•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: domenica, 8 maggio, 2011

articolo scritto da:

TP intervista Mario Rodriguez

milano

“La campagne elettorale di Milano? Brutta e noiosa. Il ballottaggio non è scontato”

 

Mario Rodriguez, docente di comunicazione politica all’Università di Padova e amministratore unico di Mr&Associati Comunicazione, è uno dei precursori della consulenza politica in Italia: nella sua carriera ha curato decine di campagne elettorali. A Milano ha già vinto. Era il 1999, quando portò la “Signora Provincia”, Ombretta Colli, a Palazzo Isimbardi. Vinse contro Livio Tamberi, Presidente uscente del centrosinistra. Proprio sulle imminenti elezioni milanesi l’abbiamo intervistato.

Professor Rodriguez, ma davvero la Moratti rischia di perdere?

 

Rispondo con una domanda: ma davvero si può pensare che Pisapia possa vincere?  Al di là delle battute, per pensare ad una vittoria di Pisapia bisogna prima arrivare al ballottaggio: non è scontato. La campagna mi sembra moscia, la città non vive tensioni né emozioni. L’unico motivo di tensione che vedo è sul tentativo di Berlusconi di trasformare il voto in un referendum pro o contro se stesso. Seguendo, peraltro, un copione noto, sperimentato altrove in molte altre occasioni. È senz’altro una delle campagne più brutte degli ultimi anni. La campagna elettorale più interessante di quest’anno l’ho vista a Torino.

 

TP intervista Mario Rodriguez

 

Quindi Lei boccerebbe le campagne elettorali di Pisapia e Moratti?

 

Sì, mi sembrano due brutte campagne. La Moratti utilizza fotografie artificiose, non è spontanea. Non punta su se stessa, come invece fece cinque anni fa con il manifesto col suo bel volto sorridente in primo piano. Berlusconi, impostando una campagna nazionale a Milano, l’ha banalizzata, l’ha resa priva di carattere. Oltretutto, gli slogan sono generici, mancano proposte caratterizzanti. Pisapia invece non riesce a presentarsi come un’alternativa di governo credibile. La sua lettera ai milanesi mi ha lasciato esterrefatto: i due punti principali di cui parla sono aria pulita e piste ciclabili. Ma si rende conto che si candida a governare la prima città metropolitana d’Italia?! Le sue sono proposte radical chic.

 

 

 

Torniamo al referendum pro o contro Berlusconi: anche D’Alema ha detto che se Berlusconi perde deve andare a casa. Ma a chi giova nazionalizzare lo scontro?

 

La nazionalizzazione del voto è una sconfitta per la sinistra, per il suo spirito civico e la sua dimensione comunitaria. Io sono un forte sostenitore delle liste civiche di comunità. Il referendum conviene a Berlusconi, e la sinistra, ancora una volta, lo insegue sul suo terreno. Ma a venire bocciata è soprattutto la politica italiana, e questo è un momento storico nel quale la nostra mediocrità politica stride con l’epicità degli avvenimenti.

 

 

 

A chi andranno, in un eventuale ballottaggio, i voti centristi? E come vede il candidato del Terzo Polo Manfredi Palmeri?

 

La sua campagna è quella che inizialmente mi ha convinto di più, mi piace il suo riferimento alla Primavera, ma poi si è spento. Nelle ultime settimane si è imposto un modello di grassroots campaign alla quale si è fatto trovare parzialmente impreparato. Per quanto riguarda i voti del Terzo Polo, penso che al ballottaggio non convergeranno unicamente su un candidato. È verosimile che si dividano tra Moratti e Pisapia ma penso che in maggioranza sceglieranno l’esponente del Pdl.

 

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da: