•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 5 febbraio, 2013

articolo scritto da:

Il Risiko Delle Regioni: Piemonte-2

piemonte

Con il passare dei giorni il Piemonte sta perdendo l’appeal di “regione in bilico”. Un solo nuovo sondaggio, pubblicato il primo Febbraio,  si è interessato agli ultimi giorni alla competizione per il Senato in terra piemontese. La distanza tra le due maggiori coalizioni resta infatti stabile al 5%, mentre appare decisamente più interessante la lotta per il terzo posto che vede la lista centrista di Monti e il Movimento 5 Stelle in perfetta parità. Sembra essere oramai fuori dai giochi per l’assegnazione dei seggi Rivoluzione Civile di Ingroia e Di Pietro che si vedono addirittura superare dal movimento Fermare il Declino del torinese Oscar Giannino.

Bersani

Berlusconi

Monti

M5S

Ingroia

Giannino

scenaripolitici

34,5%

29,5%

11,5%

11,5%

5%

6,5%

 

[ad]Nella regione del primo storico parlamento della Repubblica si va a confermare la tendenza territoriale che vede una netta predominanza del centrosinistra nell’area metropolitana torinese a fronte di una maggioranza di centrodestra nelle aree lontane dal capoluogo. Un’analisi dei flussi confrontando l’esito delle ultime elezioni regionali del 2010 mostra come a subire una maggiore emorragia di voti sia il PDL (complice la separazione dei Fratelli d’Italia, che ha avuto un suo peso anche a livello locale) e, in particolare, la Lega Nord, mentre gli elettori più “fedeli” si dimostrano quelli del Movimento 5 Stelle di Grillo, seguiti dai sostenitori del Partito Democratico.
Nel tentativo di risollevare i deludenti pronostici nei giorni scorsi Di Pietro ha fatto visita di persona in terra piemontese dove, in un incontro ad Alessandria, ha strizzato l’occhio al movimento No Tav (un elettorato da sempre più vicino al Movimento dell’ex comico genovese) insistendo sull’impossibilità di perpetuare contemporaneamente i progetti dell’alta velocità in direzione Lione e del terzo valico.
Partita chiusa anche in Piemonte quindi? Difficile dirlo, certo è che il vantaggio della coalizione guidata da Pier Luigi Bersani si sta confermando di settimana in settimana. Resta però ancora la grossa incognita dell’universo dei non votanti e degli indecisi che a fine Gennaio insieme rappresentavano ben il 37% degli intervistati. Con una così grande fetta di elettorato ancora da collocarsi nello scacchiere politico riteniamo ogni previsione di vittoria decisamente prematura.

di Michele Bertini


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Dimissioni Renzi: Che cosa succederà ora?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

0 comments