•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 16 maggio, 2010

articolo scritto da:

Spinoza: dal web a un libro (serissimo)

Sono partiti, quasi per caso, da un blog e oggi approdano in libreria. Gli (ir)responsabili di Spinoza.itAlessandro Bonino e Stefano Andreoli tra gli altri, hanno dato vita a Spinoza. Un libro serissimo (Aliberti,  € 12).
spinoza
Duecentoquaranta pagine che condensano alcune tra le migliori battute – molte inedite – del miglior blog satirico del 2009, che deve il nome al filosofo più scomunicato di tutti i tempi. Sabato al Salone del libro di Torino, tra un bicchiere e l’altro a margine dell’ostensione del libro – così l’hanno chiamata -, li abbiamo incontrati in uno stand Aliberti preso d’assalto da estimatori e curiosi.
Partiamo dall’aspetto editoriale. Il vostro libello arancione è, nello stand di Aliberti, gomito a gomito con Paolo Guzzanti, Debenedetti, Wojtyla e la D’Addario. Vuol dire che con un blog si può arrivare dovunque?
Beh, nel caso di Wojtyla sì.[ad]Come vi è venuta l’idea di diventare questa specie di aggregatore satirico sul web?
Spinoza è nato nel 2005 per impulso di Alessandro Bonino, che aveva già un suo blog e all’inizio ha pensato Spinoza come una raccolta incentrata sull’attualità. Dopo un po’ alcuni amici hanno iniziato a scriverci in libertà, poi sono arrivato io (Stefano Andreoli alias Stark, ndr) e la cosa si è allargata fino a diventare quello che è, cioè una community che ruota intorno a un forum che è il laboratorio da cui si selezionano i contenuti.

Alle volte mi viene da pensare che la politica italiana spesso sia ridicola già di per sé. Questo è un limite o un vantaggio per chi la prende in giro?
Si può fare un grafico: all’inizio è un vantaggio, poi dopo, a mano a mano che sali, è un ostacolo, perché rischi di finire negli stereotipi.

Il vostro successo è segno che c’è fame di satira, che quella in tv non basta?
Nella televisione italiana oggi non c’è satira, al massimo un umorismo funzionale a una risata, che va sullo stereotipo e si focalizza su aspetti secondari. Pensa che Televideo, nella descrizione di “Parla con me”, scrive ‘satira’. Dov’è la satira?

Beh, ogni tanto Vergassola…
Sì, quando ci copia le battute!

Oh a proposito ci sarà qualcuno che non ha mai tratto ispirazione da Spinoza, no?
Sì: Wojtyla, Beckett e forse Dario Fo. E anche Ahmadinejad, che peraltro un suo stile satirico ce l’ha. Invece Al Bano ci ha accusato di plagio, come a Michael Jackson.

Nella prefazione Marco Travaglio dice che è una fesseria pretendere che la satira sia bipartisan. Ma voi vi divertite di più a bastonare Berlusconi o il Pd?
Beh, prendere di mira persone che si pensa simpatizzino per te dà più soddisfazione.

C’è chi sostiene però che chi fa satira a sinistra bersaglia solo il Pd. E’ un problema di visibilità?
La satira è proporzionale alla visibilità, le altre forze del centrosinistra sono un agglomerato subatomico. Cosa possiamo dire se non che gli elettori di Sinistra e libertà non sono abbastanza per fare una partita a scopone?

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

Donnie Trumpo

Donnie Trumpo

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento