•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 4 gennaio, 2013

articolo scritto da:

Distribuzione seggi al Senato – Maggioranze (IM)possibili

Distribuzione seggi al Senato – Maggioranze (IM)possibili

 

Come accennato in altri articoli, alle prossime elezioni la distribuzione dei seggi al Senato rischia di essere un nuova “lotteria” a causa dell’effetto prodotto dai 17 premi di maggioranza previsti per le 17 Regioni. Il rischio, come noto, è quello di avere una centro-sinistra con una maggioranza (o nessuna maggioranza) troppo risicata per poter governare.

Grazie alla proiezione del Cise possiamo osservare due ipotesi rispetto alla distribuzione dei seggi in Senato; in base a queste proiezioni possiamo immaginare le possibili alleanze post-elettorali.

La prima ipotesi posta si sviluppa in tre “scenari possibili” mantenendo ferma la conquista di tutti i seggi da parte del centro-sinistra nelle regioni dove la coalizione guidata da Bersani risulterà perdente; evidentemente tale assunto non troverà riscontro nella realtà ma è comunque utile, nella costruzione di un modello, applicare delle piccole forzature. Tenendo ferma la condizione appena citata, l’ipotesi evidenzia tre possibili risultati in termini di seggi al Senato da parte della coalizione progressista e, tranne che nel primo caso, i seggi ottenuti non garantiscono certamente un vita facile ad un possibile governo Pd-Sel (la maggioranza semplice al Senato è di 158 seggi, quelle previste nei tre scenari sono rispettivamente 178, 169 e 165).

[ad]Nell’ ipotesi B vengono introdotti elementi più reali e si immagina un centro-sinistra “costretto” a dividere i seggi con altre formazioni, nelle regioni dove risulteranno vincenti Lega e Pdl. Ovviamente, in questo caso, le previsioni per Bersani e Vendola sono ancora peggiori, considerato che, in questo caso non esiste una maggioranza, neanche risicata.

Osservando quindi gli elementi sistemici non si prevedono mesi facili per il Governo del Paese, anche se la situazione dell’offerta politica è molto diversa dal 2006: infatti mentre cinque anni fa gli schieramenti risultavano divisi in due coalizioni “catch all” oggi il quadro è molto più composito. L’unico polo forte rimane quello di centro-sinistra che, però, rispetto al 2006 è molto meno “pesante” considerata la composizione della coalizione sostanzialmente formata da due soggetti Pd e Sel.

Il resto dello scenario è completato da tre “poli minori”: M5S, Pdl+ Lega Nord (ammesso che si presentino unite) e Centro. Formazioni diverse con diversa capacità coalizionale, che è l’elemento “nuovo” rispetto al 2006, oltre ad essere la caratteristica in grado di modificare anche la strutturale instabilità di nel nostro sistema partitico. Nelle ultime due legislature abbiamo infatti assistito all’esplosione di molte formazione politiche che hanno generato “pezzi” di ceto politico in grado di agire autonomamente: un esempio fra tutti è rappresentato dall’avventura di Fli.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle Voluttà

La colazione dei cavalieri

La colazione dei cavalieri

articolo scritto da:

Trackbacks

  1. […] la Cámara de Diputados, donde la ley electoral favorece a la formación que obtenga más votos. Mucho más incierto es el panorama en el Senado, donde los “premios a la mayoría” se distribuyen […]