•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 7 dicembre, 2012

articolo scritto da:

Parlamentarie: prevalgono donne e giovani, ma i dubbi rimangono

parlamentarie m5s

[ad]La discesa in campo di Berlusconi, con le ben note ripercussioni sul governo Monti, ha distolto l’attenzione da quello che sarebbe potuto essere, nelle intenzioni del leader Beppe Grillo, l’evento politico della settimana, le parlamentarie.

Quattro giorni di votazioni on line riservate agli iscritti, per decidere la composizione delle liste e quindi i nomi di un centinaio abbondante di futuri parlamentari. Abbiamo parlato, in altri articoli delle problematiche legate a questo sistema di selezione delle candidature, evidenziando anche come gli aspetti esteriori prevalessero sui contenuti dei wishful candidates (la qualità del video, l’abbigliamento, le inflessioni dialettali versus le proposte programmatiche esposte dai candidati alle parlamentarie).

 

parlamentarie m5s

Da ieri conosciamo anche i risultati della selezione, conosciamo volti e storie dei candidati che hanno vinto le parlamentarie, conosciamo soprattutto il numero di voti espressi: 95.000 voti validi – non si sa al momento se si intende 95.000 elettori o più probabilmente 95.000 voti espressi da circa 31.000 aventi diritto. Come detto, gli aventi diritto non erano una platea indistinta come per le primarie di centrosinistra, ma solo gli iscritti al movimento al 30 settembre scorso, numero conosciuto solo ai vertici del movimento stesso. Difficile dunque fare paragoni con i risultati delle primarie del centrosinistra. Piuttosto lascia pensare il numero così ridotto di iscritti: è vero che c’è un controllo verticistico molto serrato, che riporta alla mente il Pci degli anni ’50, quando per ricevere la tessera bisognava essere presentati da almeno due iscritti, però il paragone con partiti dal peso elettorale di grandezza simile (Pd e Pdl) non regge, e fa comprendere quanto rilevante sia il peso mediatico del leader Beppe Grillo.

Ad ogni modo, 95.000 voti espressi, che hanno selezionato in queste parlamentarie i futuri parlamentari. Grillo gongola, perché i vincitori hanno caratteristiche che spesso i partiti faticano a ritrovare. Innanzitutto, il clamoroso successo delle donne. Su 31 capilista, ben 17 sono donne. Solo quattro capilista hanno più di quaranta anni (e presumibilmente andranno in Senato), molti sono liberi professionisti, insegnanti, impiegati, studenti e c’è anche una disoccupata.

Le Parlamentarie, però, difficilmente porteranno vantaggi in termini di consenso – come invece tutti i più recenti sondaggi elettorali testimoniano a favore delle primarie del centrosinistra. Nemmeno si può dire che questo sia stato un obiettivo ricercato dal “capo politico del movimento”, che ha invece sempre personalizzato in se stesso le campagne elettorali più importanti del MoVimento: gli oltre cento parlamentari grillini non devono diventare più importanti di Beppe Grillo, che in Parlamento non ci andrà, altrimenti il rischio è che si creino dei nuovi casi Favia e Salsi. Piuttosto, quello probabilmente che il comico genovese sperava di poter ottenere era di poter dare la “giusta” esposizione mediatica ai risultati ottenuti.

Grillo potrà quindi dire  – e in realtà sta già dicendo – di aver creato con le parlamentarie l’occasione per portare “il popolo” nelle stanze del potere,  facendo prevalere (non avendo un vero contraddittorio interno al movimento) questa immagine alle limitazioni dell’elettorato attivo e passivo, tema su cui invece per mesi si sono scontrati simpatizzanti e dirigenti del Pd.

Restano – infine – tutti i dubbi di una selezione basata su requisiti definiti da un numero assai ridotto di persone, i cui risultati (i numeri) sono certificati e noti solo agli stessi individui. Questi dubbi, lasciano un velo di opacità che non farà bene al movimento stesso.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

7 comments
Peiot980
Peiot980

Parlamentarie sono la vera democrazia. Le primarie sono oligarchia, in quanto con le primarie scegli il leader, poi il leader si farà il suo listino da eleggere al parlamento, mentre con le parlamentarie ben 90.000 persone (e non 30.000 come voi ed il corriere vorreste far credere!!) hanno potuto scegliere i candidati al parlemento senza che le nomenklature di partito decidessero che era capo lista e chi no che era eleggibile e chi no. Meidante le parlamentarie i cittadini che si erano iscritti al movimento 5 stelle e che si erano qualificate mediante carta d'identità (e non come le primarie dove era possibile votare più volte in certi collegi) W LE PARLAMENTARIE - W IL MOVIMENTO 5 STELLE

skyzoo73
skyzoo73

Finalmente una lista scelta dalla gente e non calata dall'alto,  di gente normale, che porterà solo benefici in parlamento.

Guido
Guido

Ma su questo sito scrivono solo gli elettori del PD?.

Luigidemarco50
Luigidemarco50

Non calata dall'alto ? Quale significato ha "gente normale " ?

Hirrk Sblargj Eff
Hirrk Sblargj Eff

è duddo un gombloddo piddino-piddiellinooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

argentovivo
argentovivo

La tua sofisticata replica a questo articolo, ti dirò, non è affatto convincente, perché molto carente di argomentazioni su un articolo che riporta un bel pò di dati presumibilmente oggettivi. A volte mi sembra che la gente scriva per convincere giusto sè stessa.