•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 15 gennaio, 2013

articolo scritto da:

Berlusconi, l’underdog che potrebbe chiudere Equitalia

Rimonta Berlusconi

Con quello stupore con cui si può accogliere la rinascita dalle sue ceneri di un’araba fenice, Silvio Berlusconi in meno di due settimane è tornato al centro del palcoscenico televisivo, che fin dalla sua discesa in campo nel 1994 fa un tutt’uno con la sorte di successo o di fallimento della politica italiana. Rinvigorito senza doversi riproporre nella veste del piazzista urlante modello 2006, il modello della comunicazione e pure della psicologia – perché di un leader capace di spostare nell’ambito ristretto della campagna elettorale milioni di voti qualche domanda sui comportamenti della mente umana dovremo pure farcela – ricorda poco l’ostilità della rivolta della razza padrona di Vicenza al convegno di Confindustria e in televisione il sorriso e la mansuetudine hanno sostituito il “mi alzo e me ne vado” dei tempi dell’Annunziata. O se vogliamo anche del più contemporaneo monologo all’Arena di Giletti.

[ad]Un cambio di registro emotivo più che di pura strategia politica, che si sta trasformando in punti percentuali guadagnati, addirittura 5 nell’arco di una settimana secondo il sondaggio Emg con un distacco a livello nazionale che ricorda molto da vicino quello ai blocchi di partenza fra lui e Romano Prodi nel 2006. Perché l’analogia numerica ci sta. Il distacco è ampio, ma non più abissale. Il recupero innestato e la propaganda – non ufficialmente, ma nei fatti già avviata dal giorno dello scioglimento delle Camere – sta causando un riequilibrio fra le coalizioni ritenuto irragionevole in queste proporzioni in così pochi giorni.

La contro-argomentazione più facile è che Berlusconi come nelle altre campagne elettorali sfrutti il periodo immediatamente precedente all’entrata in azione del regolamento per l’attuazione della par condicio. Da quel momento e per i 30 giorni veri di competizione il suo spazio sarà pari a quello di Monti, Ingroia, Grillo e soprattutto Bersani. Per la fortuna specialmente di quest’ultimo che da dominatore annunciato della campagna elettorale è finito nella parte bassa dei siti d’informazione e in fondo alla classifica dello share. Un sintomo da non ridimensionare, difficilmente curabile con l’aspirina dell’equa ripartizione degli spazi tv fra i leader e i candidati premier.

Il ritorno mediatico del Cavaliere, in effetti, somiglia ad un piano inclinato per il Pd, che partendo dall’abolizione dell’Imu sulla prima casa potrebbe arrivare fino alla promessa della chiusura di Equitalia nell’ultima settimana prima del voto col suggello di un nuovo contratto con gli italiani. E come si è visto nelle altre 5 campagne con Berlusconi leader non sarà sufficiente smentire le astuzie e le bugie: il fact checking non fermerebbe lui né tanto meno potrebbe bloccare la tentazione della sua vecchia base elettorale di sceglierlo nuovamente a febbraio. Un richiamo, che – giusto per restare in tema col 2006 – potrebbe pure essere sottovalutato dai sondaggi d’opinione svolti con metodologia CATI, le classiche interviste telefoniche.

Il possibile colpo gobbo della rimonta di Berlusconi potrebbe riguardare la controversa agenzia di riscossione dei tributi.

Non è comunque neanche il fattore della completa impermeabilità alla realtà dei risultati disastrosi del suo governo a permettergli di rifare canestro nel suo tradizionale blocco sociale. A livello di contenuti e di messaggi si capisce che all’impresentabilità degli anni da premier fanno da contraltare l’aver indovinato le issues della campagna prima degli altri: economia e fisco. Ma se vogliamo spiegare pienamente l’eterno ritorno del Cavaliere bisogna addentrarci, probabilmente, nell’interpretazione del suo carattere che ne spieghi appieno vittorie e sconfitte.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


Referendum, Sgarbi: “Ha vinto Renzi. Ecco perchè” – CLICCA IL VIDEO

Referendum, Sgarbi: "Ha vinto Renzi"

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

3 comments
Sonia
Sonia

Per giuseppe: complimenti per il suo acume! Eccolo il tipico idota berluscoide: secondo te a chi è venuta l'idea di creare una struttura siffatta (Equitalia che al momento della nascita si chiamava Riscossione SpA)? Ma almeno si documenti e poi vada a fare campagna elettorale!! IGNORANTE!! Studia.............almeno su wikipedia!! http://it.wikipedia.org/wiki/Equitalia P.S.......situazioni si scrive con una z....

Paolo
Paolo

Infatti la colpa è di Dx e di Sx. Nè Berlusconi nè Bersani nè Monti meritano. Grillo è l'unica speranza. Tra le altre cose stanno tutti copiando quello che dice Grillo da mesi oramai. Sono tutti una manica di buffoni.

giuseppe
giuseppe

io auspico la chisura totale di equitalia, si fa un bene al paese perche' strozza la vita di milioni di persone che per sfortuna o incapacita' non ce l'hanno fatta nel lavoro , e che oggi invece arriva con la mannaia verso tutti quei malcapitati , aggravando ancor di piu' gia la situazione economica disastrata , in molti casi e' responsabile di innumerevoli suicidi da nord a sud . la mia ricetta e' fatta ,per un nuovo percorso di rientro per le varie situazzioni di mancato gettito da parte dei contribuenti che dovrebbe essere fatta sia in un percorso di rientro in un periodo piu' lungo , e soprattutto privo di multe e quantaltro che aggravi gia la situazione difficilissima in cui si trovano i malcapitati . SE TUTTO CIO' SI DIFFONDESSE DAL CENTRODESTRA COME NUOVA RIFORMA CHE SUPERI AL MEGLIO EQUITALIA ,MILIONI DI PERSONE VOTEREBBERO TALE PROGETTO, ED IO SAREI UNO DEI TANTI CHE FAREBBE CAMPAGNA ELETTORALE PRO PDL cordiali saluti