•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 31 gennaio, 2013

articolo scritto da:

Fenomenologia del voto utile

0241

Una delle tematiche più sentite in questo scorcio di campagna elettorale è senza alcun dubbio quella del voto utile.

Berlusconi chiede voto utile verso i grandi partiti. Bersani chiede voto utile agli elettori di Ingroia che d’altra parte ritiene vero voto utile quello necessario a portare RC in Parlamento. Un atteggiamento simile a quello dell’ex-PM è tenuto anche da Grillo, anche se ormai il M5S ha di gran lunga raggiunto e superato quella massa critica necessaria ad avere la credibilità come possibile forza di governo.

[ad]In realtà, come spesso accade, in una campagna elettorale sempre più concitata e in cui i distacchi della vigilia – come era naturale attendersi – si stanno riducendo in maniera anche sensibile, i leader politici ritengono indubbiamente più facile e proficuo tentare di sottrarre voti agli avversari piuttosto che attaccare il monte degli indecisi: da un punto di vista puramente algebrico, infatti, molto meglio conquistare un voto sottraendolo ad un avversario piuttosto che conquistare un voto e basta.

Il fenomeno del voto utile, o per meglio dire l’intensità con cui è vissuto nelle elezioni politiche italiane, è un figlio diretto della legge elettorale: attraverso il doppio effetto del premio di maggioranza e della soglia di sbarramento, infatti, la legge elettorale tende a punire in maniera decisa i partiti più piccoli, e a premiare oltremisura quelli grandi. Si tratta di una legge dalle forte connotazioni bipolaristiche (che hanno caratterizzato le competizioni elettorali del 2006 e parzialmente del 2008), che oggi si ritrova inserita in un contesto completamente differente, mostrando effetti distorsivi di primaria importanza.

Nel 2006 pressoché tutte le forze politiche erano raccolte nelle coalizioni dell’Unione e della Casa delle Libertà.

Nel 2008, malgrado UdC e SA, era innegabile che lo scontro politico si sarebbe consumato tra il centrosinistra di Veltroni ed il centrodestra di Berlusconi: questo era vero soprattutto al Senato, dove le regioni in cui le terze forze potevano ambire a spartirsi i seggi erano molto poche, lasciando alle due coalizioni principali l’onore di dividersi quasi interamente le quote spettanti alla coalizione vincente e a quella sconfitta.

(Continua a leggere cliccando su “2”)


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

1 comments
Paolo
Paolo

L'unico voto utile è quello che butta fuori dal parlamento tutta questa massa di politicanti e politucoli che da anni siedono li senza aver mai concluso nulla di buono e che sono causa della continua emoragia di lavoro, ricchezza e diritti (dei comuni cittadini, i loro sono sempre ben tutelati e anzi aumentati).