•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 26 dicembre, 2012

articolo scritto da:

Su una cosa Mario Monti ha torto

mario monti

[ad]Di tutte le considerazioni fatte da Mario Monti durante la conferenza stampa di fine anno una mi ha colpito più delle altre. E non c’entrano numeri, tabelle infografiche, riforme sociali e agende politiche.  Ad attirare la mia attenzione è stata una frase del Professore: “Gli italiani non sono cretini”.

Mario Monti allontanava le sirene del populismo ad impronta berlusconiana encomiando l’intellighenzia dei suoi concittadini. Secondo il premier dimissionario, gli italiani non si faranno abbindolare da facili promesse e da annunci eclatanti. Eppure sulla capacità degli italiani di non farsi abbindolare, debbo, con grande dispiacere, dissentire da Mario Monti. C’è una grande parte di italiani che, storicamente, ha sempre avuto un debole per i Re Mida, per l’uomo che si fa da sé, per chi nella campagna elettorale al posto di dire un più prosaico (ma serio): “Io mi impegno di..” usa la parolina magica “Io prometto di..”. Abbagliati dall’oro che luccica, incuranti della polvere che si trova sotto il tappeto, avidi di avere tutto subito e fedeli al detto latino “do ut des”, gli italiani, o una parte consistente di essi, votano per il mercante che propone l’offerta più conveniente.

mario monti

Però in questo caso  non si tratta di comprare l’ultimo prodotto tecnologico con la formula prendi 3 paghi 2. In gioco c’è il futuro dell’Italia e a stretto giro quello più tangibile dei suoi abitanti. Eppure c’è una grande fetta della popolazione che crede ancora alle parole del (non più) Grande Comunicatore: “Toglieremo l’Imu, lo spread è un’invenzione”. Un’altra fetta di gente si beve medicine keynesiane preparate dal responsabile Economia del Pd, Stefano Fassina, insieme al sodale alleato Nichi Vendola. Altri si fanno trascinare dalle bordate anti-Europa a marca grillina e leghista. In molti, quindi, si lasciano cullare da ludiche promesse. Un fiume di parole sotto forma di morfina che allontana momentaneamente lo spettro di una crisi che invece è ancora viva. Gli italiani sono affetti dalla sindrome di Nimby. L’interesse privato sovrasta il bene pubblico. Vedono complotti internazionali per uccidere la credibilità dell’Italia. Per questo, a mio avviso, l’agenda di Mario Monti non raccoglierà (purtroppo, per quanto mi riguarda) il favore della maggioranza della popolazione.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

6 comments
M.C.
M.C.

Io francamente non credo nei complottismi, ma la realtà è che Monti ha fatto e farà esclusivamente gli interessi delle banche e della casta. Leggete bene la sua agenda tra le righe. Quante volte scorgerete la parola "pubblico" associata ad esempio a scuola e servizi (si veda che nella legge di in-"stabilità" sono state tagliate ulteriori risorse alla scuola pubblica e destinate a quella privata ed altre finalità non sociali). La parola "pubblico" risulta associata a privatizzazione del sistema (a qualcuno sembra che le privatizzazioni degli anni passati abbiano comportato un vago miglioramento dell'efficienza e l'efficacia dei servizi? o ridotto in qualche modo il clientelismo?). Riformare il sistema del lavoro durante questa recessione, di fatto determinata, al di la della crisi finanziaria, da una imposizione fiscale regressiva, significa redditi più bassi e meno diritti per tutti. A conferma di ciò si legga quanto riporta l'agenda Monti in tema di contrattazione collettiva, determinando un'ulteriore frammentazione del sindacato, che certamente non migliora i suoi difetti, ma impoverisce il suo potere contrattuale. 

Bay 13
Bay 13

Sono pienamente d'accordo. Italiani accendete il cervello, Berlusconi ha avuto tutto il tempo in 20 anni di fare promesse sempre e solo mantenute a meta perche troppo preoccupato a fare i suoi interessi personali sulle spalle degli italiani. Volete davvero un primo ministro di cui gli scandali con ecort hanno fatto la prima pagina di tutti i giornali mondiali? ...vi sembra che all'estero le cose funzionano cosi?? Guardate cosa é successo al Francese Strauss Khan, uno scandalo é bastato a farlo radiare dalla politica d'oltralpe ed é stato dimenticato molto rapidamente da tutti. Questi sono paesi seri! Questa é davvero una politca seria ...non quello che succede da noi!

MarcoRS
MarcoRS

Immagino che lei intendesse dire che Monti ha elogiato "l'intelligenza" degli italiani. Ha però scritto "intellighenzia", parola che, le faccio notare, ha tutt'altro significato. Attenzione: perché l'improprietà di linguaggio indebolisce la tesi, interessante ancorché a mio parere discutibile, che vuole sostenere.

Maurizio Regaz2003
Maurizio Regaz2003

Speriamo che gli italiani non siano così cretini da farsi abbindolare da Monti, emissario delle grandi banche, curatore fallimentare non eletto ma messo a capo del governo italiano dalla finanza internazionale che vuole solo soldi e a cui certamente non frega niente degli italiani. Svegliati Andrea Turco dei mie stivali!

Romano Fedi
Romano Fedi

Allora secondo questo articolo gli italiani sono cretini d'avvero aveva ragione Berlusconi? Secondo  punto se nessuno è idoneo a governare a chi ci si dovrebbe rivolgere alla barbetta vdin Oscar Giannino?