•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 24 gennaio, 2013

articolo scritto da:

I governi dei paesi scandinavi tra sondaggi pessimi e crisi economica

I governi dei paesi scandinavi tra sondaggi pessimi e crisi economica 

 

C’è un filo che in questo inizio di 2013 lega i governi di Reykjavík e Stoccolma, passando per Oslo e Copenhagen: i pessimi sondaggi. Le opposizioni sono avanti praticamente ovunque. E se questo in Svezia e Danimarca pesa solo fino a un certo punto (le elezioni sono lontane), altrove il discorso è diverso: in Islanda e Norvegia un cambio di governo nei prossimi mesi appare scontato.

[ad]In Svezia l’opposizione di centrosinistra (Socialdemocratici, Verdi e Partito della Sinistra) metterebbe insieme più del 47%. Il centrodestra (Moderati, Partito Popolare Liberale, Partito di Centro e Cristiano Democratici) oscilla tra il 41 e il 43%. Al 10% circa i Democratici Svedesi, forza di ultradestra estranea ai due poli. Il centrosinistra  è avanti nei sondaggi, quindi. Ma siccome lo è da mesi i riflettori continuano a essere puntati sul Partito di Centro lacerato da una faida interna e in bilico intorno al 4%. La miccia l’ha accesa a fine dicembre la giovane leader Annie Lööf, prima aprendo tra le altre cose anche alla poligamia e all’immigrazione e poi – scoppiato il caos – facendo retromarcia e dichiarando che il programma del partito è ancora tutto da scrivere. Ma la resa dei conti sembra inevitabile soprattutto perché, come scritto da qualche analista, il partito è a un bivio: svoltare a destra o restare forza centrista? L’incertezza finisce per pesare sull’intero governo guidato da Reinfeldt, attaccato dall’opposizione sul lavoro (sempre più al centro delle politiche laburiste) e sull’economia. Denunciano i socialdemocratici: nei prossimi mesi migliaia di svedesi rischiano di perdere il posto. Il 25% delle aziende ammette di essere pronta a tagliare personale qualora fosse necessario: ipotesi non improbabile se ha ragione il 60% degli imprenditori che dichiara di aspettarsi un 2013 peggiore del 2012. Ma sono gli svedesi in generale a vedere nero: il 44,5%, secondo un sondaggio pubblicato martedì dall’Aftonbladet, è pessimista sul futuro economico del paese.

Clima simile in Finlandia: per due terzi della popolazione la crisi dell’euro deve ancora vivere il suo momento più acuto. Il quadro si completa con altri due tasselli: l’annuncio di Nokia che taglia 300 posti di lavoro e la dichiarazione di Jan Vapaavuori, ministro per gli Affari economici, secondo il quale il periodo duro per l’economia finlandese non è finito.

In Danimarca, l’allarme è per oltre 20mila danesi senza lavoro che entro l’autunno potrebbero perdere il sussidio statale. Nel tentativo di ridurre la disoccupazione e incentivare la crescita, qualche giorno fa la premier laburista Thorning-Schmidt ha ipotizzato alcune misure che sono piaciute al centrodestra, a cominciare dall’ipotesi di rivedere le norme fiscali per le imprese. L’embrione di una nuova linea economica? Forse. Entro marzo arriveranno proposte concrete e si capirà qualcosa di più. Intanto la premiership di Thorning-Schmidt continua ad assomigliare a una corsa a ostacoli. Ostacoli spesso disseminati dalla stessa maggioranza. Un esempio? Le dichiarazioni di Annette Vilhelmsen, ministro per gli Affari economici e leader del Partito Popolare Socialista: partiti borghesi, mondo degli affari e aziende remerebbero contro l’esecutivo. Risultato: imbarazzo nella maggioranza, Thorning-Schmidt ha dovuto affrettarsi a precisare che il rapporto con il mondo produttivo è buono e che c’è bisogno di tutti per ridare slancio al paese. Ma i sondaggi continuano a certificare l’affanno del governo: laburisti sotto il 20%, Liberali dell’ex premier Rasmussen al 32,4. Si votasse oggi, l’opposizione di centrodestra avrebbe un’ampia maggioranza.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)

Condividi su

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Termometro delle voluttà

Mai dire Mao

Mai dire Mao

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento