Sondaggi elettorali: il sondaggio Ipsos per Ballarò

Pubblicato il da Giuseppe Martelli

A poche settimane dalle elezioni i sondaggi elettorali diventano sempre più definiti. Il sondaggio Ipsos per Ballarò rivela almeno tre aspetti interessanti.

[ad]Il primo dato chiaro è la sostanziale staticità del centro-sinistra formato da Pd e Sel, che insieme raggiungono il 40% dei consensi sia alla camera che al Senato. Se confermato questo dato potrebbe dar ragione alla strategia elettorale, sostanzialmente soft  di Bersani.

Molto più movimentata appare la situazione tra le altre liste. Il Pdl – secondo molti sondaggi elettorali ed anche secondo questo sondaggio Ipsos – sembra aver scongiurato il “pericolo” Grillo; allo stesso tempo il M5S rischia di essere scavalcato nei consensi dalla Lista Monti che si attesta sul 12%.

sondaggio ballaro ipsos

* Area non voto 35%

sondaggio ballaro ipsos

Infine notiamo una sensibile riduzione dell’area grigia del non voto, segno evidente di nuovi ingressi nel mercato elettorale e quindi di una maggiore voglia di partecipazione dettata, molto probabilmente, dall’ incalzare campagna elettorale. Questi “movimenti” all’interno del corpo elettorale, tuttavia, non sono soltanto di natura quantitativa ma anche e sopratutto di natura qualitativa. La strategia elettorale low profile di Bersani potrebbe derivare dalla consapevolezza (osservando il passato) di una strutturale incapacità del centro-sinistra di vincere le campagne elettorali, anche se in vantaggio nei sondaggi elettorali.

Ma anche la campagna elettorale di Monti merita attenzione, sopratutto per quanto riguarda la capacità dell’ ex Premier di sfidare i suoi competitors (anche Grillo) sul tema della “novità”, della ” diversità” rispetto al personale politico che ha dominato la scena negli ultimi anni.

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Marco
Marco

Circa un mese e mezzo fa, ho sentito in diretta spiegare dal sig. Pagnoncelli che la voce "altri" in un sondaggio non era stata riportata perchè corrispondeva al 1% e il sig.Floris precisò che 1% era 4/5 persone. Ciò significa che il 100% degli intervistati al più corrispondeva a 500 persone, ovvero un campione statistico assolutissimamente inadeguato, roba da essere immediatamente bocciato a qualsiasi esame di statistica! Non indicano mai come è stato composto il campione e dati relativi ad esso! I sondoggi sono puro marketing elettorale e basta!

politologo 61
politologo 61

Secondo me la gente non ha capito una cosa fondamentale: il nemico da battere questa volta non è Berlusconi,ma Monti. Mi dispiace vedere tanti delusi dal PD che dopo essere stati per mesi nell'area del non voto, adesso tornano alle urne per votare PD convinti di fare argine a Berlusconi. Non hanno capito che chiunque vinca, governerà Monti perché così ha deciso la Merkel e così sarà. Berlusconi è ormai sconfitto dai sondaggi e votare Bersani è come votare Monti. Io ipotizzzo 2 scenari possibili dopo il voto: 1- vince Bersani, ma Napolitano affida l'incarico a Monti perché così vuole l'Europa e bersani si rassegna a un ruolo di ministro. 2- vince Bersani, Napolitano gli affida l'incarico ma dopo 3 mesi lo spread va alle stelle e Bersani si dimette e ci ritroviamo un Monti bis tecnico. In un caso o nell'altro gli elettori del PD mi fanno pena e nel contempo rabbi aperché col loro voto porteranno l'Italia alla fine.

kiupilu-p-tutti
kiupilu-p-tutti

Certo, ormai a vedere o seguire questi....pseudo sondaggi,ci si rende conto ke ormai anke loro fanno parte dell arredo di quel carrozone ke sono le votazioni,arredo spesso o quasi sempre inutile,e come tutti gli arredi inutili andranno a finire nelle discariche,pekkato ke nn ci vadano insieme gli arredatori lo meriterebbero,infatti non rikordo una volta una sola volta ke si sono presentati il giorno dopo le votazioni,per fare mea culpa nel dire ke l arredo (o meglio i sondaggi) l' hanno sbagliato.......(al 90% succede sempre cosi') ultimo in ordine cronologiko le comunali di Parma ...Pizzarotti dato al 4%....e poi eletto......le regionali siciliane M5S dato al 7%....e poi arrivato al 15.....insomma di ke kosa parlate...carissimi sondagisti...del tubo???......dove li fate i vostri sondaggi nella sala gioki davanti a qualke slot machine?.....certo dovete tenere contenti ki vi commissiona l arredo.....scusate volevo dire i sondaggi......a proposito vi posso aiutare....dicendo ke senza fare sondaggi o parlare di politica....su 19 persone e conoscenti incontrati casualmente.......voteranno M5S......certo nn potrebbe signifikare niente......ma signifika molto se vi diko ke di questi 10 votavano PD, 7 il berlusca,1 UDC, 1 IDV.....e persone ke konosco da molto tempo....di diverse estrazioni sociali...quindi fate voi.......il 25 febbraio......i vostri sondaggi conservateli per la prossima volta......tanto ormai x questi siete gia passati all INCASSOOOOO........NE VEDRETE DELLE BELLLE....cambiate mestiere..e lasciate stare la politica......nun e' roba vostraaaaaa

Arm
Arm

Ma vogliamo smetterla di dare credito a questi sondaggi PAGATI da chi vuole influenzare gli italiani ed effettuati da sedicenti società che nessuno controlla e che soprattutto non hanno alcuna autorevolezza? I sondaggi hanno bisogno di GRANDI NUMERI, nessuno parla mai della dimensione e soprattutto della eterogeneità del campione intervistato. A meno che non vogliamo fidarci... ma oggi forse è un po' rischioso, no? Mi sembra l'ennesima buffonata che si perpetua alle spalle degli italiani che si bevono tutto. E andiamo avanti così.....

Mark
Mark

Mi piacciono le rimonte..e le imprese impossibili. Quindi.... forza SILVIO !

elio
elio

oggi su virgilio c'e' bersani che chiede a monti contro chi sta , la risposta e' semplice , contro gli italiani onesti e laboriosi in effetti i politici e cioe' monti,bersani,berlusconi,di pietri ventola, casini ,fini etc hanno tutti lo stesso nemico gli italiani .

nico
nico

siamo sicuri che i sondaggi rappresentino la reale situazione di pensiero degli elettori?? ovvero di gente schifata da tutto questo marasma inconcludente che ha portato sul baratro la ns. Nazione? io non credo proprio!!! vorrei sapere con quale parametrazione vengono scelti gli intervistati. La realtà è sicuramente una percentuale di almeno 10 punti percentuale in piu' del movimento di beppe grillo. Il 24 e 25 febbraio lo scopriremo.

Beobilla
Beobilla

Come al solito la Lega è sottostimata.E Anche il M5S....ci saranno sorprese, ma non certo da sconvolgere il quadro.Ci sono quattro regioni in bilico.Vedremo che succederà!

Aldo
Aldo

Hanno chiesto sacrifici a tutti, ma quanto pensano che tocchi anche a loro, togliersi qualche privilegio, e abbassarsi le loro indennità. È veramente uno schifo.

piero
piero

Sono un ex elettore pdl, voterò convintissimamente Monti ( e qualcun'altro seguirà la mia scelta)!

MAURO
MAURO

A me il sondaggio mi sembra abbastanza obiettivo e spero così rimanga xchè conto che vinca il PD.

Michele
Michele

Mi permetto solo di contestare un dato e cioè che l' area sia in sensibile diminuzione. Si è passati dal 38% del 19 dicembre al 35% di ieri. 3 punti non mi sembrano significativo, Significativo è invece che Ipsos assegna e Pd, PdL e Fratelli d' Italia i valori più bassi fra tutti i sondaggisti metre su Monti e Rivoluzione Civile è il più alto. In media solo per Movimento 5 stelle, UdC, Fli, Lega. Credo che in futuro Pd e PdL scenderanno ancora e Grillo tornerà secondo, Per ora si stanno decidendo i montisti ma da 7 u 10 in area grigia non lo voglio come non voglio Berlusconi e Bersani.

