertamente per la prima volta.

[ad]Negli stessi giorni il segretario di Rifondazione comunista Paolo Ferrero concordava affermando: «Ci alleeremo anche col diavolo pur di sconfiggere Berlusconi» [l’Unità, 9 dicembre, pag. 17]. Stiamo parlando del cosiddetto “fronte democratico”, una sorta di “Comitato di Liberazione Nazionale” dei nostri tempi: un’alleanza ampia come non se n’erano mai viste, dall’Udc ai comunisti – da far impallidire persino l’Unione prodiana versione 2006. Lo scopo? Far di tutto per frenare un eventuale colpo di mano di Silvio Berlusconi, il quale, dovesse far precipitare la situazione ad hoc per andare ad elezioni anticipate, potrebbe così “scremare” la sua maggioranza delle ultime sacche di resistenza che ancora gli creano problemi (i cosiddetti “finiani”, più qualche voce solitaria), in modo da procedere tranquillamente con la revisione della Costituzione a colpi di maggioranza. Una revisione che prevedrebbe l’ introduzione del presidenzialismo, o comunque di un significativo rafforzamento del capo dell’esecutivo, e un ulteriore indebolimento del ruolo del Parlamento, per la verità già abbastanza mortificato oggi. Abbastanza perché questo disegno sia inviso tanto ai centristi quanto alla sinistra radicale.

Tanto Casini quanto Ferrero hanno infatti molto da guadagnare nel formare una larga coalizione anti-berlusconiana. Entrambi premono da tempo per l’introduzione del sistema elettorale alla tedesca (proporzionale con soglia di sbarramento al 5% nazionale e nessun premio di maggioranza); entrambi, seppur con motivazioni differenti, hanno interesse a ridimensionare il predominio berlusconiano sulla scena politica italiana da un quindicennio a questa parte; inoltre, nel ventilare la coalizione che abbiamo qui definito “fronte democratico”, entrambi hanno chiarito che quest’ultima servirebbe unicamente a vincere le elezioni; una volta fatto ciò, si aprirebbe un periodo di transizione in cui approvare, con o senza l’appoggio dell’opposizione di centrodestra, una serie di riforme, in ordine di priorità: il sistema elettorale alla tedesca, una legge sul conflitto d’interessi, una bozza di riforma costituzionale che superi il bicameralismo perfetto e riduca il numero di parlamentari (una modifica questa che, almeno a parole, mette d’accordo tutti da destra a sinistra). Una volta vinte le elezioni e approvate queste riforme, Casini e Ferrero non avrebbero più alcun interesse a mantenere ulteriormente in vita l’ipotetico governo tecnico di centro-centrosinistra (peraltro il segretario di Rifondazione ha persino dichiarato, in un’intervista a Red Tv, che entrerebbe nella coalizione elettorale ma non in quella di governo, una soluzione apparentemente ambigua ma a suo dire obbligata dal meccanismo delle coalizioni forzose e dei premi di maggioranza previsti dal “porcellum”) e si potrebbe dunque andare a nuove elezioni. In uno scenario come questo, il compito dell’attuale opposizione parlamentare di centrosinistra (Partito democratico e Italia dei valori) sarebbe quello di proporsi come perno centrale di un progetto concreto e realmente alternativo all’anomalia berlusconiana, e contestualmente cercare di non perdere troppi voti verso i “momentanei” alleati di centro e di sinistra.

Ma quale sarebbe l’efficacia elettorale di una simile coalizione? In assenza di sondaggi che chiedono di indicare la preferenza in caso di uno scenario “Berlusconi vs Resto-del-mondo”, dobbiamo rifarci ai dati elettorali effettivi degli ultimi anni. Oggi simuleremo una competizione elettorale di questo tipo basandosi sulle elezioni politiche 2008: da una parte avremo un centrodestra composto dalla coalizione che ha sostenuto Berlusconi nel 2008 (Popolo della Libertà, Lega Nord, Mpa) più La Destra – recentemente infatti non sono mancate dimostrazioni di affetto reciproco tra Berlusconi e Storace; dall’altra parte avremo tutto il centrosinistra versione 2008 (Partito democratico, Italia dei valori, Sinistra l’ arcobaleno e Partito socialista) più l’Udc. Vediamo quindi prima la situazione alla Camera poi quella al Senato.

Alla Camera, le due coalizioni risulterebbero – con i dati 2008 – molto vicine. Ma a vincere sarebbe, anche questa volta, il centrodestra: Pdl, Lega, Mpa e La Destra otterrebbero infatti il 49,2% (e 340 seggi) contro il 47,3% (275 seggi) del “Fronte democratico” composto da centrosinistra più Udc. In conseguenza di ciò, i 615 seggi della Camera relativi alla circoscrizione nazionale unica sarebbero ripartiti come segue:

clncamera08

 

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments