•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 3 dicembre, 2012

articolo scritto da:

“It matters”: le primarie del centro-sinistra

primarie

“It matters”: le primarie del centro-sinistra

 

Nel suo discorso di ringraziamento alla Nazione dopo la rielezione, il Presidente Obama ha parlato delle campagne elettorali:

[ad]”So che le campagne politiche a volte sembrano piccole, persino stupide. E che ai cinici danno molto spazio per dire che la politica non è nulla più che una gara tra ego o terra di interessi particolari.”

Il discorso del neo-eletto Presidente proseguiva con l’elogio dei volontari della gente appassionata e di tutte quelle persone che rendono il processo democratico americano il più grande spot per questo grande e complesso  Paese.

Anche un Paese “periferia dell’impero” come l’Italia, in queste due settimane ha vissuto momenti molto alti grazie alle primarie del centro-sinistra e grazie al duello Renzi-Bersani. Non concentriamoci troppo sui futuri scenari e neanche sul risultato finale; per quelle analisi ci sarà tempo e spazio in futuro.

primarie

Analizziamo invece i dati reali partendo dalla componente più a-valutativa per poi “scendere” nel mondo reale. I dati oggettivi sono almeno due rispetto a queste primarie:

-In primo luogo il centro-sinistra ha trovato una via d’uscita democratica alla crisi della politica che attraversa la società italiana. Gli ultimi due anni sono stati caratterizzati da una profonda disaffezione, che ha generato imponenti fenomeni di astensionismo e fughe massicce verso movimenti di protesta come il M5S di Beppe Grillo. La cosa interessante è che questo straordinario momento di partecipazione collettiva è avvenuto con i gli strumenti classici della democrazia: un seggio, un scheda, una matita e delle persone in fila.

In un certo senso è bastato questo per surclassare mediaticamente Grillo e spingere nel baratro il centro-destra costretto “ad inseguire” i democratici sul terreno della partecipazione interna nella scelta del leader. Questo risultato non era per niente scontato e la ” Parlamentarie” lanciata dal comico genovese assomigliano ad un tentativo posticcio di aprirsi alla democrazia interna.

-Il secondo, e più importante aspetto, è il respiro internazionale di questo avvenimento e il suo significato in Europa. Il messaggio arrivato a Monti & Co. e anche agli attenti tecnici europei è molto chiaro: esiste un’area politica in Italia capace di organizzarsi, confrontarsi ed esprimere una leadership forte in grado di guidare il paese. Detta in altri termini da domenica appare evidente che non servono “badanti europei” o “Monti bis” e che, in definitiva, la crisi democratica generata dalla crisi economia può essere affrontata con procedimenti partecipativi in grado di isolare i populisti e scongiurare la presenza di “super-commissari” stranieri.

Probabilmente questa per Monti, Napolitano, Casini ecc. ecc. non è una buona notizia perché un Pd oltre il 33% non permette alcuna giustificazione ad un Monti-bis e ,l’unica miserabile risorsa, rimane una legge elettorale “truffa” in grado di “non far vincere” la coalizione di centro-sinistra.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Sondaggio elettorale Rosatellum

Sondaggio elettorale Rosatellum

sondaggio elettorale rosatellum

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento