•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 6 febbraio, 2013

articolo scritto da:

Sondaggio Ispo: forte calo di Monti, a rischio l’Udc

casini monti

Tra i sondaggi elettorali più attesi della settimana, sicuramente va considerato il sondaggio Ispo che Renato Mannheimer ha presentato ieri sera durante la puntata di Porta a Porta.

[ad]I dati che il sondaggio Ispo ci presenta ci portano a fare delle considerazioni non solo sulla sfida tra Bersani e Berlusconi, ma anche a proposito delle terze forze in campo.

Per quanto rigurada la sfida al vertice, anche Ispo segnala un calo costante della coalizione guidata da Bersani, che mantiene un vantaggio di 5 punti percentuali sul Cavaliere. In particolare, si segnala come il Pd sia sceso sotto quota 30%, per la prima volta da novembre (periodo di forte ascesa per i democratici grazie alla popolarità delle primarie) e che anche Vendola sia in lieve flessione, trovandosi comunque sopra quota 4%. Nel centrodestra, è il Pdl a superare l’asticella del 20% (ma non grazie alla proposta shock dell’ex premier, ancora non computabile nei sondaggi elettorali). Sostanzialmente stabile la Lega, in lieve flessione sia la Destra che Fratelli d’Italia (formazioni che concorreranno per i seggi destinati al “miglior perdente” della coalizione).

Pdl 21,2
Lega Nord 5,2
La Destra 1,4
FdI 1,5
Altri Cdx 0,5
Totale Cdx 29,8
Pd 29,9
Sel 4,2
CD 0,8
Totale Csx 34,9
Lista Monti 9,5
Udc 2
Fli 1
Totale CxM 12,5
M5S 16,4
RC Ingroia 3,9
FiD Giannino 1
Amnistia 0,8
Altri 0,7
Astenuti/Indecisi 27,4

Dicevamo delle terze forze. Nel sondaggio Ispo, il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo è ancora in crescita, segno che lo Tsunami Tour sta sortendo effetti molto più positivi delle “parlamentarie” tenutesi sul web. Il M5S è tornato al 16% (abbondante), superando il centro di Monti. Stando al sondaggio Ispo, per il Premier uscente l’ultima settimana non è stata positiva, essendo la sua coalizione scesa al 12,5%. Il calo di due punti è totalmente imputabile all‘UdC di Casini, che ormai veleggia appena sopra la soglia di sbarramento (se scendesse, sarebbe Fli a non avere eletti). Questo fatto – se confermato in altri sondaggi elettorali – potrebbe portare ad un cambio di strategia dei due leader Casini e Fini, per non vedere il proprio elettorato risucchiato completamente dalla lista civica di Mario Monti. Non solo: la stessa coalizione potrebbe essere a rischio seggi, considerando la soglia minima del 10% alla Camera. L’eventualità che la coalizione di Monti scenda sotto quota 10% ci sembra in realtà molto improbabile, ma va comunque segnalata. Ad ogni modo, la stessa formazione dovrebbe essere sicura di ottenere seggi al Senato, dove si presenta come lista e dove quindi deve superare una soglia dell’8% su base regionale. Per Casini, quindi, il seggio non sarà un problema.

Per quanto riguarda gli altri candidati, il sondaggio Ispo ci segnala come sia Giannino che Ingroia siano in calo questa settimana, e che nessuno dei due avrebbe seggi alla Camera.


L’inglese impeccabile di Virginia Raggi – CLICCA IL VIDEO

L'inglese impeccabile di Virginia Raggi

Sondaggio Referendum Costituzionale

sondaggio referendum costituzionale

La domanda del giorno

Ultimo giorno di sondaggi: chi vincerà il referendum costituzionale?

Risultati

Loading ... Loading ...

Tutte le elezioni del 2016

Una grafica interattiva che mostra tutte le elezioni del mondo nel 2016

Riforma Costituzionale: clicca sulla Costituzione e fai il quiz!

Quiz Riforma Costituzionale

Termometro delle Voluttà

DaSì o No?

DaSì o No?

articolo scritto da:

10 comments
carlo
carlo

è vero... Monti ha svenduto la sua credibilità per un modesto risultato elettorale conseguito a spese dei suoi due compari pseudocentristi Casini e Fini, e adesso? Adesso bisogna votare RC alla Camera e SEL al Senato (almeno in Lombardia e Sicilia); altre scelte equivalgono a votare il vecchio Berlusca, chiaro?

marmontel
marmontel

Gli ultimi sondaggi denotano un calo dei consensi al Centro grazie al mirabile fiuto del più cannibale dei politici italiani: il signor cattedra, Mario Monti che sta succhiando soprattutto dalle mangiatoie dei poveretti Casini e Fini che non avranno più il loro elettorato da rappresentare. Grazie a loro saremo redenti.

marmontel
marmontel

Gli ultimi sondaggi denotano un calo dei consensi per il Centro politico, questo grazie al fiuto del più cannibale dei politici italiani, il signor cattedra: M.Monti a danno dell'UDC e FLIl le cui mangiatoie elettorali si stanno sempre più riducendo per colpa dei loro capi Casini e Fini, 2 uomini soli al comando del NULLA. Questo ultimo atto del premier uscente è la ciliegina sulla torta per il POPOLO ITALIANO che dopo aver subito i suoi ricatti e vessazioni è finalmente libero dei maggiori responsabili di raccontaballe che l'ITALIA ha mai conosciuto!

Yuri B.
Yuri B.

Ingroia fascio-giustizialista? Con questa le ho sentito proprio tutte. Questa denigrazione non farà altro che accrescere i consensi per Rivoluzione Civile, che rappresenta l'unica vera sinistra, per la legalità e la giustizia sociale, rispetto ad un centrosinistra fake che trama con Monti-Fini-Casini.

mercurio
mercurio

In realtà abbiamo: Una destra mafioso-piduista Un centro sinistra Bildelberg-Banchieri M5S Rivoluzione Civile di Ingroia

floyd
floyd

Se Ingroia non supera il 4% alla Camera faccio festa, un beffardo 3,9% per il fascio-giustizialista con la barba sarebbe un'ottima cosa. Contento anche per il crollo dei democristiani (UDC) e dei post-fascisti (FLI). Spero che neanche Giannino - che comunque apprezzo come persona - superi la soglia. Insomma, meno frammentazione c'è meglio è. Troppi partiti, così è una cosa ridicola. L'ideale sarebbe tre raggruppamenti soltanto: una destra populista-peronista (Silvio), un centro-centro-destra liberale (Monti) e la sinistra.

Mattia
Mattia

Avete scritto Pdl al posto di PD

fm
fm

C'è un refuso nella tabella: il secondo PDL è in realtà un PD ;)

marmontel
marmontel

Quali sarebbero i motivi per i quali i siciliani e i lombardi dovrebbero votare per RC alla Camera e SEL al Senato? Esiste un programma coerente con i leader dei suddetti partiti che non sia l'immagine che i cittadini Pugliesi conoscono di Vendola ( inadeguato presidente della Regione Puglia: vedi gli scandali ILVA, San Raffaele di Taranto, rovina del mercato ittico e del paesaggio turistico...e la sanità pugliese!!!!) e che i cittadini siciliani conoscono anche del giudice Ingroia che ha approfittato dei morti Falcone e Borsellino per elevarsi a THE BEST oltre ad aver ricevuto il salvagente offerto da un altro ex collega Di Pietro, che non ha più voce in capitolo, per autorigenerare la inestinguibile razza dei giudici sceriffi e autopensanti immacolati? Forse è giunto anche per loro l'atto finale, facciamo attenzione a questi due uomini che pretendono di fare dei loro vizi le loro più grandi virtù!

tatata
tatata

lapsus freudiano?