•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 12 febbraio, 2013

articolo scritto da:

Moretti ha anticipato la realtà con “Habemus papam”

Nanni Moretti. Ieri, alla notizia delle dimissioni di Papa Benedetto XVI, come in un flash è tornato in mente a chi lo aveva visto il film di Moretti uscito circa due anni fa. Il famoso – da oggi ancor più – “Habemus papam”. Chissà perché. Un Papa che è stato tale per circa otto anni – Joseph Ratzinger – ed uno che non è riuscito neanche a cominciare – il Cardinale Melville del film –. Eppure il ricordo è riaffiorato all’istante.

[ad]Nanni Moretti decise a suo tempo di raccontare un’ipotesi così improbabile da far riflettere proprio per questo carattere di assurdità: cosa succederebbe se il Papa, un giorno, non se la sentisse di essere il Papa? Se il rappresentante della Chiesa, una persona che ha dedicato tutta la sua vita a diffondere la parola del Signore, investito dalla somma responsabilità di rappresentarlo al cospetto dell’umanità intera, volesse esimersi da questo compito? Quali reazioni susciterebbe – si chiedeva Moretti nel film – un caso senza precedenti?

Ovviamente senza precedenti degni di considerazione per noi, che viviamo in questa epoca e non in un’altra.

Moretti ci aveva mostrato quello che è dato vedere solo dall’esterno: cosa accade nelle stanze del Conclave mentre il mondo, in trepidante attesa, aspetta fuori una fumata bianca. Naturalmente immaginandolo a suo modo. I cardinali, di rosso vestiti, seduti uno accanto all’altro con penna e foglio per scrivere la storia della Chiesa e del mondo intero. Investiti da tanta responsabilità, eppure immaginati dal regista nervosamente impacciati, mentre cercano di spiare, come si fa a scuola, cosa è scritto sul biglietto del compagno di banco.

Più che dei severi rappresentanti della Chiesa sono delle persone tremendamente impaurite. Terrorizzate. Una torre di Babele di voci che si accavallano e in ogni lingua affermano la stessa cosa: Non io, Signore, non scegliere me, non sono all’altezza.

Al momento della sua inaspettata elezione, Moretti ci mostra un Papa colto da un enorme senso di inadeguatezza, sopraffatto dall’ansia e incapace di sorridere quando i cardinali si stringono a cerchio intorno a lui, sollevati per una sorte che non è toccata a loro. Alla domanda Accetti la tua elezione canonica a Sommo Pontefice?, questi è esitante e dapprima non risponde. Fino a quando qualcuno intona un Te Deum che non gli lascia scampo.

Ma i bisogni dell’uomo male si addicono ai bisogni di un Pastore della Chiesa. In fondo non è che un uomo come tutti gli altri. E il suo bisogno primordiale è quello di fuga. Fuga da un ruolo che non ha mai veramente vagliato, che lo coglie impreparato e che non gli appartiene. Fuga dalla marea di persone, provenienti da ogni parte del mondo, che lo aspettano riunite in Piazza San Pietro, pronte ad acclamarlo.

(Per proseguire la lettura cliccate su “2”)

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Partiti politici italiani

partiti politici italiani: l'archivio - statuti, programmi, bilanci

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

articolo scritto da:

Lascia un commento