•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 4 febbraio, 2013

articolo scritto da:

Termometro Finanziario: venti di ripresa per USA e mercati emergenti, ma l’Europa resta indietro

nyse

I mercati tentano una nuova spinta al rialzo, e stavolta è l’indice Dow Jones a superare una soglia psicologica importante, ovvero i 14000 punti visti per l’ultima volta nell’ottobre 2007. I mercati europei tentano di accodarsi, ma la situazione macro è abbastanza differente.

[ad]Nonostante i rischi di un evento devastante come il fallimento di Spagna e Italia o quello dei negoziati sul tetto del debito USA (per ora congelato), appare evidente che l’Europa corra ad un passo tutto suo (e più lento) rispetto ad altri Paesi. Gli indici anticipatori come i PMI, nonostante i miglioramenti, continuano a segnare una ripresa lenta e difficile per il Vecchio Continente, e anche la Germania sembra annaspare, come previsto, appesantita dalla crisi dei Paesi partner. Al contrario USA e Cina, fra gli altri, riescono a macinare numeri maggiormente positivi, tanto che si comincia a ipotizzare che la Fed possa cominciare la procedura di rientro dalle misure anti-crisi attuate negli ultimi anni, lasciando che l’economia ricominci a camminare, e magari a correre, con le proprie gambe.

A questo punto si aspetta l’Europa, con le sue eterne complicazioni dovuta all’essere continuamente “funestata” da anni elettorali (a quando l’armonizzazione dei cicli elettorali?) che congelano l’attività politica. Le elezioni in Italia e soprattutto in Germania rendono per ora e per i prossimi mesi impensabile un cambio di rotta, nonostante sia evidente che, se da un lato l’austerità è necessaria poiché i Paesi cicala hanno peccati da farsi perdonare, dall’altro manca una valvola di sfogo che impedisca a tale austerità di approfondire la recessione, che porterebbe a richiedere ulteriore strette fiscali che genererebbero nuovi buchi da riempire, e così via, fino al baratro o a un cambio di rotta, ammesso che non sia troppo tardi.

L’agenda macroeconomica vede i primi dati importanti nella giornata di martedì: l’Italia, insieme a Francia, Spagna e Germania, rilascerà il PMI servizi, che dovrebbe indicare se il settore sarà in espansione o in contrazione nei prossimi mesi. Purtroppo, con l’eccezione della Germania, gli indici si troveranno al di sotto della soglia di 50 punti che separa i due scenari, almeno secondo gli analisti. Indici simili saranno rilasciati anche da Cina e Stati Uniti, in questo caso l’attesa è per oltre i 50 punti. L’Italia rilascerà anche la stima preliminare dell’indice dei prezzi al consumo, attesi in crescita dello 0,2% su base mensile e del 2,2% su base annuale.

(per continuare la lettura cliccare su “2”)


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments

Trackbacks

  1. […] Termometro Finanziario: venti di ripresa per USA e mercati emergenti, ma l’Europa resta indietro Autore: Tooby @ToobyTweet Per Termometro Politico […]