bruno magherini
bruno magherini

Non ho ancora sentito un'analisi seria da parte degli osservatori del quadro politico italiano. Vediamo un po'. Storicamente la sinistra in Italia non è mai andata oltre il 40 %: questo è il suo bacino elettorale fisiologico. Il 50 e qualcosina per cento raggiunto da quella armata brancaleone chiamata Ulivo dipendeva dal fatto che a trainarla era una personalità proveniente dalle (seconde) file democristiane e il pegno pagato era quello di una incredibile e distruttiva eterogeneità. Infatti sono state esperienze durate un batter di ciglia. In fondo il prodismo è stata l'ipotesi uscita pesantemente sconfitta da questo disastroso ventennio Il tentativo di introdurre un sistema di tipo bipolare è fallito sia per colpa degli attori (Berlusconi in primis) sia per una specie di predisposizione anchilosata dell'elettorato a restare rinchiuso nel proprio recinto di valori, per cui pochi sono quelli che accettano di votare per l'altro campo. Pesano in questa rigidità indubbiamente fattori storici: venti anni di fascismo, una guerra civile, quaranta anni di democrazia bloccata in corso di guerra fredda, vecchi steccati culturali persistenti sottotraccia. In questo ambizioso di gioco a due a Berlusconi è bastato interpretare la parte dell'alternativa alla sinistra per vincere a mani basse o, nella peggiore delle ipotesi, per pareggiare. Stavolta non è così. La vera novità di queste elezioni, dopo un anno di "strana maggioranza" (coatta) e la comparsa dell'autorevole " tecnico" (eufemistica finzione) catapultato dall'esterno, è la scomposizione dell'elettorato non di sinistra in due tronconi, uno vecchio impresentabile, uno nuovo presentabilissimo ma soprattutto responsabile. La sinistra, in questo gioco, non può che fare da "sponda", da elemento di appoggio. Questa legge elettorale, a detta unanime, è una balordaggine ma una balordaggine voluta (e votata a suo tempo proprio da Casini che su quest'altare immolò la testa di Follini). Non vi è dubbio che la prossima sarà una legislatura di coalizione, anche perché, in tempi di crisi profonda, i pesi (e quindi l'impopolarità) del governo è bene siano gravati su più spalle. Non a caso a Bersani è sfuggito un lapsus freudiano: meglio governare con il 49 % che con il 51 %. Non a caso il primo punto in agenda sarà una nuova legge elettorale. Qualcuno vincerà ma sarà in ogni caso una vittoria monca, funzionale ad un processo, già in atto, di "scomposizione" e "ricomposizione" dell' area moderata. Riuscirà questo processo? Chissà! Questo è un paese strano, carico di anomalie e di contraddizioni. Si vedrà.

gastone magnabosco
gastone magnabosco

Spero che questi sondaggi saranno confermati dal voto,lo spero per l'Italia e per gli italiani.

vincenzo covelli
vincenzo covelli

sono un ex elettore schifato del Pdl che non voterò per nessuno!

Giuseppe
Giuseppe

Sondaggi fatti ad arte per influenzare il voto

Davide
Davide

Non è vero, non è scontato come affermi tu che comunque vada governarà Monti. Voglio vederlo il segretario Bersani che dopo aver preso un 32-33% alle elezioni, aver magari ottenuto la maggioranza assoluta alla Camera e aver cmq ottenuto una maggioranza relativa al Senato, appare in tv e dice agli elettori e militanti "abbiamo scherzato" siccome non ho anche la maggioranza assoluta al Senato, non posso fare io il premier e lascio il posto a Monti che ha ottenuto un roboante 13-15% alle elezioni e che è la terza dico terza coalizione (sempre che il M5S non prenda più voti)"!! Mi immagino i vari Fassina e Orfino con i loro "Giovani Turchi" che hanno detto di cotte e di crude sul Professore che si ritrovano a dover abbassare la testa e votare un Monti bis. Siamo nell'ambito della fantapolitica. Piuttosto è probabile che Bersani da premier incaricato troverà un accordo politico con Monti, magari una nomina a Presidente della repubblica per lui e qualche ministero importante per i suoi, tipo lo Sviluppo o la Giustizia per capirci. Escludo anche che un Bersani premier si metta in casa un Monti superministro dell'economia sarebbe come ammettere urbi ed orbi un commissariamento di fatto e nella sostanza sarebbe ammettere che a governare ci pensa Monti e che Bersani fa l'uomo di paglia!

ant47
ant47

Ecco come il verbo traduce quando nella testa si hanno solo stelle che girano tanto forte che neppure chi ce le ha riesce a fermarle. Cosa succede allora: la riprosizione lessicale da copia ed incolla propinata agli italiani per 20 anni e non è ancora finita. Gira ancora vorticosamente e dove l'andranno a recuperare non si sà. Ora ci sono anche gli imitatori. Speriamo per il loro bene che arrivati al 100% dei desiderati si riposino.Troppo supercervello porta a fondersi.

Alebarto
Alebarto

interessante che nella parata di politici "nemici" degli italiani elio non abbia citato neanche un leghista. E dire che il sacco dei denari pubblici da parte del cerchio magico di Bossi & co. è sotto gli occhi di tutti. Credo che da questo punto di vista, stimare la Lega al 4 per cento è un risultato fin troppo sorprendente. Credo che il centro-sinistra sia in vantaggio perché ha scelto democraticamente il suol leader e molti dei suoi candidati e quindi il suo programma, attraverso le primarie. Credo che il PDL sia un partito in agonia costruito sulle stesse ricette che hanno fallito per tre volte di seguito. E credo che l'unico dato sovrastimato del sondaggio Ipsos sia quello del movimento di Ingroia. Per quanto riguarda il M5S, credo che paghi l'antidemocraticità delle sue scelte di vertice. Questo elemento si camuffa nelle elezioni locali ma in quelle politiche emerge con grande evidenza.

Luca
Luca

Infatti ma la lega si giocherà una parte importante in Lombardia più che altro...cioè esattamente quello che vuole

dylan
dylan

complementi dopo tutto quello che ha fatto e proprio la scelta giusta, che masochista..........

C.
C.

Bella analisi. Secondo te un 10% a Rivoluzione Civile potrebbe bastare per non ritrovarsi con PD+Monti, ma con PD+Rivoluzione Civile?

Filippo
Filippo

Anch'io la pensavo come te...poi da quando Oscar Giannino ha fondato la lista "Fare per fermare il declino" mi sono nuovamente motivato!.. T'invito a vedere il sito www.fermareildeclino.it dove trovi i 10 punti per la crescita, i fior di economisti co-fondatori del movimento e molto altro. E' l'unica vera alternativa al clown Berlusconi e al giù-di-tasse Monti! Ciao!

Gianni
Gianni

A chi non vota: se non ti vuoi occupare di politica, la politica si occuperà comunque di te. Ti conviene votare, se no non te la potrai prendere con nessuno se le cose andranno male. E se hai votato pdl e ora sei pentito, vota contro il pdl, non contro la politica. Lo stesso se hai votato PD e sei pentito ovviamente e questo vale per tutti i partiti. Non votare è tirarsi indietro, è come dire: "io non riesco a scegliere, non mi reputo abbastanza intelligente. é troppo difficile per me". Non votare per nessuno vuol dire solo una cosa: "decidete voi per me". Ok deciderò io per te, e voterò PDL!!!

Davide
Davide

Voi vi preoccupare dei sondaggi ma dovreste piuttosto preoccuparvi per l'occupazione manu militari che il Cavaliere sta facendo di TV e Radio. E per le infinite bugie ed invenzioni che sta nuovamente sparando. La sua strategia è ormai chiara a chi ha occhi per vedere. Quando 14 mesi fa fece il famoso "passo indietro" lasciando il governo a Monti, non lo fece per "il bene dell'Italia" come dichiarato ma perchè aveva perfettamente compreso che la barca poteva affondare e con la barca-italia anche le sue aziende, quindi decise di mettersi nell'ombra e lasciare che a sporcarsi le mani fosse Monti e la strana maggioranza e che per un poco si smettesse di parlare di lui e dei suoi problemi. Il tempo e la crisi avrebbe fatto il resto permettendo agli Italiani di dimenticarsi chi era stato al Governo dal 2008 al 2011 e prima ancora per altri 8 anni, e di scaricare la rabbia per la crisi solo sul tecnico Monti e magari anche sul PD, poi quando il paese fosse stato cotto a puntino e la crisi finanziaria fosse stata messa almeno in parte alle spalle, eccolo tornare in gioco e riscendere in campo come se fosse il nuovo, il salvatore della patria, il buono contro il cattivo Monti ed il cattivissimo Bersani. L'incredibile è che nuovamente una parte degli Italiani ignoranti sembrano dargli credito, basta che si sentano dire e promettere "crescita", "meno tasse" "nessun taglio ai servizi", "lavoro per tutti e per i giovani", "meno costi dello stato e della politica". Neppure uno di questi a domandarsi, ma come mai il Cavaliere non ha fatto nulla di ciò nei tanti anni al governo?

Davide
Davide

La verità è una Berlusconi è un cantastorie, uno che non ha mai ammesso uno sbaglio se non strumentalmente per usare l'ammissione di colpa virtuale come mezzo per attaccare gli avversari interni ed esterni. E' un leader che pur governando per quasi 12 anni su 17 e spesso con maggioranze corpose e, a detta sua omogenee, non è riuscito a mettere in pratica nulla di quel che aveva promesso in tv e nei vari "contratti con gli italiani". Uno che ama parlare di complotti per nascondere i suoi errori, a riguardo ha accusato spesso e volentieri il suo ministro dell'economia quel Giulio Tremonti che la Lega Nord oggi ricandida come premier di bandiera. Un premier che quando ha iniziato a comprendere che le acque si stavano facendo brutte ha tirato fuori due manovre in successione infarcite di pagherò e di tasse a valere per gli anni a venire, di riforme da fare etc..

