•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 24 novembre, 2012

articolo scritto da:

“L’Italia deve fare l’Urss” endorsement marxista al compagno Tabacci

“L’Italia deve fare l’Urss” endorsement marxista al compagno Tabacci 

 

[ad]Ma qualcuno si è ricordato che sono primarie di centrosinistra? Anche ascoltando Nichi Vendola, uno cresciuto a falce e martello per tagliarsi il pane quotidiano, si avverte la scomparsa del migliore alimento di ogni campagna elettorale delle forze progressiste: il marxismo.

Fattosi uomo concreto e di governo, dimentico del sogno giovanile della riscossa proletaria – e pure del referendum per abrogare la riforma Fornero sull’articolo 18 – si è accodato ai front-runner della competizione: Bersani e Renzi. Il primo è espressione di quel mondo dalemiano che è capace di produrre – prendiamo a prestito una definizione dell’integerrimo compagno, Guido Rossi – quando va al potere, “l’unica merchant bank in cui non si parla inglese”. Mette distanza con i banchieri a parole, salvo poi concludere pasteggiare nella bassa cucina di Montecitorio dello Zar Mario I.

Quanto al sindaco di Firenze: è chiaro cosa si celi dietro la mania della rottamazione, ovvero la continuità intellettuale con quel mondo marcio del capitalismo che ha instillato nei decenni l’imperativo al consumo gettando il vecchio. Solo un modo per creare – oltre a bisogni artificiali di merci, la reificazione ci direbbe Karl – un’effimera conflittualità e nascondere la vera natura della società fondata sullo sfruttamento: la lotta di classe.tabacci

Per questo un marxista in cuor suo non può sostenere un candidato del Partito Democratico (che si chiami anche Laura Puppato) e neanche di Sinistra Ecologia e Libertà (sinistra e libertà…senza alcun riferimento al comitato centrale, che sfacciataggine). Un marxista nel 2013 deve avere la capacità critica di andare oltre ciò che è ideologia, che per Karl era solo l’apparenza offerta dalla borghesia. Apriamo gli occhi e possiamo, quindi, gridare senza paura di essere smentiti dalle leggi eterne della storia: alle primarie di domani non possiamo non dirci tabacciani.

Il grande Br1 è il più convinto assertore della rottura fra la sinistra e il mondo della finanza, non mandandole a dire né a Bersani né a Renzi: “Mi sento un po’ più avanti di loro perché nel tempo – e soprattutto dal 2001 ad oggi – mi è capitato di contestare gli effetti perversi dell’Opa a debito sulla Telecom ma anche il ruolo delle banche sui bond argentini fino agli scandali Cirio e Parmalat, per non dire delle due Opa del 2005 tra loro variamente intrecciate sull’Antonveneta e sulla Bnl”. E’ un passaggio di una delle molte interviste rilasciate dal compagno Br1 alla stampa operaia, non ancora del tutto satura dei finanziamenti corruttivi dei grandi capitalisti.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Index: la scissione farebbe crollare il Pd CLICCA IL VIDEO

Sondaggio Post Verità

Sondaggio Post Verità

La domanda del giorno

Come si chiamerà il gruppo degli scissionisti Pd?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle Voluttà

#efamolostoflavio

#efamolostoflavio

articolo scritto da: