•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 17 novembre, 2012

articolo scritto da:

14 Novembre, polizia, manifestanti e delinquenti

14 novembre scontri

[ad]Gli scontri tra polizia e alcuni delinquenti (chiamarli manifestanti è un insulto a chi esercita un diritto sacrosanto in una democrazia: quello di manifestare il proprio dissenso) che si sono susseguiti durante la manifestazione anti-austerity mercoledì scorso,  ha riportato in auge il consueto dualismo poliziotto/manifestante. Personalmente, mi ha lasciato basito se non perplesso, il coro di indignazione a senso unico espresso da certa stampa nazionale che ha messo sul banco degli imputati la polizia, rea di aver usato troppa forza per sedare l’impeto (io la chiamerei violenza) di alcuni manifestanti. A corredo del giudizio insindacabile dei “giurati” venivano riversate sul web e sui giornali, foto che ritraevano quasi sempre la stessa litania: un facinoroso sanguinante che veniva percosso dal manganello di un agente. E’ chiaro che un manifestante ferito fa più notizia di un poliziotto nelle stesse condizioni. Questo avviene per l’atavica italica concezione che vede nella figura del cittadino quella dell’innocente a prescindere. Il poliziotto invece è considerato un servitore dello Stato (oppressore per alcuni) e quindi un nemico da colpire.

scontri polizia manifestanti

Si dice che la divisa sia ormai vista come pece negli occhi da parte dei manifestanti, retaggio di quel che successe al G8 di Genova nel 2001. L’attacco infame della polizia contro civili (quella volta davvero inermi e senza colpe) che destò scandalo in tutta Italia. Invero l’odio verso qualunque agente, sia esso, carabiniere, finanziere o semplice vigile, ha origini lontanissime antecedenti al 2001. Si annida nel buio passato degli anni di Piombo, dove gli estremisti di qualunque colore politico vedevano nella polizia e nei funzionari dello Stato “il nemico”. E si ripropone ora, con modalità e azioni diverse.

C’è chi ora chiede il numero di identificazione sui caschi degli agenti. In questo modo sarà un gioco da ragazzi trovare il poliziotto manganellatore, denunciarlo, magari vederlo licenziato e forse, ciliegina sulla torta, condannato. Se si accogliesse un’iniziativa simile gli agenti diventerebbero bersagli da colpire, consapevoli di non poter reagire avendo una spada di Damocle che penzola sulla loro testa.

In Italia purtroppo è più facile dare la colpa alla Polizia che a quel centinaio di delinquenti (spesso appartenenti a centri sociali o a frange estremiste come i black bloc) che approfittano delle manifestazioni per distruggere, vandalizzare qualunque cosa gli capiti a tiro. Una violenza cieca che oscura i motivi nobili di qualsiasi manifestazione. Per questo stupisce l’immobilismo da parte di chi organizza i cortei di protesta. A parte qualche condanna sporadica, la maggior parte delle colpe viene data alla Polizia che ha reagito in modo troppo violento oppure non è stata in grado di scongiurare gli scontri.

Infine concludo con una considerazione banale, però importante. I poliziotti che mercoledì si sono trovati a fronteggiare centinaia di ragazzi armati di aste metalliche, sassi e con caschi calati in testa per non essere riconosciuti, sono esseri umani. Erano lì per senso del dovere e perché è il loro lavoro. Quel centinaio di delinquenti sparsi nel marasma generale non erano lì per manifestare un loro diritto ma solo per esercitare violenza gratuita. Purtroppo alla fine, hanno vinto loro. Ancora una volta.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

1 comments
Mariano
Mariano

in francia germania ecc ecc i poliziotti sono numerati , ma i delinquenti prendono molte ma molte botte  piu' che in italia perche' le sopracitate nazioni non sono garantiste come la nostra amata italia che garantisce tutto tutti di piu',alla manifestazione di roma mi dovete spiegare perche' fino a ponte sisto e' filato liscio e poi gli scontri con una cinquantina di persone con casco che se la prendevono con tutto. Per furtuna la maggior parte dei dimostranti sono persone intelligenti e che al momento giusto tagliano la corda