Luciano
Luciano

Se non cambia il sistema non cambierà niente in Italia. Sono troppe le lobby ed i nostri rappresentanti non fanno semplicemente gli interessi dei cittadini. Gli unici che ci saranno nel prossimo parlamento saranno del MoVimento. Uno vale Uno

Davide
Davide

Mark sei una vergogna tu ed il tuo Silvio

Luciano
Luciano

Per quanto riguarda il M5S sta pagando il contrasto con i mezzi di comunicazione in quanto è un non partito rappresentante gli interessi dei cittadini. Cittadini informatevi in rete e verificate voi stessi cosa stà facendo il MoVimento.

Lore
Lore

La Lega sovrastimata da Ballarò?Ma dove vivi?

Giancarlo
Giancarlo

Quello che ha dovuto fare Monti in questo anno e' solo dovuto all'incapacita' e allo schifo creato da Berlusconi.

tiziana gatti
tiziana gatti

spero che tanti vadano a votare, pensate a Berlusconi ministro dell'economia ?????? Non facendo nulla con il suo governo ha costretto Monti per evitare la dèfaillance a prendere misure anche troppo drastiche. ANDATE A VOTARE, NON POSSIAMO RIAVERE UN GOVERNO COME QUELLO PRECEDENTE SAREBBE SCANDALOSO. ER FARE IL MINISTRO DELL'ECONOMIA CONVERREBBE ESSERE ALMENO ECONOMISTA: IL NON VOTO DISTRUGGE !!!!!!!!

Davide
Davide

Li sento già i destri e gli innamorati di Berlusconi dire: e cosa ha fatto la sinistra quando ha governato con Prodi nei suoi 3+2 anni di governo?? La risposta poco, e molto meno di quello che avrebbe dovuto e potuto, proprio perchè come amate spesso ricordare era un'armata brancaleone che metteva assieme tutto ed il contrario di tutto. Non per niente Prodi non ha mai concluso al suo posto la legislatura la prima volta abbattuto dal fuoco amico (?) di Bertinotti e Rifondazione e la seconda volta disarcionato da quello amico (?) di un certo Mastella e della sua Udeur. Quindi se un errore c'è stato, ed evidentemente c'è stato è stato quello di dar vita a maggioranza deboli, nel secondo mandato addirittura l'Ulivo non poteva contare che su una maggioranza irrisoria al Senato, garantita dai cosidetti senatori a vita tra cui la Montalcini, e alla fine ha pagato un pasante dazio nella sua breve attività di governo neppure due anni. Ed è per questo che mi rivolgo agli elettori di Ingroia, e dico loro pensateci bene a quel che fate, perchè se il PD non vincerà anche al Senato, come appare oggi probabile, il risultato non sarà come vi attendete un'alleanza a sinistra ma bensì un accordo al centro, un centro che si farà senz'altro ben pagare in termini politici la sua assistenza. La verità è che sarebbe l'ora e lo dico anche per me se per una volta la sinistra riuscisse a vincere in prima persona e non per interposte persone ed avesse di fronte a se un periodo di 5 anni per far vedere a tutti noi che cosa sa davvero fare. Al termine di questo periodo finalmente tutti noi potremo valutare e vedere con i nostri occhi quanto valgono e a questo punto decidere se si son rivelati capaci e meritevoli o meno. Sarei io il primo a dire, se avessero mal governato e tanto promesso e poco mantenuto a dire che non li voto più ed a rivolgermi nel caso ad una destra europea e responsabile senza più però Berlusconi alla sua guida. Questo paese ha bisogno di due cose una destra "nomale" ed una sinistra che venga messa davvero alla prova senza più scusanti. Ovunque accade cosi, vince uno e governa ed al termine dei 4/5 anni si torna a votare e se quel che è stato fatto è piaciuto viene confermato sennò la palla passa agli avversari. Da noi nella sostanza non è mai stato cosi, siamo andati avanti con una destra personale e con una sinistra che per vincere non si può dichiarare tale, questa è una falsa democrazia dell'alternanza che ora qualcuno vorrebbe sostituire con un ritorno ai Parlamenti anni 80 dove c'erano decine di partiti da pochi punti percetuali ma dall'immensa forza di interdizione (do you remeber Craxi ed il suo PSI??). Pertanto pensateci bene a cosa state facendo tutti, i prossimi 5 anni ci devono portare fuori dalle secche a affonderemo senza pietà!!

Luciano
Luciano

ma qua per cambiare qualcosa serve un cambio di sistema e non di leader! mi puoi spiegare a cosa serve mettere una brava persona a capo di un sistema a gerarchia partitica?

Ultimi articoli dell'autore