•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 29 gennaio, 2013

articolo scritto da:

Il ruolo delle banche centrali

Il ruolo delle banche centrali

 

Spiegare l’economia monetaria non è proprio semplice, la conoscenza della stessa permette una visione parziale del complicatissimo puzzle della Grande Crisi. Inutile nascondersi dietro a un dito, ciò che il globo intero sta vivendo in questo periodo è qualcosa che merita questo appellativo, fortunatamente molto lontano nella sostanza de quella che fu la Grande Depressione.

[ad]Bisogna fare una passo indietro e definire una Banca Centrale. Si tratta di istituti nati nel XX secolo e generalmente dopo la Seconda Guerra Mondiale, non a fini commerciali e tendenzialmente assumono una serie di attività di controllo dei prezzi e leve per la crescita. In condizioni cicliche normali, una Banca Centrale, di fronte a una contrazione della domanda di beni di consumo, tende a tagliare i tassi di interesse, perché in questa maniera aumenta la liquidità a disposizione delle Banche Commerciali che prestano soldi a un prezzo più basso alle aziende, le quali possono investire in infrastrutture e quindi aumentare la produzione, dare stipendi ai proprio dipendenti i quali li spenderanno per beni di consumo e l’aumento della domanda innalza l’inflazione. Quando l’inflazione sale, generalmente in condizioni di crescita economica, la Banca Centrale alza i tassi per creare il percorso contrario e quindi tenere sotto controllo l’inflazione che sopra certi livelli è da considerarsi potenzialmente dannosa. Tutto questo, nella teoria, si può studiare nei libri di qualsiasi scuola superiore a indirizzo economico.

mario draghi

Guardando ai tassi si capisce che la struttura di questa crisi è particolarmente diversa, infatti la Federal Reserve li tiene in una forbice tra lo 0 e lo 0,25% dal dicembre 2008, la Banca del Giappone (BoJ) dal 2010 ha tassi allo 0,10%, le Bank of England (BoE) allo 0,50% dal marzo 2009, mentre la Banca Centra Europea (BCE) allo 0,75% da luglio dello scorso anno.

Bene, tutto questo dovrebbe permettere una crescita potenzialmente forte, memori del fatto che in Europa i tassi erano al 4,75% nel 2001 per non parlare di quando erano determinati dalla Banca d’Italia con valori anche a doppia cifra negli anni 80 dello scorso secolo.

Queste manovre, però, sembrano non sortire soluzioni, di fatti il mercato dei beni al consumo non parte, probabilmente tutti i settori hanno anche raggiunto un certo livello di saturazione e la disoccupazione alta non permette di contrarre debiti per acquistare: senza stipendio non si possono pagare le rate, va sommato il fatto che in Europa, a differenza delle altre economie mondiali il prezzo del credito è determinato dallo Spread sul Bund, per cui in Germania fare un prestito costa circa il 3% in meno che in Italia.

Le altre economie si sono rese conto che il taglio dei tassi non è sufficiente per la ripresa, addirittura nel settembre 2009 la Svezia ruppe il tabù dei tassi negativi, portando i parametri di riferimento al -0,25%. Ben Bernanke (governatore della Federal Reserve) ha cominciato a ricomprare i Titoli di Stato dalle Banche per dare maggiore liquidità (Quantitative Easing), portando di fatti anche i tassi reali americani in territorio negativo e la Bank of England è pronta ad affrontare il problema inflazione per far ripartire l’economia.

(Per continuare la lettura cliccate su “2”)

Quanto conosci Donald Trump? Clicca sul suo volto e fai il quiz!

Quiz Donald Trump

Elezioni Francia

Elezioni Francia

Tutte le elezioni del 2017

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2017

Termometro delle voluttà

Tutto secondo i piani

Tutto secondo i piani

Nipoti di Maritain

Nipoti di Maritain

articolo scritto da:

Lascia un commento