•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 5 febbraio, 2013

articolo scritto da:

Tecné, sondaggi nazionali e regionali a confronto

sondaggio tecne sky

Le campagne elettorali italiane, secondo una tendenza consolidatasi sempre più negli anni, hanno da tempo smesso di essere un luogo di confronto di idee e opinioni e sono via via diventate un lungo momento di riposizionamenti, dichiarazioni, talk show e promesse disorganiche e disorganizzate scandite invariabilmente dai sondaggi elettorali.

sondaggio tecne sky
La moltiplicazione degli istituti demoscopici, unita alla crescente digitalizzazione del Paese che ha reso possibili e via via sempre più accessibili metodi di intervista via web, stanno in qualche modo saturando di sondaggi, proiezioni ed elaborazioni, un momento che dovrebbe invece essere il trionfo dei contenuti, delle proposte e della politica nel senso più alto del termine.

[ad]Se le rilevazioni sondaggistiche rimangono in quanto tali un elemento essenziale e imprescindibile delle campagne elettorali nel momento in cui esse si limitano a certificare il livello di consenso di politici, partiti e coalizioni, si sta da tempo assistendo all’utilizzo dei sondaggi come vera e propria arma elettorale – sondaggi che arrivano quindi a sostituire contenuti e proposte – per richiamare al voto gli elettori della propria fazione e scoraggiare quelli delle aree politiche avverse. Persino quando i committenti dei sondaggi non sono soggetti politici ma organi di informazione è possibile un uso personale dei sondaggi politici, allo scopo di manovrare l’audience allo stesso modo in cui un partito cerca di indirizzare i movimenti dell’elettorato.

Per certi versi, è solo attraverso questa chiave di lettura che si possono comprendere due elementi che in tutti i sondaggi politico elettorali paiono contrastare tra di loro: la rimonta a livello nazionale del centrodestra, ed il fatto che le regioni chiave in cui si deciderà la governabilità del Senato e del Paese continuano a rimanere in bilico.
Possibile che il centrodestra rimonti in tutte le regioni tranne che in Lombardia e in Sicilia? O piuttosto – poiché i sondaggi sono caratterizzati non già da un valore preciso per ciascun soggetto valutato, ma da forbici di valori – ciascun committente presenta valori all’interno della forbice confacenti con le proprie intenzioni ed i propri obiettivi?

A questo proposito risulta particolarmente interessante esaminare, tra i sondaggi più recenti, alcuni di quelli eseguiti da Tecné per Sky.
Come riportato sul sito ufficiale www.sondaggipoliticoelettorali.it, tra il 21 ed il 24 gennaio Tecné ha eseguito un sondaggio a livello regionale su diciannove delle venti regioni del Paese, con la sola eccezione della Valle d’Aosta, pubblicandolo il 29 gennaio. Al tempo stesso, nell’ambito delle rilevazioni quotidiane che la casa sondaggistica esegue per Sky, in data 24 gennaio è stato condotto un sondaggio a livello nazionale, pubblicato il 28 del mese. In entrambi i casi si è trattato di sondaggi CATI riferiti alla popolazione maggiorenne (elemento che rende più facile la comparazione del dato tra le due rilevazioni ma falsa lievemente i dati in termini di attribuzione dei seggi al Senato), con margine di errore piuttosto ampio, ± 4%.

Grazie ai dati Istat relativi all’ultimo censimento nazionale, è stata calcolata per ciascuna regione del Paese la popolazione maggiorenne; in tal modo diventa possibile tradurre in voti assoluti i dati percentuali, e soprattutto diventa possibile pesare i dati di ciascuna regione in modo da ricostruire un risultato nazionale a fronte dei risultati regionali.

Sondaggio regionale e sondaggio nazionale Tecné

Le discrepanze tra le due rilevazioni, pur abbondantemente all’interno della forbice di incertezza dei sondaggi, emergono in maniera piuttosto netta, e non possono essere spiegate con i dati non rilevati della Valle d’Aosta (con i suoi 100.000 circa maggiorennni) né con le date non perfettamente coincidenti tra le due rilevazioni. Questo è particolarmente significativo se si tiene conto che anche per il sondaggio a livello regionale il campione riguarda la popolazione maggiorenne, e non solo gli aventi diritto di voto al Senato.

Il primo dato rilevante riguarda il livello degli indecisi e degli astenuti, che nel sondaggio regionale è di tre quarti di punto percentuale (circa 330.000 voti in senso assoluto) rispetto a quello nazionale.
Entrando poi nell’ambito dei risultati delle singole formazioni, il dato forse in assoluto più eclatante è quello del M5S: +1,79% dal regionale al nazionale, ovvero oltre 600.000 voti in più tra i sondaggi che sommano i dati delle varie regioni e quello invece a valenza puramente nazionale. Una differenza in voti pari al numero degli abitanti di una città come Genova.
Anche le formazioni minori risultano favorite nella rilevazione nazionale rispetto a quella regionale: +1,04%, ovvero quasi 350.000 voti.
Quasi perfettamente allineata tra i due sondaggi appare invece Rivoluzione Civile, che nel nazionale guadagna appena uno 0,05% sul regionale.
Le tre coalizioni principali, invece, risultano tutte penalizzate nel sondaggio nazionale rispetto a quello regionale; in particolare, per il centro di Monti si parla di un -0,93% (-225.000 voti), per il centrodestra di un -0,47% (-25.000 voti) e per il centrosinistra addirittura un -1,48% (-305.000 voti).

(Continua a leggere cliccando su “2”)


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

4 comments
fabio
fabio

non capisco il senso di questo post. Prima scrive che l'errore e' di +- 4 %, e dopo si stupisce di una differenza dell'1 o del 2 % tra un sondaggio e l'altro???

Girolamo Arciuolo
Girolamo Arciuolo

C'è del rancore e colpisce principalmente il PDL: Non vorrei essere, ovviamente dal mio punto di vista, eccessivamente ottimista, ma ritengo proprio che il rumore di fondo rimanga ben percepibile, e in genere in questi casi, ripeto di rancore, il livello del rumore aumenta al momento del voto.

Zeno
Zeno

l M5S non ha sondagisti a libro paga ed è quindi molto sottostimata, situazione simile anche per Monti, pd e pdl avranno una grandissima batosta se non riusciranno ad innescare la paura nell'avversario e quindi il "voto utile" ma ormai si somigliano così tanto ed hanno fatto così tanti percorsi in comune che solo qualche pensionato potra cascare nella "trappola utile"

Kees
Kees

L'analisi è molto interessante. Segnalo solamente che un centrodestra al 27% in Toscana, con una media nazionale di circa il 28%, è altamente inverosimile. Nel 2008 ad esempio, con il 47% a livello nazionale, in Toscana il centrodestra raccolse il 34%. A mio parere Tecné in Toscana sottostima Ingroia e soprattutto Grillo.