•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 5 febbraio, 2013

articolo scritto da:

Olanda, economia protagonista della politica Ue.

I Paesi Bassi sono uno Stato spesso riassunto con stereotipi come i mulini a vento, i tulipani e i coffee shops, ma negli ultimi giorni sono giunti alla ribalta per diverse notizie. Innanzitutto l’abdicazione della Regina Beatrix a favore del figlio Willelm-Alexander. La sovrana, raggiunta la soglia dei 75 anni, ha deciso di andare in pensione così come fece sua madre Juliana nel 1980. Un concetto alieno all’istituzione monarchica. Di solito il Re governa fino alla morte. Ma gli olandesi si sono sentiti dire che è il momento di passare la mano a nuove generazioni. Probabilmente la loro nazione è più propensa alle novità rispetto al più conservatore Regno Unito.

[ad]A livello economico i Paesi Bassi sono sempre stati una costola della Germania: potenti, ricchi, con un’economia strutturata e solida, rating da AAA (massimo merito di credito) e, per certi versi più duri dei cugini tedeschi. In Olanda la tassazione è leggermente inferiore a quella italiana, ma i controlli contro l’evasione sono molto efficienti e il fenomeno è limitato al minimo fisiologico. Basta fare un giro per Amsterdam per capire quanto gli olandesi siano ligi alle regole della strada e del comportamento.

Nel periodo di massimo splendore per il regno di Beatrix il settore immobiliare ha aumentato dell’80% il proprio valore. Grazie alla politica fiscale per i mutui più espansiva d’Europa: gli olandesi possono portare in deduzione tutte le rate dei loro finanziamenti. Esse vanno a decurtare il reddito prima di calcolare la tassazione. L’effetto di tali vantaggi ha portato a un incremento dell’indebitamento per mutui da un 50% del PIL nel 1996 al 111% nel 2000, vanto della popolazione fiamminga, ma allo stesso tempo croce dell’attuale situazione.

In tale contesto si inserisce la notizia di alcuni giorni fa: la comunicazione da parte dell’intransigente Ministro delle Finanze Jeroen Dijsselbloem: la nazionalizzazione da parte dello Stato di SNS Reaal, la quarta banca d’Olanda causata da perdite derivanti dal settore immobiliare, nell’agosto del 2012 i prezzi delle case erano crollati dell’8% e contemporaneamente il gross debt-to-income ratio (le entrate lorde mensili destinate al pagamento dei debiti) olandese raggiungeva la non indifferente soglia del 249,5%, ovvero più del doppio di quello che veniva guadagnato serviva per pagare mutui e prestiti (per inciso lo stesso indicatore vale 88,9% per la Germania e il 65,9% per l’Italia).

olanda

Il problema sulla scena internazionale di Dijsselbloem è legato al suo ruolo di Presidente dell’Eurogruppo, ovvero l’insieme dei Ministri delle Finanze dell’Eurozona. Da tempo il Ministro Olandese, classe 1966, andava in giro predicando la politica dell’austerity e del rispetto dei conti, facendo di lui un ostile avversario dei paesi mediterranei, per gli esperti più di Merkel o Schäuble.

Si è definito in sede europea “un Babbo Natale al contrario” poiché non vuole regali per nessuno e tutti dovranno pagare le tasse regolarmente. Ora che la bolla immobiliare scoppia anche nei Paesi Bassi sarà interessante vedere come il Ministro del Governo Rutte spiegherà alla popolazione che il salvataggio per 3,7 miliardi di euro della SNS Reaal sono dovuti a una crescita drogata dal credito facile e da una domanda troppo allegra di immobili e che la crescita economica e la tenuta dei conti olandesi erano in gran parte alimentati dal settore del credito.

(Per continuare la lettura cliccare su “2”)

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento