•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 27 agosto, 2009

articolo scritto da:

L’arte di intervistare i politici in televisione

 

L’arte di intervistare i politici in televisione

cliccate sull’immagine per vedere il video

 

[ad]Siamo alla fine del 2007: negli Stati Uniti è in corso come sempre l’acceso dibattito sulla permanenza dell’esercito statunitense in Iraq ed Afghanistan. Sul canale conservatore Fox News di proprietà di Rupert Murdoch (proprietario anche del canale satellitare Sky) il Senatore Ron Paul, in forza al partito repubblicano, viene intervistato dal conduttore Bill O’Reilly. O’Reilly è un personaggio piuttosto carismatico nel panorama televisivo statunitense: è un giornalista molto esperto, dichiaratamente conservatore e cristiano (questo un fattore che negli USA conta molto, mediaticamente parlando. O’Reilly ribadisce la sua religione spesso e volentieri), aggressivo e tenace nelle sue incalzanti domande. E’ un giornalista atipico per il panorama italiano, poichè le sue interviste non consistono solamente nel porre un quesito attendendo stoicamente la risposta: egli dialoga con l’intervistato e spesso l’ascoltatore si chiede chi effettivamente tra i due sia l’intervistatore e l’intervistato. Un altro aspetto tipico dell’atteggiamento di O’Reilly è quello di interrompere l’intervistato durante la sua esposizione: prende la parola a suo piacere, esprime il suo punto di vista e poi ridà la parola al personaggio in questione dicendo “Prego, ora continui pure“.

 

Nel caso specifico, Bill O’Reilly intervista Ron Paul, che per chi non lo conoscesse è un repubblicano di lunga data, 74 anni, ginecologo, si ispira alla corrente libertaria di destra, quella che si ricollegga alla cosiddetta scuola austriaca economica di Von Mises e Rothbard.  Dettagli poco importanti per il pubblico poco avvezzo alle teorie politiche, ma fondamentali per l’analista.

Ho voluto selezionare questa intervista perchè è una battaglia dialettica tra due esponenti della stessa corrente politica (quella repubblicana): abbiamo un giornalista conservatore che considera il punto di vista A oppure B come corretto, mentre il politico, anch’esso conservatore, considera l’argomento A oppure B come errato. Per darvi un esempio riguardo all’ambiente italiano, è come se Emilio Fede intervistasse su Rete4 un esponente del PDL che lo contraddice e con cui inizia un battibecco pressante, oppure come se Gad Lerner intervistasse un politico del PD di idee totalmente diverse. Avrei voluto presentare un esempio tutto italiano, ma non sono riuscito a trovare nulla di simile. Accettiamo quindi tutte le segnalazioni del caso da parte dei nostri lettori.

Ciò che importa ai fine di questa intervista è che Paul, a differenza del suo partito, è sempre stato contrario all’invio di truppe in Iraq ed Afghanistan. Per essere ancora più precisi, Ron Paul è un non-interventista, ovvero ritiene Paul che gli Stati Uniti dovrebbe preoccuparsi più di migliorare il libero mercato e la società interna più che occuparsi di faccende di politica militare. Come noterete dall’intervista caricata su Youtube, il dialogo tra O’Reilly e Paul inizia subito sul tema tanto caro a Fox News, quello della guerra in Iraq: O’Reilly chiede subito a Paul se sia il caso di rimanere o andarsene. Paul risponde che secondo lui sia il caso di ritirare le truppe e risparmiare i miliardi di dollari spesi per rinvigorire l’economia interna. Questo tema lo riprenderà poi con forza anche durante le Primarie del partito repubblicano durante la campagna elettorale presidenziale del 2008.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Condividi su

Sondaggio ius soli

Sondaggio ius soli

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

La ricetta di Orlando

La ricetta di Orlando

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento